DMY Festival, i migliori designer del mondo arrivano a Berlino

Anche quest’anno, dal 2 al 5 giugno, torna il DMY, il Festival Internazionale del Design di Berlino. La kermesse si svolgerà al Kraftwerk Berlin e il programma prevede numerosi workshop, showroom, conferenze e la New Talent Competition, oltre all’esibizione Floating Theatre in collaborazione con Grün.Kulturell e al simposio Flexible Cities & Mobile Architecture in programma per domenica 5 giugno.

Il Festival. Il DMY-Festival cerca di dare spazio ai nuovi talenti del mondo del design. Per questo motivo, durante le quattro giornate del festival, sarà possible ammirare non solo prodotti già pronti per il mercato ma anche studi e concept-product frutto della ricerca, dell’innovazione e dell’incontro del design con altre discipline. Il festival incoraggia dunque la sperimentazione e l’uso di nuovi materiali, soprattutto all’interno della sezione Education. Inoltre verranno presentati i lavori della ditta ungherese Codolagni, le borse-lampada Drapes di Ashley Scott e i fantastici abiti dei designer berlinesi di Ben Weide. Il tema di quest’edizione è Odyssey 2016, per esplorare le nuove frontiere del design sia digitale che analogico e allo stesso tempo cercare di capire quanto l’evoluzione che interessa questo mondo rappresenti un ritorno alle origini o piuttosto un definitivo allontanamento dalle classiche pratiche di progettazione.

Il programma. Che siate dei designer o dei semplici curiosi, sicuramente il DMY-festival non vi deluderà. La grande apertura è prevista per le ore 12 di giovedì 2 giugno ma la vera festa inizierà alle 19 con il DMY Award Show e il party in collaborazione con MIRA, il festival spagnolo di musica e visual. Durante le restanti giornate del festival ci saranno incontri, letture, workshop e conferenze per discutere e fare design. In occasione dei dieci anni dall’ingresso di Berlino nel network UNESCO City of Design verrà allestita la mostra Berliner Zimmer, per esporre i lavori dei designer berlinesi. Gli appuntamenti sono davvero tanti, ma anche solo una visita allo Showroom vale la pena di farla!

10649468_1046027328768867_2404366853940876935_n

DMY Internation Design Festival Berlin

Quando: dal 2 al 5 giugno

Dove: Kraftwerk Berlin, Köpenicker Straße 70, 10179 Berlino

Costo Biglietto giornaliero 12 € (ridotto € 8). Biglietto per la Grand Opening Night (02/06) 10 €

Sito internet

Evento Facebook

HEADER-SCUOLA-DI-TEDESCO

Foto di copertina © Patric Johansson © Söderbergagentur

Related Posts

  • 10000
    In Germania, come in Italia, una laurea in ambiti artistici non garantisce un lavoro. Ciò non toglie che studiare in Germania, al momento, se non si vuol diventare "artista" a tutto tondo, ma si ha in mente di studiare in quest'ambito per poi cercare un lavoro dove applicare le conoscenze acquisite,…
  • 10000
    Sarà Berlino ad ospitare la 9° edizione del World Architecture Festival. Dopo quattro lunghi anni in trasferta a Singapore, il Festival che celebra le architetture mondiali in gara ritorna alle origini con un'edizione europea. La primissima edizione del WAF fu infatti organizzata a Barcellona nel 2008. La scelta di Berlino. Paul Finch, direttore…
  • 10000
    Un open space di svariate centinaia di metri quadrati, tavoli, laptop, stampanti, sedie con rotelle (ma anche senza), bloc notes, abat-jour, raccoglitori, scaffali, libri, riviste, uno studio fotografico, una sala conferenze e, logicamente, anche una cucina...questo se parliamo di ciò che si vede con gli occhi. Quello che si ascolta, o…
  • 10000
    Ogni grande città ha una guida turistica che si rispetti, ma solo le più originali hanno una guida turistica a fumetti. Berlino non si stanca mai (Berlin sans repos) è una di queste. Il progetto delle francesi Anaïs Gontier, giornalista, e Margot Bardinet, illustratrice, ancora in fase di realizzazione, vuole raccontare in…
  • 10000
    Al Berghain si entra solo vestiti di nero? La leggenda è questa, e se anche non si può dire che sia verità, certo è che i club berlinesi siano dominati, quanto a vestiario, da colori scuri, spesso scurissimi. Parola d'ordine: anonimato. È forse da queste premesse che due designer della…

Leave a Reply