Le 105 cose da vedere, visitare, fare e mangiare assolutamente a Berlino

Le piazze, i club, i musei, i mercatini, lo shopping, le gallerie d’arte, le attività da fare e quelle da vedere: la lista definitiva delle cose da fare assolutamente a Berlino. 

—–

Berlino. Berlino la fredda, Berlino la pazza, Berlino arrogante, eclettica, multiforme. Un tempo, il suo sindaco Klaus Wowereit la definì “Povera, ma sexy.” Oggi, un po’ meno povera, la città conserva ancora quel fascino fiero di chi ne viste tante. E’ una donna adulta Berlino ora, con le unghie smaltate e il trucco rifatto sul viso di quella ragazza ribelle che è stata. La storia l’ha segnata, sui muri, sui palazzi diroccati, nella mentalità dei suoi abitanti e nel cuore di chi non dimentica. Ha visto la gioia e il dolore, l’amore e l’odio, sorrisi e lacrime sotto quel cielo che al tramonto si tinge di rosa. Il fiume Sprea la avvolge, serpente freddo e scuro, portandosi via tutto quello che non le appartiene più. E’ strana Berlino, c’è pace tra le strade e chiasso dentro le case. E diversa Berlino, perchè quando la si scopre, immediatamente ci si sente bene, ci si sente liberi. Libertà, forse, quella stessa libertà per la quale ha dovuto lottare per molti anni. Berlino è un po’ tutti noi, quando vogliamo fortemente qualcosa e poi alla fine riusciamo ad ottenerla. E’ la sensazione di chi, non ha mai smesso di crederci.

Per scoprirla fino in fondo ed assaporarne la sua essenza, ecco la lista delle le 105 cose da vedere, visitare, fare e mangiare assolutamente a Berlino.

Porta di Brandeburgo
Porta di Brandeburgo © Roberto Ventre CC By SA 2.0

MUSEI, MONUMENTI e LUOGHI D’INTERESSE

1-Visitare la cupola realizzata da Norman Foster nel 1999 sul Reichstag, la sede del Parlamento tedesco. È gratuito, ma serve la prenotazione. Maggiori informazioni le trovate in questo articolo. 

2-Una passeggiata sull’Unter den Linden, il viale per eccellenza del centro di Berlino, lì dove si trovano quasi tutti i più importanti palazzi della capitale tedesca. Collega la Porta di Brandeburgo all’Isola dei musei, ma se ci si allunga un po’, a pochi metri c’è anche Alexanderplatz. Qui maggiori informazioni e foto. 

3-Visitare il Pergamon Musuem. È vero, l’altare di Pergamo che dà il nome al museo è sotto restauro fino al 2019, ma la Porta di Ishar di Babilonia è altrettanto splendida ed il resto del museo rappresenta una delle collezioni d’arte antica più eccezionale al mondo. Non andarci sarebbe un peccato capitale.

Bodestraße 1-3, 10178 Berlin.

http://smb.museum/home.html

4-Visitare la Biblioteca della Facoltà di Filologia della Freie Universität. È vero, è un po’ fuori Berlino, ma questa splendida costruzione ad opera di Norman Foster, uno degli architetti contemporanei più famosi al mondo (sua è anche la cupola del Reichstag) stupisce sia dall’esterno che dall’interno per la sua particolarissima forma sferica ed i suoi eccezionale giochi di luce. Vi si può entrare anche da non studenti, a patto di non fare rumore.

Kaiserswerther Straße 16-18, 14195 Berlin.

5- Salire sulla Fernsehturm. E’ il simbolo indiscusso della città, visibile da quasi ogni quartiere, un occhio inquietante, ma affascinante, che per molti ormai è diventato familiare: la Fernsehturm, ad Alexanderplatz, offre a ogni turista la possibilità di visitarla e salire fino in cima con un comodo ascensore della durata di pochi minuti. Dall’alto dei suoi 368 metri, è possibile godersi un panorama mozzafiato di tutta la città, sorseggiando un caffè o consumando un pranzo nel ristorante a disposizione dei visitatori.
Il costo della visita è di 12,40€, ridotto per i ragazzi dagli 8 ai 16 anni, a 8€. Per prenotare la visita clicca qui. Per conoscere la storia della Fernsehturm leggi l’articolo.

