Il palazzo della Cancelleria federale, una delle architetture più audaci di Berlino

Cancelleria

Realizzato in vetro e cemento armato, il Bundeskanzleramtsgebäude (Palazzo della Cancelleria federale) è circa otto volte più grande della Casa Bianca di Washington

Un grande palazzo moderno dalle lisce facciate in vetro e cemento domina il quartiere governativo di Berlino: è la sede della Cancelleria federale della Germania riunificata, un edificio imponente che vuole simboleggiare la trasparenza istituzionale.

Storia e funzione del palazzo della Cancelleria

Il Palazzo della Cancelleria federale è la sede ufficiale del Cancelliere federale della Germania. Si tratta di una delle costruzioni più imponenti del Regierungsviertel, il Quartiere del Governo di Berlino, sorto in seguito alla decisione del Bundestag (il parlamento federale tedesco) di riportare a Berlino la sede del Governo della Germania riunificata. Il Bundeskanzleramt fu progettato dagli architetti tedeschi Axel Schultes e Charlotte Frank dal 1992 al 1998. Inaugurato nel 2001, l’edificio ha una superficie di 12.000 m² ed è una delle sedi di governo più grandi al mondo: per quanto molto più piccolo del Quirinale (che misura 110.500 m²!), è ben otto volte più grande della Casa Bianca. Non è necessario che il Cancelliere in carica risieda nell’appartamento semi-ufficiale a lui destinato. Angela Merkel, ad esempio, ha preferito abitare nel suo appartamento privato poco distante.

cancelleria federale tedesca
© Manfred Brückels, Bundeskanzleramt, Berlin. Blick von Osten (Haupteingang) / CC BY-SA 3.0

La “lavatrice federale”

Il palazzo, sito lungo le sponde del fiume Sprea, è costituito da un edificio centrale di nove piani e da due lunghe ali laterali più basse. Elemento peculiare dell’edificio principale sono i grandi archi di candido cemento alti 18 metri che lasciano emergere il vetro nella parte superiore delle facciate esposte a Nord e a Sud. Per questa sua caratteristica e per la sua forma architettonica, l’edificio è soprannominato dai berlinesi “Bundeswaschmaschine” (lavatrice federale). Il contrasto con il vicino palazzo del Reichstag in stile neorinascimentale (per quanto alleggerito dalla splendida cupola in vetro di Norman Foster) esalta la modernità del Bundeskanzleramt. L’architettura del palazzo della Cancelleria federale, e in particolare le sue facciate in vetro, sono una metafora dell’apertura e della trasparenza della nuova Germania unita. All’esterno del Palazzo si trova un maestoso cortile dove vengono accolte le autorità in visita ufficiale. Famosa è la statua in bronzo dal nome Berlin realizzata da Eduardo Chillida in onore della riunificazione della Germania e posta nel cortile.

Come visitare il palazzo delle Cancelleria

Come riporta Visitberlin.de, ogni anno a settembre ha luogo il “Tag der offenen Tür” (giornata porte aperte), in cui è possibile visitare l’edificio. Il sito di viaggi Expedia.it riporta che si può anche prendere parte a tour guidati del Palazzo per ammirare la collezione di opere d’arte moderna e contemporanea ospitata al suo interno: si spazia dai dipinti dei grandi maestri tedeschi alle numerose sculture che decorano l’edificio. Al secondo piano la Galleria del Cancelliere ospita inoltre i ritratti dei sette ex cancellieri della Repubblica Federale Tedesca. Nella “sky lobby” all’ultimo piano si può inoltre apprezzare una delle viste più suggestive della città. Da qui si può scattare una foto ricordo del meraviglioso panorama sul parco di Tiergarten o della celebre cupola del Reichstag. Per ammirare al meglio l’esterno del palazzo, consigliamo invece di osservarlo dal vicino Moltkebrücke o passeggiando sulla riva settentrionale della Sprea.

Palazzo della Cancelleria federale (Bundeskanzleramtsgebäude)

Willy-Brandt-Straße 1, 10557 Berlin

Visitabile durante la giornata porte aperte (“Tag der offenen Tür”) ogni settembre

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Holger WeinandtBundeskanzleramt in Berlin / CC BY-SA 3.0 DE 

Rosellina Neri

Nata a Roma, a 10 anni mi sono trasferita a Lipari alle Isole Eolie, dove ho vissuto in barca per qualche anno. L'isola la considero casa, in ogni suo scorcio, in ogni sua luce e in ogni suo scoglio. Ho iniziato gli studi in Giurisprudenza a Palermo, terra natale di mia madre. Ora vivo a Berlino e ho portato con me la voglia di scrivere. "Da grande", mi piacerebbe essere una giornalista.

Leave a Reply