La Samsung: «Basta Londra, trasferiamo gli uffici a Berlino. Si vive meglio»

samsung

Il colosso sudcoreano, tra i maggiori produttori mondiali di elettronica di consumo, elegge la Germania a discapito dell’Inghilterra per la sede del suo quartier generale europeo.

Il direttore esecutivo di Samsung Next Europe, Felix Peterson, ha dichiarato al Times che «vivere a Londra non è divertente, se non si è ricchi.» Un commento che spiega come mai Berlino e non Londra è stata scelta come nuova sede della branca europea della multinazionale.

 

Le ragioni di Felix Peterson

La filosofia d’impresa di Samsung è la stessa di molte altre aziende del settore: la produttività degli impiegati aumenta se questi hanno una vita soddisfacente e lavorano in un ambiente confortevole. Felix Peterson afferma di aver scelto la Germania, appunto, guardando anche al benessere dei propri dipendenti. Il costo della vita nella capitale inglese è troppo alto. Berlino, invece, ha molto da offrire. Citiamo: «[A Londra] il costo della vita, dei trasporti e delle infrastrutture è troppo alto, specie se sei giovane. E per chi ha figli è praticamente impossibile». A Berlino «ci sono quartieri non ancora commercializzati ed è possibile fare un sacco di cose senza spendere soldi». E c’è già chi si chiede se gli altri grandi nomi del settore, Apple in primis, seguiranno l’esempio.

Effetti della Brexit

E’ ancora accesa la discussione in merito agli effetti della Brexit. Tuttavia è un fatto che numerose aziende stanno trasferendo le loro attività fuori dal Regno Unito. Per adesso si parla principalmente di studi legali e istituti bancari, ma non è escluso che nei tempi a venire la fuga interesserà anche l’innovazione. Il sindaco di Londra nega, portando numeri e cifre a sostegno della sua posizione. Negli ultimi sei mesi, infatti, la città ha ricevuto circa 1 miliardo di investimenti nel settore delle tecnologie.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

 

Immagine di copertina: Samsung Town in Seoul © Oskar Alexanderson CC BY-SA 2.0

Leave a Reply