Ishin, il deli giapponese a Berlino

Ishin è ottimo per un pranzo in un locale dall’aria rilassata, anche se l’attesa durante le ore di punta potrebbe essere lunga.

I ristoranti giapponesi in Europa tendono ad assomigliarsi sempre un po’: superfici nere e lucide, piatti di porcellana con illustrazioni di geishe e alberi di ciliegio, luci soffuse, profumo di zenzero, eleganti composizioni di riso bianco, alghe e vibranti filetti di pesce fresco, e menù dai prezzi esorbitanti.

Il ristorante

Ecco, Ishin, «deli» giapponese, non è nulla di tutto ciò. E’ un locale ampio e luminoso, con grandi tavoli rossi che lo fanno assomigliare a un caffè o persino a una mensa e che probabilmente dovrete condividere con degli sconosciuti. Ishin è rumoroso, spesso affollato, talvolta persino caotico, nascosto in una traversa della Friedrichstraße. Il locale non è particolarmente elegante ma si respira un’aria autentica, e c’è qualcosa di rassicurante nell’osservare i cuochi dietro al bancone che ridono mentre si asciugano le mani sul grembiule, prima di affettare con precisione rotoli di alga e riso bianco.

Il menù

Il menù include numerose variazioni di sushi e sashimi e tanti classici della cucina giapponese. Ma i cey-ro sono sicuramente il punto forte del ristorante: si tratta di rustiche ciotole di bambù con una base di riso e verdure, frittata e carne o pesce a scelta, cotti al vapore. Consiglio quello al pollo teryiaki, morbido e succulento, ma anche quello vegetariano è delizioso. Semplici, nutrienti ed economici (il prezzo oscilla tra i 6 e i 10 euro), i cey-ro sono un esempio di quel lato della cucina giapponese che è spesso difficile da trovare in Europa. I««, servito in graziose tazze di porcellana, e durante l’happy hour i prezzi sono ancora più bassi.

ishin

Ishin

Mittelstraße 24, 10117 Berlin – Mitte.

Ci sono anche altri ristoranti Ishin in diverse zone di Berlino, l’indirizzo sul sito internet.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Sara Moreni

Nata a Roma, lavoro come traduttrice e project manager nel Regno Unito, ma Berlino ha un posto speciale nel mio cuore.

Leave a Reply