La scuola di Aarhus che separa i danesi dagli stranieri per “facilitare l’integrazione”

Studenti divisi nelle classi in base alla loro provenienza: è questo il nuovo criterio adottato al Langkær Gymnasium, un liceo danese di Aarhus, seconda città più grande della Danimarca nonché capitale europea della cultura 2017. Secondo il preside, la nuova organizzazione renderà più facile l’integrazione degli stranieri. Diversa la posizione delle varie associazioni contro il razzismo, che invece hanno accusato la scuola di discriminazione.

L’organizzazione interna del liceo. Per l’anno scolastico appena cominciato, quattro delle sette classi sono composte solo da figli di immigrati e rifugiati, mentre le restanti tre hanno metà studenti danesi e metà stranieri. Secondo il preside, Yago Bundgaard, questo permetterà agli studenti con origini estere di integrarsi meglio e di imparare più in fretta la lingua e la cultura danese. Allo stesso tempo, la nuova organizzazione vuole prevenire il trasferimento degli studenti danesi in altre scuole con un minor numero di stranieri. Infatti, come riportato dal quotidiano locale Jyllands Posten, se nel 2007 il 25% degli studenti del liceo proveniva da un Paese diverso dalla Danimarca, oggi il numero è salito fino a 80%.

La polemica. Immediata la reazione dell’organizzazione SOS mod Racisme: Jette Moeller, presidente dell’associazione, definisce il criterio adottato dalla scuola «una pura discriminazione». Ferma condanna anche da parte di altri movimenti ed istituti per i diritti umani. Non manca, però, chi condivide la scelta del preside nel tutelare gli studenti danesi affinché non siano la minoranza. Il ministro dell’Istruzione danese, Ellen Trane Nørby, ha scritto sul suo profilo Facebook che la creazione di un «ginnasio-ghetto è un male per l’integrazione. Si lavorerà per una distribuzione equa degli studenti bilingue fra le varie scuole».

© Tulane Public Relations CC BY-SA 2.0

banner3okok (1)

Related Posts

  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile, o quasi, ma se ve la portate dietro cercate di imparare in fretta che all’interno dei quartieri il limite è 30km orari, sulle strade un po’ più ad alta percorrenza è 50, che non si può sbagliare coda al semaforo e se…
  • Berlino è una città singolare. E altrettanto singolari sono i berlinesi. Chiunque viva o abbia mai vissuto nella capitale tedesca sa quanto questa città richieda nel giro di poco tempo di immergersi appieno nella sua atmosfera, adottando gradualmente abitudini, modi di dire e consuetudini locali. Tra sentirsi in perfetta armonia con…
  • di Claudia Panzavecchia* Nell'ultimo anno i media ci hanno infarcito la testolina con questa diatriba, che all'inizio faceva sorridere, ma adesso anche no, ovvero: Lipsia è la nuova Berlino?. Ci si sono messi proprio tutti: Der Spiegel, Stuttgarter Zeitung, the Guardian, Berliner Zeitung, Zeit online, Il Post (solo per citarne…
  • Il Club der Visionäre, uno dei club più amati di Berlino. E anche uno dei più belli. Situato tra Kreuzberg e Treptower Park, il club colpisce per la sua posizione. Il locale, infatti, si affaccia direttamente sulla Sprea. Noi ci siamo stati e vi raccontiamo come è andata. Una serata al…

Miriam Tribastone

Siciliana innamorata della Germania, dopo la laurea triennale a Lugano, mi sono spostata ad Amsterdam per continuare i miei studi. Mi interessano il giornalismo e la fotografia.

Leave a Reply