Il fotografo coreano-tedesco che fa fare sesso ai suoi modelli per un marchio di moda

Heji Shin

Il servizio fotografico di Heji Shin lascia poco all’immaginazione

Che la pubblicità sia sempre più esplicita è ormai evidente. Siamo sempre più bombardati da immagini allusive e slogan ammiccanti. Finora, però, non si era mai varcata la soglia della pornografia. Nell’era di internet, dei social il confine si è fatto via via sempre più sottile. Il marketing si è fatto sempre più estremo spingendo un’azienda a fare di tutto pur di far diventare il suo brand virale in rete. Il fotografo tedesco-coreano Heji Shin ci è riuscito trasformando la campagna pubblicitaria per un marchio di abbigliamento in un dibattito su scala mondiale.

Le foto

Heji Shin ha realizzato un servixio fotografico in cui i modelli praticano realmente sesso. Le foto hanno indagato ogni tipo di rapporto: lesbo, etero, gay in ogni tipo di posizione: anale, orale e vaginale. Il dibattuto servizio fotografico è stato fatto per presentare la collezione della primavera 2017 degli stilisti statunitensi Mike Eckhaus e Zoe Latta. I due stilisti e il fotografo hanno chiesto ai modelli, per promuovere il marchio, di fare sesso durante le sessioni fotografiche. Una richiesta inusuale che ha colpito tutti per la sua unicità. «Doveva essere autentico,» – ha affermato Mike Eckhaus – «non credo che l’idea di simulare il tutto ci sia mai passata per la testa. Per noi, è stato molto importante pensare al sesso come qualcosa di veramente naturale e non qualcosa di finto, ipersessualizzato o tabù». Un’idea che ha colpito tutti per la sua forza, anche se non sempre positivamente. Una campagna pubblicitaria che sfiora il voyerismo; ci troviamo infatti di fronte a foto che se da un lato promuovono i capi dall’altro mostrano scene di sesso esplicito.

Eccone alcuni scatti.

Heji Shin

Heji Shin

Heji Shin

Heji Shin

Tutte le foto su eckhaus_latta, l’account Instagram ufficiale dello stilista.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply