Viandante sul mare di nebbia, la storia e l’interpretazione di uno dei più bei quadri di Caspar David Friedrich

© Il Viandante sul mare di nebbia - immagine tratta dal video del canale Youtube "Artesplorando"

Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich è uno di quei quadri da vedere almeno una volta nella vita.

Quanti di noi almeno una volta nella vita si sono imbattuti nel celeberrimo quadro di Caspar David Friedrich, il Viandante sul mare di nebbia? La figura di un uomo ritratto di spalle si erge al di sopra di un precipizio roccioso e da lì osserva l’orizzonte che si apre davanti ai suoi occhi. Il quadro è stato definito il “manifesto della pittura romantica” ed è conservato in Germania, nella Hamburger Kunsthalle di Amburgo.

© Camilla Nardelotto - Il viandante sul mare di nebbia, Caspar David Friedrich (1817)
© Camilla Nardelotto – Il viandante sul mare di nebbia, Caspar David Friedrich (1817)

La descrizione del quadro

Il Viandante sul mare di nebbia ritrae una figura solitaria e ritratta di spalle, che volge lo sguardo verso l’infinito. L’uomo nel quadro è un viaggiatore che indossa un soprabito scuro e con la mano destra si appoggia ad un bastone da passeggio. L’uomo si erge al di sopra di un precipizio roccioso e da lì osserva il paesaggio circostante, un paesaggio di cime montuose e colline, avvolte da una nebbia fittissima. Caspar David Friedrich è ritenuto un grande paesaggista, meticoloso nella rappresentazione di luoghi naturali. Non a caso si ispirava a posti realmente esistenti. Sullo sfondo dell’opera si staglia lo Zinkerstein, la collina della Svizzera sassone, e a sinistra è rappresentato il Rosenberg, mentre il precipizio roccioso altro non è che il Kaiserkrone, un gruppo collinare della Sassonia.

When we think of the wanderer as a painterly motif, the famous painting ‘Wanderer above the Sea of Fog’ by Caspar David Friedrich comes to mind. This exceptional loan from the @hamburger.kunsthalle forms the starting point of our upcoming exhibition ‘Wanderlust’. Today we had the press conference and tomorrow at 7 pm we will be celebrating the opening. You are very welcome to join us! //// #wanderlustinberlin #wanderlust #wanderer #caspardavidfriedrich #derwandererueberdemnebelmeer #altenationalgalerie #hamburgerkunsthalle #instaweltkunst #takeover #weltkunst #wandererabovetheseaoffog @staatlichemuseenzuberlin @freundedernationalgalerie //// Caspar David Friedrich, Wanderer above the Sea of Fog, around 1817 Hamburger Kunsthalle © SHK / Hamburger Kunsthalle / bpk / Elke Walford

Un post condiviso da WeltkunstMagazin (@weltkunstmagazin) in data:

Caspar David Friedrich e il sublime

«Devo essere solo e sapere che sono solo per poter vedere e sentire pienamente la natura. Devo compiere un atto di osmosi con quello che mi circonda, diventare una sola cosa con le mie nuvole e le mie montagne per poter essere quello che sono.»

Sono queste le parole del pittore tedesco Caspar David Friedrich in merito alla sua celeberrima opera. Il quadro, dipinto nel 1818, è considerato il manifesto della pittura romantica. Protagonista indiscusso non è più l’uomo, ma il paesaggio naturale. Ed è proprio per questo che Friedrich è ritenuto un grande paesaggista capace di esprimere il concetto di “sublime” come nessun pittore è riuscito a fare. Il “sublime” è stato già trattato dal filosofo tedesco Immanuel Kant alla fine del Settecento nella sua opera “Critica del Giudizio”. Kant cerca di darne una definizione: si tratta in sostanza di una dialettica in continua tensione tra lo sgomento che l’uomo prova di fronte alla grandezza della natura e l’esaltazione dell’individualità. L’uomo riconosce la propria unicità davanti alla natura selvaggia e immensa e vi si abbandona.

“L’uomo si abbandona all’immaginazione e alla ragione, la quale ultima, pur unendosi all’immaginazione senza alcun fine determinato, la estende, e insieme trova che tutta la potenza dell’immaginazione stessa è inadeguata alle sue idee.”

L’Hamburger Kunsthalle di Amburgo

Il Viandante sul mare di nebbia si trova attualmente all’Hamburger Kunsthalle di Amburgo. Il museo è stato fondato nel 1868 e la struttura adibita per ospitare arte antica, moderna e contemporanea. Oltre al Viandante sul mare di nebbia di Caspar David Friedrich vi è anche Il mare di ghiaccio (in tedesco Das Eismeer). Oltre a Friedrich vi sono anche alcune opere di Édouard Manet, Gian Lorenzo Bernini e Albrecht Dürer.

Hamburger Kunsthalle

Glockengießerwall, 20095 Amburgo

Aperto dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18. Giovedì dalle 10 alle 21. Lunedì chiuso.

Costo biglietto 14 euro, ridotto 8 euro

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Viandante sul mare di nebbia – immagine tratta dal video del canale Youtube “Artesplorando

Leave a Reply