Il Friuli Venezia Giulia a Berlino: un incontro per parlare di emigrazione fra passato e presente

Cosa lega il Friuli Venezia Giulia alla Germania? Una lunga storia di emigrazione.

Sabato 7 novembre, alle 17.00, la Cantina Sociale di Berlino ospiterà un incontro in cui si ripercorreranno le storie dei migranti friulani e delle realtà professionali che si sono trasferite in Germania, un momento per ritornare sui passi delle vicende d’emigrazione e sulle sue tappe fra passato e presente, cercando punti d’incontro e confronto e riflettendo sulla continuità che le lega.

Organizzato dal gruppo FVG+, l’incontro vuole creare un’occasione in cui gli italiani del Friuli Venezia Giulia si possano incontrare e conoscere, condividendo la propria esperienza di “friulani all’estero” e scambiando punti di vista differenti sulla vita a Berlino. Chi sono gli italiani del Friuli Venezia Giulia e in che modo hanno trapiantato la loro vita a Berlino?

Queste e altre domande saranno al centro della tavola rotonda, a cui prenderanno parte il dottor Luigi Reitani, docente dell’Università degli Studi di Udine e nuovo direttore dell’Istituto Italiano di Cultura a Berlino, Allan Cudicio, game developer, Roberta del Ben, operatrice in ambito culturale e teatrale, Margherita Grizzo, traduttrice e autrice di libri di viaggio, Michele Bernardon, Presidente dell’Ente Friulano Assistenza Sociale Culturale Emigranti e Margherita Sgorbissa, vicedirettrice di Berlino Magazine.

L’obiettivo dell’incontro è di dare inizio a una serie di appuntamenti per costruire una rete di italiani del Friuli Venezia Giulia a Berlino e creare un punto di riferimento non solo per chi è già arrivato, ma anche per chi è in procinto di partire.

L’incontro sarà moderato da Alessandro Battiston, organizzatore dell’evento.

 

FVG + TAVOLA ROTONDA

Sabato 7 novembre 2015, ore 17.00

Cantina Sociale, Zionskirchstrasse 77, 10119 Berlino

Entrata libera con aperitivo

L’evento su facebook qui

 

Immagine di copertina (c)  Stròlic Furlàn – Davide Gabi CC By SA 2.0

 

Leave a Reply