Il Tacheles rivive a Berlino. 10 foto per spiegarvi cos’era e rimpiangere una Berlino che non c’è più

Una mostra celebra il celebre centro per artisti, a lungo tappa obbligata di qualsiasi visita berlinese

Situato sulla Oranienburgerstraße, quartiere Mitte, il Tacheles è stato uno dei simboli di Berlino. Un luogo dalle mille identità, di cui una, l’ultima, così affascinante da essere rimasta nel cuore di tutti i berlinesi e da diventare una fondamentale attrazione per i turisti.Dal 1990 al 2012 il Tacheles fu sede di un collettivo di artisti che nei suoi spazi diede vita a un’esperienza culturale unica. Il 2012 fu l’anno della sua definitiva chiusura. Da allora l’edificio non è più accessibile, ma per rivivere gli anni di apertura del Tacheles c’è ancora speranza: dall’11 febbraio al 13 marzo 2017 la galleria Klassenfeind Gallery ospiterà la mostra fotografica di Stefan Schilling Tacheles 27.

Breve storia del Tacheles

Per quelli che sono arrivati nella capitale tedesca da pochi mesi, la parola “Tacheles” non dice un granché. Sappiamo tutti che è un grosso edificio nel cuore del quartiere Mitte, severo nelle sue forme che passano da qualche elemento tardo gotico a quel plumbeo bugnato neo rinascimentale. Ci guarda in modo inflessibile ogni qual volta siamo nelle vicinanze di Friedrichstraße e Oranienburger Straße, come un vecchio nonno insoddisfatto. Ma chi è esattamente questo nonno? Nato dall’ambizioso desiderio dell’imprenditore tedesco Otto Markiewicz di costruire una galleria commerciale analoga a quelle da poco sorte nelle maggiori città europee come i grandi magazzini Printemps di Parigi o il più celebre Harrods di Londra, il Tacheles ha cambiato volto, nell’ultimo secolo, una miriade di volte. Divenne luogo di vendita e assistenza tecnica dei primi elettrodomestici della società AEG, sotto il regime nazista fu prima il luogo di alcune riprese televisive e poi sede del Comando centrale delle SS, nonché luogo di detenzione di prigionieri di guerre e dissidenti politici. Con l’avvento della DDR le sale furono adibite a congressi delle federazioni sindacali, includendo anche il cinema “Camera”. A pochi mesi dalla caduta del Muro, a causa del pesante stato di degrado di ciò che rimaneva dell’edificio, venne pianificata la sua completa demolizione che doveva avvenire il 10 aprile 1990, ma il 13 febbraio l’intera struttura venne occupata dal primo collettivo di artisti che fondò una vera e propria iniziativa organizzata che battezzò “Tacheles”, nome che in yiddish significa “parlare in modo schietto”.

Tacheles 27 – la mostra fotografica di Stefan Schilling

Dal 1990 fino al 2012, anno della sua definitiva chiusura, il Tacheles rinacque. Quel primo gruppo di artisti che lo occupò, ne fece il centro artistico per eccellenza di Berlino. Il pesante clima di censura vissuto con la DDR partorì un’esperienza culturale unica che purtroppo si esaurì nel 2012. Ma a tutt’oggi l’eredità del Tacheles rimane intatta. Sabato 11 febbraio, la galleria Klassenfeind, situata a pochi passi dallo storico edificio, celebrerà questa eredità presentando il volume fotografico TACHELES – Die Geschichte des Kunsthauses in Fotografien concepito da Stefan Schilling. Le foto rimarranno esposte dall’11 febbraio al 13 marzo 2017.

16652071_10212195020341527_542101979_n
Nella locandina della mostra, il giardino del Tacheles dall’alto

Il fotografo. Nato ad Erfurt, l’artista vive a Berlino dal 1990. Da allora ha partecipato attivamente alla storia di questo luogo come graffitaro, grafico, curatore di mostre e naturalmente fotografo. L’opera documentaristica ci dà la possibilità di vedere come l’attività artistica, sociale, antropologica e politica di questo posto fosse fervente e rigogliosa.

