35 secondi del Parsifal con il buttafuori del Berghain, Peaches e musica electro

Certe contaminazioni estetiche possono avverarsi solo a Berlino. Dal 3 luglio è online Black Mountain, corto sperimentale dalla durata di circa dieci minuti liberamente ispirato al Parsifal, il capolavoro di Richard Wagner andato in scena per la prima volta nel 1882. Nel cast, davvero d’eccezione, figurano due personaggi simbolo del panorama musicale berlinese: il celebre bouncer del Berghain Sven Marquardt e la musicista electroclash canadese (ma da anni berlinese d’adozione) Peaches.

Il corto. Black Mountain è stato promosso da Audi City Berlin nell’ambito di Zeitgeist Project, un’iniziativa che si propone di incrementare il dialogo tra artisti appartenenti ad ambiti diversi e di sostenere la cultura nelle sue forme più sperimentali. Il corto Audi sponsorizza l’edizione 2016 del Bayreuther Festspiele, il festival annuale dedicato a Wagner a Bayreuth, città di elezione del compositore di Lipsia, che quest’anno si terrà dal 25 luglio al 28 agosto. Black Mountain è nato dalla sinergia di numerosi artisti: il collettivo Like a Wild Beast’s Fur, il compositore di elettronica e house Moritz von Oswald, il direttore artistico Jan Engel e, come accennavamo, un cast di tutto rispetto, tra cui appaiono alcuni famosi attori della Volksbühne come Alexander Scheer, Volker Spengler e Jasna Fritzi Bauer, performer come VER.u.s.c.h.k.a, outsider di talento come Sven e Peaches.

La mostra. Dal 3 luglio si può guardare gratuitamente il corto su YouTube o (con un’ottima risoluzione) sul sito della Audi Berlin. Il dramma wagneriano è reinterpretato in una chiave dark e techno, quasi fosse ambientato in un club berlinese. Ma non è tutto: a partire da mercoledì 6 luglio, la galleria Ebensperger di Berlino ospita anche una mostra ispirata a Black Mountain: il pubblico potrà fruire gratuitamente dell’installazione di Hauke Odendahl e dei ritratti che Florian Kolmer, bravissimo fotografo berlinese, ha scattato agli attori durante le riprese. Un modo per immergersi ancora più profondamente nell’atmosfera del Parsifal e del suo riadattamento in chiave berlinese e postmoderna.

Cast
© Audi City Berlin

Black Mountain

Dove: Galleria Patrick Ebensperger – Plantagenstraße 30, 13347 Berlin

Quando: dal 6 al 24 luglio 2016

Orari: dal mercoledì al sabato, 14-20

Ingresso gratuito

Evento Facebook

banner3okok (1)

Foto di copertina © YouTube

Related Posts

  • Mi chiamo Sven Marquardt, sono un forografo e lavoro da più di vent'anni nel clubbing berlinese Si intitola Best of Sven Marquardt ed è un video di 230 secondi dedicato al celebre selezionatore del Berghain, il club più celebre di Berlino. A realizzarlo è stato Oliver Würffell su commissione della Sony intenzionata…
  • di Iris Müller Quanto segue è frutto di mie considerazioni personali. Vivo a Berlino dal 2003 e frequento il Berghain dal 2005. Non siete d'accordo con me? Me ne farò una ragione. Ecco le (mie) 10 ragioni per non andare al Berghain. 10- Per le code. Non si può aspettare…
  • Il Berghain? Il suo mito a Berlino si prepara ad essere soppiantato dal ben più spontaneo The Birdhain dove non c'è nessun selezionatore alla porta e nessuno controlla se vi si scattano foto sl suo interno. Del resto è una casa per uccelli. Ad averla creata è il communication designer Malte Jensen.…
  • Il Berghain continua a far parlare di sé. Che siano leggende, dicerie, o verità, resta di fatto che il club techno considerato numero uno al mondo riesca sempre a far parlare di sé. Dalla scorsa settimana il divieto di scattare foto al suo interno diventa imperativo. Non basta più la fiducia.…
  • Di App per smartphone, consigli, articoli, addirittura libri su come entrare nel più famoso e ambito techno club di Berlino, ne sono stati fatti tanti (anche noi tra colpevoli, ecco i nostri suggerimenti per avere un cenno di assenso da Sven Marquardt). Purtroppo nessuno può davvero assicurare l'entrata al Berghain…

One Response to “35 secondi del Parsifal con il buttafuori del Berghain, Peaches e musica electro”

  1. pietro

    non viene menzionata tra le comparse ma appare anche Nina Kraviz nel video

    Rispondi

Leave a Reply