Musei di Berlino, il Bauhaus Archiv spiegato ai Truzzi

Abbiamo oggi il piacere di ospitare un articolo appositamente scritto da Paola Guagliumi, creatrice dell’orginale blog L’arte spiegata ai Truzzi. Al centro della sua illuminante disamina c’è il Bauhaus Archiv di Berlino, uno degli edifici più storicamente ed artisticamente importanti della capitale tedesca. Per seguire L’arte spiegate ai Truzzi questo è il blog e questa la pagina facebook.

Il Bauhaus Archiv di Berlino spiegato ai Truzzi

Mo me devi da promette de nun scappà subbito appena te dico sta parola: “scuola” (“scola”). O sto a vvedè che ggià te stanno a pijà l’infantioli. Ma stamme a ssentì, che tanto è na scola che nun ce sta ppiù, ch’hanno chiusa li nazzisti e quinni stamo a parlà de svariati descenni fa. Ecco o vedi che tte senti ggià mmejo? E nno, nun è na cosa bbella che l’hanno chiusa, è na cosa parecchio bbrutta, che era na scola na scifra avanti pe ll’idee che sciavevano.

L’idea jè venuta a uno che sse chiamava Varter Gropius e ner 1919 ha aperto sta scola a na scittà che sse chiama Veimar, e ll’ha cchiamata Bauhause che vor dì letterarmente “casa di costruzzione”, e ppoi se so spostati a Dessau, e aa fine a Bberlino dove mo sce stà sto Bauhaus Archiv che scià ppure un museo co ‘n sacco dee cose loro tipo mobbili oggetti teiere lampade ma pure fotografie scurture pitture e ‘n sacco d’artra robba.

Bauhaus Archiv Berlino

Er concetto de bbase era de creà nun tanto dell’arte tipo decorativa o de concetto che ne so quadri statuema anche e soprattutto oggetti che se ponno usà, tipo appunto na teiera na ssedia ‘n lampadario; che oggi noi disciamo “Design” (“Desain”). E nun sò pezzi unisci ma robbe che se ponno fa ‘n serie perché ner mondo moderno sce sta l’industria, ma nun è che ppe questo ste robbe nun so belle. E ‘nzomma pure er desain è arte, tutte e tecniche ponno esse bbone, pure se sso ccose pensate pe esse fatte a mmachina naa fabbrica, perchè comunque l’idea è sempre daartista o desainer chiamelo come te pare ‘nsomma conta er penziero, che nessuna machina o po’ fa perché e machine nun penzeno. Quarcuno scià provato, e cce proveno tuttora, a nun fa penzà a ggente e a falla diventà come machine, che ppoi spigni ‘n pursante e fanno quello che vonno loro; er nazzismo persempio, che anfatti poi a sta Bauhause come te discevo l’hanno fatti chiude.

Che ppoi e robbe fatte a machina costeno pure de meno, che tutti e ponno comprà. Tipo che vai a Ikea caa regazza tua che è ‘n po’ meno rozza de te e compra daa robba semprisce ma carina, e a tte te se porta appresso più che artro perché poi l’aiuti a caricà sta robba ‘n machina e a montalla quanno arivate a ccasa, ma questo forse ‘n to dovevo dì, vabbè.

E ‘n quarche maniera a Bauhause ha aperto a strada a robbe tipo Ikea appunto, ner senzo oggetti e mobbili diverzi da quelli de na vorta, che ereno tutti massicci e arzigogolati pieni de fregni e robbe tipo casa de tu madre co li centrini li soprammobbili inutili i pajacci de sceramica ee credenze daa nonna ee zuppiere che ppare caa fatte Bbernini; ‘nvesce e robbe daa Bauhause so semprici e de forma razzionale, che se ponno fa ‘n fabbrica facirmente, se ponno montà pure da soli, se spostano e nun ingombrano drentro casa, e ssò ppure più fascili da spolverà. E ppure e case quelli daa Bauhause e penzaveno ‘n po’ come quelle de oggi,senza tante stanze e coridoi ma co spazzi aperti tipo salotto co angolo cottura pe ddì.

E quinni vedi che Gropius e ll’artri ‘nsegnanti, che ereno pure artisti famosi che mo inutile che tte dico li nomi tanto nii conosci, so stati dii pionieri che ancora oggi l’idee loro e copieno ‘n tutto er monno, e capasce che pure te a ccasa sciai na teiera de derivazzione Bauhaus e manco cioo sapevi. Bbella cì.

Bauhaus-Archiv

Klingelhöferstraße 14, 10785 Berlino

Tel. 030 2540020

Leave a Reply