03_Ausstellungssituation-min
Mostra al Tacheles

Le foto. Mostrano una Berlino che ha voglia di crearsi una propria identità, una città che vuole finalmente dimostrare al mondo di essere una e unica: la Berlino underground, anarchica e volutamente menefreghista che vediamo ancora oggi, anche se nel 2017 la potente spinta rivoluzionaria si è spenta, o perlomeno molto indebolita, e la lotta identitaria per essere diversi si è trasformata in un guazzabuglio hipster a tratti noioso. Il piazzale retrostante il Tacheles con le sue sculture e performance quotidiane, le mostre degli artisti che vivevano qui, le pièce teatrali, le feste, i graffiti: Stefan Schilling ha documentato tutto, non solo gli avvenimenti principali di questa casa per artisti, ma la vita di tutti i giorni. I colori, i volti, gli odori, il fotografo non nasconde nulla e non vuole farlo, anzi, vuole mostrarci ogni cicatrice, ogni lacrima e ogni sorriso del Tacheles.

Perché in fondo questa vecchia architettura traballante non è altro che un micro-mondo berlinese: come la città anche l’edificio non nasconde sotto il tappeto i suoi problemi o le sue ferite, che diventano al contrario motivo di fierezza. Orgoglio per i muri scrostati, la musica ad alto volume, i mozziconi di sigaretta ancora fumanti lanciati dove capita. Quanta nostalgia per una Berlino che noi non abbiamo vissuto, provato e abitato.

Spettacolo al R.A.M.M Theaters - Il teatro del Tacheles
Spettacolo al R.A.M.M Theaters – Il teatro del Tacheles
Mostra di Rupi Wegener al terzo piano del Tacheles
Mostra di Rupi Wegener al terzo piano del Tacheles

 

16684787_10212194990700786_1406182764_n
Tacheles 1995
Touristen davanti Graffiti di Gustav Sonntag (alias Feliks Stift) e SOMAD
Touristen davanti Graffiti di Gustav Sonntag (alias Feliks Stift) e SOMAD
16558780_10212194974740387_1657147519_n
Il rooftop del Tacheles
Bambini giocano sul panzer nel giardino del Tacheles
Bambini giocano sul panzer nel giardino del Tacheles
© Party im Theatersaal des Tacheles, etwa 2011
Party im Theatersaal des Tacheles, 2011

Tacheles 27- A Photographic Exhibition by Stefan Schilling

dal 11 febbraio (vernissage alle ore 17.00) fino al 13 marzo 2017

presso Klassenfeind Gallery, Oranienburger Straße 22, 10178 Berlino

aperta da lunedì a venerdì, orari 12-18

ingresso gratuito

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Tutte le foto sono pubblicare per gentile concessione di © Stefan Schilling 

 Nella foto di copertina, il giardino del Tacheles di notte, 1995

Related Posts

  • Lo si sapeva già da tempo, ma con il mese di aprile il momento è arrivato: cominciano i lavori sull'area che, fino allo sgombero avvenuto nel settembre 2012, ospitava il Tacheles, casa d'arte simbolo della Berlino che fu. L'impresa Perella Weinberg, che due anni fa ha acquistato il lotto di…
  • Domenica 8 marzo Berlino Cacio e Pepe in collaborazione con Italian Film Festival Berlin presentano, film documentario sugli ultimi giorni della celebre galleria d'arte e centro culturale Tacheles (chiuso nel 2012) diretto da Stefano Casertano. Dopo la proiezione ci sarà un incontro con il regista che parlerà sia di The Last…
  • Dalla costola e fucina di idee del ben famoso ed ormai defunto centro artistico Tacheles, del quale tanto si è detto, si sono staccate alcune cellule e due instancabili ragazzi continuano a produrre il loro lavoro, perché quello che conta davvero per un artista è l'esigenza di esprimersi e raccontare…
  • Uno dei simboli di una Berlino che sta lentamente scomparendo è stato venduto ad un fondo immobiliare per 150 milioni di euro. Al posto dell'ex casa d'arte occupata nel 1990, i suoi 25.000 metri quadrati saranno occupati da uffici, appartamenti, negozi e degli hotel. Il complesso, fondato subito dopo la…
  • Il Tacheles, storico progetto culturale, simbolo della scena artistica indipendente berlinese, nonostante la sua chiusura definitiva nel settembre 2012, dopo ben 22 di attività, continua a suscitare sempre grande interesse. Per anni incarna l’immagine della Berlino dove tutto è possibile e dove i creativi di tutto il mondo hanno ampio…

Leave a Reply