L’assenza, il fotoprogetto dell’italiana Veronica Sauchelli che ritrae i legami spezzati dei migranti

Il progetto della fotografa italiana Veronica Andrea Sauchelli racconta il vuoto familiare dei migranti.

La recente crisi migratoria ha interessato tanti Paesi europei. In Germania e in particolare a Berlino tantissime iniziative come Refugees Welcome e Give something back to Berlin,  hanno cercato di facilitare l’integrazione dei migranti e di sensibilizzare le persone al fenomeno della migrazione. Anche in Italia, uno dei Paesi maggiormente interessati dal flusso dei profughi, sono nati molti progetti per aiutare i migranti. Nel progetto fotografico L’assenza, realizzato nell’estate 2015,  la foto-giornalista friulana Veronica Andrea Sauchelli ha mostrato il vuoto di questi uomini che, lontani dal loro Paese di origine, dalla loro quotidianità e dalle loro famiglie, portano con se nel loro viaggio.

Un gruppo di soli uomini.

In riva al mare ci sono alcune sedie. Su una di esse c’è seduto un ragazzo che non ha ancora vent’anni, l’aria stanca. Sulle sedie accanto a lui non c’è nessuno. Alle sue spalle il mare. Il senso di vuoto immortalato negli scatti di Veronica Andrea Sauchelli comunica il dolore e la solitudine con cui i tanti migranti arrivati in Europa devono confrontarsi. La maggior parte di loro ha tra i 20 e i 30 anni, ma ci sono anche uomini di 50 anni. Arrivati in Europa trovano temporaneamente asilo in scuole o caserme dismesse, mentre intorno a loro tutto è nuovo, amplificando la distanza che li separa dalla loro quotidianità e dai loro affetti che hanno dovuto abbandonare. Un vuoto dal peso enorme, a cui pensano in continuazione. Quando Michele Biasutti, collega di Veronica chiede a uno dei giovani di scrivere su un foglietto il ragazzo, poco più che ventenne e arrivato in Italia da solo, scrive « Voglio mia madre ».

Donne, le grandi assenti.

I migranti arrivati in Europa devo accettare il loro nuovo stato. Non sono solo stranieri in Paesi di cui non conoscono la lingua, sono soprattutto orfani e vedovi di famiglie che hanno dovuto lasciare. Trovarsi in mezzo a loro ed essere donna amplifica l’assenza delle loro madri, sorelle e figlie lasciate. Questa assenza imposta diventa sempre più ingombrante e presente nella nuova vita di questi uomini, soprattutto quando chi li osserva è una donna. « Mi guardano in molti, e questo sottolinea con forza il mio essere femmina. Così tanto che l’assenza di tutte le loro donne comincia a diventare assordante, per me, in quel momento. Mi chiedo cosa staranno facendo in quell’istante, chissà dove, tutte quelle madri e figlie e sorelle lasciate», racconta Veronica. La mancanza delle donne, le radici perdute da questi uomini diventano finalmente visibili nel progetto L’assenza. Quelle sedie vuote su uno sfondo indistinto e infinito raccontano « il lutto invisibile e quindi inesistente, per loro è una zavorra reale, trasportata per 6000 kilometri ».

La fotografa.

Veronica Andrea Sauchelli è una giovane foto-giornalista specializzata in reportage. È cresciuta a Udine, dove attualmente vive e lavora. Attraverso i suoi lavori cerca di rappresentare una realtà diversa e lontana dagli stereotipi imposti dalla cosiddetta società del benessere. Le sue storie, narrate con parole e foto, propongono punti di vista spesso scomodi o difficili da raccontare, cercando di coinvolgere lo spettatore/lettore per portarlo ad esprimere il suo giudizio. I suoi lavori sono recentemente apparsi anche su La Stampa, D di Repubblica e L’Espresso.

Foto © Veronica Andrea Sauchelli

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 10000
    Un aeroporto non è esattamente un posto in cui qualcuno sogna di vivere. Specialmente se hai meno di dieci anni, sei rifugiato e non hai nessuno spazio dove giocare. Stiamo parlando dell’ex Flughafen Tempelhof di Berlino, che da più di un anno è diventato un improvvisato centro di accoglienza che ospita quasi 2000 rifugiati.…
  • 10000
    Un “ensemble in esilio” con attori rifugiati: questa l’ultima idea di Shermin Langhoff, direttrice artistica del teatro Maxim Gorki di Berlino, nonché fondatrice del cosiddetto “teatro postmigrante”, un teatro multiculturale e multilingue specchio della società contemporanea. Lo scopo dell’Exil Ensemble? Aiutare gli artisti che abbiano richiesto asilo in Germania a…
  • 10000
    Per rispondere all'emergenza rifugiati, la città di Berlino ha trasformato 63 palestre di alcune scuole in centri di accoglienza, dove hanno potuto soggiornare circa 10.500 persone. Al momento sono 57 le palestre ancora occupate, ma in base alla nuova iniziativa del Senato, approvata lo scorso 19 aprile, 47 di queste…
  • 10000
    1000 zattere galleggianti ancorate in mezzo al mare tra la Tunisia e la Sicilia per salvare dalla morte tutti quei migranti che cercano di attraversare il Mediterraneo su imbarcazioni che troppo spesso finiscono con l'affondare. Le piattaforme serviranno come salvagenti statici a cui aggrapparsi in caso di tragedia. Il progetto, ambizioso,…
  • 10000
    Un gruppo di bambini rifugiati siriani, insieme con altri gruppi di musulmani di Berlino, hanno partecipato domenica scorsa alla cerimonia pubblica per la festività di Hannukkah davanti alla Porta di Brandeburgo a Berlino, in un luogo già di per sé carico di significati che solo pochi giorni prima aveva ospitato una manifestazione del movimento…

Leave a Reply