La classifica dei migliori 100 club al mondo. Berghain fuori dalla top10

Berghain Berlin

La classifica appena aggiornata dei migliori club al mondo, il Berghain di Berlino si posiziona al 12esimo posto.

Come ogni anno la rivista DJMag ha stilato la lista dei 100 club migliori al mondo. Il Berghain si posizione al 12esimo posto migliorandosi di quattro posizioni rispetto all’anno scorso. Ormai la stagione estiva si sta avvicinando e i maggior club al mondo stanno aprendo le porte. Berlino è famosa per i suoi locali, le sue feste e la sua musica ma ha molta concorrenza nel mondo. La Spagna con Ibiza e Barcellona fa una dura concorrenza ai club Berlinesi. Unico club italiano in classifica,  alla posizione 59,  è il Guendalina di Santa Cesarea Terme (LE),

Il Berghain negli ultimi dieci anni

Rimarrà nella storia il primo posto del Berghain nel 2009. Anno in cui il club berlinese si impose sul Fabric, il famoso nightclub di Londra, e sullo Space Ibiza, la celebre discoteca dell’isola spagnola dei party estivi. Una prima posizione che è durata solo un anno, Già nel 2010 il club berlinese era sceso di sette posizioni. La concorrenza è sempre più agguerrita sia per i club europei sia per quelli americani e asiatici. Il Berghain offre un tipo di musica che è molta apprezzata ma che non si impone sul grande pubblico, quello che cerca la musica più commerciale. Il club è risaliti rispetto alla sedicesima posizione dello scorso anno ma la dura concorrenza delle discoteche asiatiche si fa sempre più sentire. La posizione più bassa l’ha toccata bel 2013 quando si è posizionato diciottesimo, da li ha iniziato la rincorsa al podio senza però riuscirci. I clubbers più accaniti potrebbero non essere d’accordo ma i lettori di DJMag si sono espressi. Il Berghain però non cessa di mantenere la sua aura magica attirando ogni anno a Berlino migliaia di persone.

La Top 5 del 2017

1° posto: SPACE IBIZA = Lo storico club di Ibiza ha chiuso dopo 27 anni in cui ha ospitato i migliori Dj del mondo. Dal 1989 al 2017 è sempre stato sulla cresta dell’onda ed è stata la meta dei più incalliti festaioli. L’idea vincente è stata quella di aprire quando gli altri club chiudevano; hanno inventato l’afterparty, quello che poi è stato copiato in tutto il mondo.

2° Posto: FABRIC = La migliore Discoteca del Regno Unito. Ha aperto i battenti nel 1999 occupando gli spazi rimessi a nuovo degli ex Metropolitan Cold Stores. Ha tre sale separate. Una particolare caratteristica del club sono le pavimentazioni vibranti della Sala 1: conosciuta come il “bodysonic” dancefloor, alcune sezioni della pavimentazione sono collegate con 400 trasduttori che emettono le frequenze più basse della musica che sta suonando.

3° Posto: GREEN VALLEY = Il club brasiliano ha conosciuto una rapida crescita dal 2007, anno della sua fondazione. Era una semplice semplice tenda improvvisata in occasione per un rave party, la location piacque così tanto che si è ingrandito sempre più fino a diventare uno dei migliori al mondo.

4° Posto: ZOUK SINGAPORE = Uno dei più vecchi club di Singapore. Il nome deriva dalla parola in creolo francese che indica festa. Il club è su due piani e dispone di un balcone, tre bar, sale VIP per una capacità totale di 4.200 persone.

5° Posto: OCTAGON = Il migliore club di Seul. Offre uno dei migliori impianti audio al mondo. Vanta 78 tavoli VIP e nove camere private. Una meta immancabile per gli amanti del clubbing, qui ci suonano i migliori Dj del mondo offrendo sempre le ultime novità.

I criteri

Ogni anno DJMag chiede ai suoi lettori di esprime un giugizio sui migliori club in cui sono stati. Ognuno può esprimere liberamente la sua preferenza. Sul sito della rivista esce ogni anno il questionario da compilare per partecipare alla redazione della classifica.

La top 100

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto copertina: © Bart van Poll CC BY-SA 2.0

Other photos: © DjMAG

Related Posts

  • Il celebre club di Berlino sta per arricchirsi di un nuovo spazio accanto alle leggendarie floor del Panorama Bar e Berghain vero e proprio. Ad annunciarlo è ResidentAdvisor, punto di riferimento per gli eventi della scena clubbing berlinese. La nuova dancefloor si chiamerà Säule, in tedesco "colonna", che ne fa…
  • Qualche tempo fa il comico e produttore televisivo americano Conan O'Brien ha provato ad entrare nel Berghain e ha ripreso la sua esperienza presso il club più famoso di Berlino in un video che è girato parecchio sul web negli ultimi giorni e che non ha mancato di suscitare polemiche. Il conduttore 53enne, produttore di alcune…
  • Il Berghain ormai è leggenda. Impossibile non conoscerlo o non averne mai sentito parlare. Turisti da ogni dove spesso arrivano a Berlino solo per provare l'esperienza di una serata nel celeberrimo club techno: le lunghe attese in fila, la suspense fino all'ingresso, il brivido nel momento in cui il buttafuori ti giudica da capo a…
  • «Il Berghain non si limita a offrire divertimento ai suoi frequentatori ma, con le sue serate techno, produce vera cultura»: non è l'opinione parziale di qualche appassionato frequentatore, ma la sentenza emessa dal Finanzgericht Berlin-Brandenburg, il tribunale che decide in materia fiscale nella capitale tedesca. La notizia, riportata originariamente da Der Spiegel e…
  • I bouncer del Berghain sono notoriamente difficili da impressionare, si sa. E così, essere respinti di fronte alla dura selezione del club più famoso di Berlino è un'esperienza capitata presto o tardi a tutti quelli che hanno provato ad accedere al tempio della techno. Nel folle proliferare di guide, vademecum,…

Leave a Reply