Io amo e odio Kottbusser Tor – Kreuzberg – Berlino

di Vincenzo Dani

Kebab. Italiani. Italiane. Kreuzberg. Kottbusser Tor, Kotti per chi qui ci vive da un po’. Lavoro. Nonlavoro. Italiani a Kotti. Italiani a Kreuzkoelln. Hipster a Kreuzkoelln. Gente che per dimostrare a sé stessa di essere diventata berlinese deve rientrare alle 8 del mattino sennò sarebbe tutto troppo convenzionale. Gente che si colora di tonalità fluorescenti perché sennò pensa che nessuno la vedrebbe. Gente che appena torna a casa sua vorrebbe tornare a Berlino. Gente che sta a Berlino e vorrebbe stare a casa sua, non tutti hanno scelto dove vivere, il loro trasferimento è stato obbligato. Gente che pensa di essere figa solo perché vive a Berlino. Pazzie che fai solo a Berlino o forse che fa più figo dire che puoi farle solo a Berlino.

Un sindaco gay. Interi quartieri gay. Famiglie, punkabbestia, cani dei punkabbestia che ti vogliono vendere lo Strassenfeger, il giornale dei senza tetto. La U-Bahn sempre in orario. La U-Bahn sempre in ritardo. La BVG, l’azienda dei trasporti pubblici cittadini, fa cagare. La BVG è una figata. La voce che ti intima di stare lontano dai binari quando passa la metro: “Bitte Beachten Sie beim Aussteigen die Lücke zwischen Zug und Bahnsteigkante“. L’odore mattutino delle Baeckerei, le panetterie. Che poi sono quasi sempre turche. Le Apfeltaschen, i cornetti ripieni di mele. Gli Italiani. Gli spagnoli appena sbarcati a Berlino che cercano aiuto e qualcuno alla fine glielo dà. Gli spagnoli che hanno ricevuto aiuto per cercare un lavoro, ma che poi ci ripensano e dicono che ora vogliono concentrarsi sullo studio del tedesco, ma tu li incontri alle otto del mattino di un giovedì, a Kottbusser Tor, mentre tu vai a lavoro e loro a casa. Stanno cercando di diventare berlinesi.

Berlino, povera, ma sexy.

La foto di copertina: Kottbusser Tor (Berlin U-Bahn station) © Kwertii CC BY-SA 3.0

Related Posts

  • Regolamento di conti tra spacciatori e rappresaglia tra gang: sono queste le due piste principali seguite dalla polizia di Berlino per l'omicidio che, sabato sera intorno alle 22, ha insanguinato un complesso abitativo in Adalbertstraße, non lontano da Kottbusser Tor. La vittima, come riportato dalla Berliner Zeitung, è stata raggiunta da…
  • Ombre di Ilaria Celestini (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”, racconto scritto in occasione della Passeggiata Letteraria) Ore 11. La radio di un taxi fermo in Adalbertstr. trasmette il notiziario. Allungo il passo in modo impercettibile, senza affrettarmi visibilmente. La fretta dà nell’occhio ed io voglio essere invisibile. È più…
  • di D.A.  Kreuzberg, Berlino, mancano un paio di minuti circa alle 2 di pomeriggio. Come sempre, sono in compagnia della mia fedele bici. È una splendida giornata di sole con un filo di vento. Sono in bicicletta lungo l'Adalbertstraße, direzione Kottbusser Tor. Palazzoni e gente da ogni angolo dl mondo.…
  • Vieni a prendermi a Koootti… - di Elisa Leonzio (dal Workshop di Scrittura Creativa “Scrittori Emigranti”, racconto scritto in occasione della Passeggiata Letteraria) Era stata davvero un’idea insensata. Darsi appuntamento a Kottbusser Tor o, come l’aveva chiamata lui allungando la o all’inverosimile, a Koootti. «Sto male! Vieni a prendermi alla…
  • Episodio shock presso la stazione di Kottbusser Tor, zona Kruzberg di Berlino. Mattina di sabato 14 gennaio. Un gruppo di adolescenti di un numero tuttora imprecisato, ma la polizia sostiene sia tra i 5 e i 10 componenti, ha provato a spingere sui binari diversi passeggeri in attesa della metropolitana. Come…

One Response to “Io amo e odio Kottbusser Tor – Kreuzberg – Berlino”

  1. David Rodinò

    Bravo Damiano.Sono felici che fai parte della grande Famiglia di Cacio e Pepe.Sembra un pezzo scritto da Jannacci allo zoo comunale…vengo anchio?

    Rispondi

Leave a Reply