Dal Bar25 al Kater Holzig: tutti i club di Berlino che hanno chiuso dal 2008 ad oggi

Bar 25

La vita notturna berlinese è attiva sette giorni su sette e non conosce giorni festivi. Che si preferisca ascoltare techno piuttosto che electro, house o rock, Berlino ha sempre avuto ogni tipo di locale dove andare a ballare.

Eppure per ogni nuovo club che apre,  ve ne sono altrettanti che chiudono. Spesso sono locali storici, di quelli che difficilmente potranno essere mai rimpiazzati come dimostra la lista che segue e che parte dal 2008 per arrivare ai giorni nostri. La ragione? il più delle volte la Gentrification, ovvero l’imborghesimento di un quartiere e le speculazioni immobiliari che vi sono state, altre volte la semplice scadenza dell’affitto.

C’è chi ha chiuso con closing party epici che rimarranno sempre nel cuore di chi vi ha partecipato e chi invece ha lasciato la scena in punta di piedi. In entrambi i casi vale la pena ricordare i migliori locali che a Berlino, dal 2008 ad oggi, hanno chiuso i battenti.

 2017

Il Grüner Salon è uscito di scena a luglio 2017. Non era semplicemente un club, ma un luogo di ritrovo per i veri amanti dell’electro swing, worldbeats e del rock.

The Club Berlin era un amatissimo club e caffè di Neukölln dall’atmosfera hipster e alternativa.

Il Molle Mupitz era un locale a due passi dalla torre della televisione, nel cuore di Berlino.

2016

L’Horns & Hooves ha chiuso i battenti nel 2016. E’ stato un club rock, ha ospitato suonatori di pianoforte, spettacoli cabaret e persino artisti di circo.

Da agosto 2016 anche il Brunnen70 ha chiuso e, sul sito ufficiale, ha salutato il suo pubblico con la frase “grazie per il tempo trascorso insieme”.

2015

Il Fritzclub era un locale su tre piani e un luogo di ritrovo per gli amanti della musica rock, indie, electro e black.

Il 2015 è stato anche l’anno di chiusura del RAW tempel. Si trovava sulla Revaler Straße ed era notissimo tra studenti e turisti.

Lo Stattbad Wedding non è stato solo un club techno e house, ma anche un centro che ha ospitato mostre artistiche, esibizioni, concerti e tanto altro ancora.

Il VEB Club è stato uno storico locale attivo dal 1995 al 2015. Qui si poteva bere alcol a prezzi stracciati e in effetti chi frequentava il locale sapeva bene quanto i proprietari fossero poco esperti di marketing e strategie di guadagno.

2014

Dopo 20 anni di successo il Cookies, un club itinerante di Berlino, ha chiuso nel 2014.

Chi è andato al K:Pax lo ha definito un’oasi techno. E’ stato un club storico frequentatissimo nei giorni di sole perchè dotato di una grande pista da ballo all’esterno.

Il Palast Neukölln ha avuto vita breve e poca fortuna: ha chiuso i battenti solo qualche mese dopo l’inaugurazione.

Il Magdalena si trovava a Friederichshain ed è stato un club di musica elettronica dotato di una bellissima terrazza che affacciava sulla Sprea.

Ospitava serate rock, punk, ma anche folk, dark e indie: il Dazzle ha chiuso definitivamente nel 2014 e al suo posto fino al 2016 c’è stato l’ Horns & Hooves.

Il M.I.K.Z. era un locale situato sulla Revaler straße, a Friederichshain. L’acronimo M.I.K.Z. stava per Multifunktionales Internationales Kulturzentrum e cioè centro di cultura multifunzionale e internazionale.

Il Lovelite club ha aperto nel 1999 e chiuso nel 2014. Chi lo ha visitato ha riscontrato una sottile somiglianza tra l’atmosfera di questo locale e quella Golden Gate.

Il Picnick è stato un locale di Mitte molto frequentato dalla comunità hippie berlinese.

Il Kingkong Club, aperto nel 2003, ha chiuso nel 2014 nonostante ottima musica esclusivamente live e prezzi di ingresso piuttosto modici.

2013

Il Festsaal Kreuzberg, a due passi da Schlessisches Tor, era famosissimo non solo per i suoi party notturni, ma anche per i concerti che ha ospitato prima della sua chiusura nel 2013.

 Zur Möbelfabrik, il cub techno di Mitte, ha ospitato la sua ultima serata il 29 giugno 2013.

Kater Holzig è stato il locale successore del Bar 25. Non era solo un club, ma anche un cinema e un famosissimo ritorante.

All’ Horst Krzbrg si poteva ascoltare musica elettronica, techno, dub ma anche house. Questo fino al 2013: anno della sua chiusura.

Il WYSIWYG ha chiuso dopo una disputa tra proprietari e al suo posto oggi c’è l’ R19.

Il VFC era uno club berlinese sotterraneo situato in corrispondenza della linea S-bahn che collega Hackescher Markt e Alexanderplatz. E’ chiuso definitivamente da marzo 2013.

2012

L’ Icon ha chiuso a gennaio 2012, ma i suoi gestori hanno poi aperto il famosissimo Gretchen a Kreuzberg.

Delicious Doughtnuts, ovvero deliziose ciambelle, era un locale jazz situato nel cuore di Berlino in voga tra il 1993 e il 2012, anno della sua chiusura.

2010

Il nightclub berlinese My name is Barbarella ha avuto vita breve e poca fortuna. I suoi proprietari, poco prima della chisura, hanno inaugurato il celebre Zur mir oder zur dir e il Süß War Gestern.

Il bar25 era un club di Friederichshain che, nell’arco della sua esistenza dal 2004 al 2010, ha raggiunto fama internazionale nella scena techno. Il bar è stato chiuso a settembre 2010 dopo una festa di cinque giorni e il sito è stato cancellato poco dopo.

2009

Domenica 23 Marzo 2003 è stata la data dello storico party di apertura del Ministerium für Entspannung, locale situato in zona Ostkreuz. 6 anni dopo la discoteca è stata chiusa in seguito ad un controllo straordinario all’interno del locale da parte della Polizia statale che ha rivelato un diffuso utilizzo di diversi tipi di sostanze stupefacenti.

il 2009 è stato l’anno di chiusura del Chez Jacki, un club dallo stile musicale electro, ma anche techno e house.

2008

Il 103 era un club situato a Friederichstrasse al civico 103, per l’appunto. Per questioni legate al gioco d’azzardo (all’interno c’erano roulette e un casinò) il locale ha chiuso nel 2008.

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

foto in copertina: Closed, CC0 1.0, © Alan Levine

Leave a Reply