6- Concedersi un’immersione all’interno della realtà ai tempi della DDR. L’occupazione sovietica di Berlino Est si è conclusa nel 1990, ma oggi il museo della DDR offre un’istantanea della vita ai vecchi tempi. Il museo interattivo permette ai visitatori una vera esperienza da toccare con mano, sia per bambini che per adulti. Oltre al museo per le strade della città si può prenotare un tour  del tutto unico noleggiando una Trabant, la classica macchina prodotta nella ex Germania dell’Est.

7- Visitare la Neue Nationalgalerie. Questo originale cubo di vetro progettato nel 1960 da Mies van der Rohe, ospita numerosi dipinti del XX secolo. E’ particolarmente evidente la presenza di opere espressioniste, come quelle di Kirchner, Heckel e Schmidt-Rottluff, oltre un gruppo di opere cubiste di Picasso, Gris e Léger.

8- Trascorrere una giornata sull’Isola dei musei. All’estremità orientale di Unter den Linden vi è l’Isola dei Musei, una piccola isoletta Patrimonio UNESCO giace proprio nel mezzo della Sprea. E ‘la sede di cinque dei più importanti musei di Berlino: due da non perdere sono il Neues Museum, che ospita il busto di Nefertiti egiziana e lo spettacolare Pergamonmuseum, uno dei più importanti musei archeologici del mondo.

9- Visitare le gallerie d’arte più importanti. Il Kulturforum è un basso edificio museale a sud di Tiergarten che ospita una svariata quantità di gallerie. La più famosa è la Gemäldegalerie, la cui collezione di pittura europea contiene opere inglesi, spagnole e e italiane, tra cui spiccano i dipinti di maestri olandesi e fiamminghi Frans Hals e Rembrandt

10- Godersi una sera o un pomeriggio alla Philharmonie. L’Orchestra della Berlin Philharmonic è senza dubbio una delle migliori al mondo, diretta dall’inglese Sir Simon Rattle, che si esibisce regolarmente a Berlino. Da non perdere i martedì per ora di pranzo, in cui vengono organizzati concerti gratis di artisti famosi ed emergenti; arrivate con 30-45 minuti di anticipo e portatevi qualcosa di morbido per sedervi.

11- Visitare lo Stadio Olimpico. L’Olympiastadion esemplifica il gusto fascista in architettura. Questa struttura di forma ovale con arcate in stile classico e in pietra della Franconia è semplice ma imponente e suggestivo. Il momento di affermazione più grande della sua fama è avvenuta durante le Olimpiadi del 1936, destinate dal governo nazionalsocialista ad essere una vetrina per il trionfo ariano.

12- Visitare il Sowjetisches Ehrenmal. Sprofondato nel verde del parco di Treptow e in un silenzio surreale, il Sowjetisches Ehrenmal, costruito subito dopo la seconda guerra mondiale, ospita le tombe di circa 5.000 soldati russi. Si tratta del «più grande cimitero militare sovietico in Germania» e del «più imponente monumento antifascista dell’Europa occidentale», come precisa puntuale il portale del turismo berlinese, visitBerlin.de. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

13- Salire sulla Siegessäule. Il monumento è alto 67  metri circa per un totale di 237 gradini.Ciò su cui è interessante riflettere è che questa Colonna, nata per ragioni patriottiche-militari, a causa della storia recente di Berlino, sia ormai percepito dai berlinesi come un simbolo di libertà  ed ogni anno maggiore punto di ritrovo della Cristoph Street Parade.

– Straße des 17. Juni/ Großer Stern (fermata metro Bellevue o Hansaplatz)

Orari: dal 1 aprile al 31 ottobre – dal lunedì al venerdì 9.30-18.30, sabato e domenica 9.30-19.00

dal 1 novembre al 31 marzo – dal lunedì al venerdì 10.00-17.00, sabato e domenica 10-17.30

14- Visitare il centro culturale WBB-Willner Brauerei. Nella ex fabbrica di birra Willner, in una delle ultime aree disponibili al confine tra Pankow e Prenzlauer Berg, nasce questo centro culturale che ospita eventi, mostre e un Biergarten che si trasforma all’occorrenza in un cinema all’aperto. Gli edifici in mattoni del’impianto industriale che trasudano il tipico fascino degli antichi opifici produttivi, offrono spazio per nuove idee e per il dialogo creativo, in un luogo davvero speciale che aspettava la sua rinascita da più di 20 anni.

Berliner strasse 80, 13189 Berlin

15- Visitare lo Jüdisches Museum. E’ nato solo nel 2001, però è già una delle istituzioni cittadine, così frequentato che nei prossimi anni verrà aperta una nuova ala che possa raccogliere e mostrare il tanto materiale inviato da ogni parte del mondo di chi vuole che la storia non venga dimenticata. Più di ogni altro museo dedicato all’olocausto o alla seconda guerra mondiale a Berlino, in questa straordinaria costruzione di Daniel Libeskind è possibile respirare e vivere empaticamente la tragedia e la sacralità del lutto. Qui il sito internet del museo

Qui il link del sito internet del museo: http://www.jmberlin.de/

Lindenstraße 9-14, 10969 Berlin.

16- Visitare Il Bethanien. E’ uno dei luoghi più creativi di Kreuzberg, un ex ospedale costruito a metà ottocento, con un piano di sotto dedicato a mostre temporanee e quello superiore a disposizione di atelier e workshop. Negli ultimi anni è stato addirittura trasformato, nel centro di un vero e proprio quartiere dell’arte, composto anche da una galleria, un caffè, un ristorante, una scuola di musica e una vecchia farmacia conservata come il 1848 a cui si può accedere solo tramite visite guidate.

Mariannenplatz 2 10997, Berlin.

17- Visitare il KW. A due passi dal celebre Tacheles, la galleria d’arte KW nel tempo è diventata un luogo sempre più istituzionale, nonostante i suoi spazi informali (l’edificio era un’ex fabbrica di margarina), tanto che è da qui e dal suo fondatore Klaus Biesenbach (ora direttore di un dipartimento del MoMa di New York) che nacque anche la prima Biennale d’arte del 1996.

Auguststraße 69 10117, Berlin.

18- Visitare il NeuroTitan. Non solo un negozio, il Neurotitan è una delle librerie di urban art e souvenir anti-convenzionali più frequentate di Berlino e non solo. Nascosta all’interno di uno degli splendidi cortili interni degli Hackascher Markt, a loro volta pieno di murales, vi si arriva salendo scalini di un palazzo alla cui base ci sono parole che acquistano senso solo leggendole una dietro l’altra. Una volta arrivati, da una porticina in fondo al negozio si accede a due grandi androni spesso messi a disposizione di collettivi artisti

secondo piano dell’ Haus Schwarzenberg di Rosenthaler Straße 39 10178

19- Visitare il vecchio villaggio olimpico. Questa struttura, la cui costruzione risale ai tempi delle Olimpiadi del 1931, è inabitata ma mantenuta accessibile dalla Fondazione DKB  come patrimonio architettonico della città. Con l’obiettivo di rendere il memoriale fruibile al pubblico, il villaggio diventa un’area museale. Un luogo idilliaco, con tanto di lago artificiale immerso nel verde e numerose possibilità di intrattenimento: la palestra, la piscina con sauna (visibili ancora oggi) e una grande pista per l’atletica leggera. Maggiori informazioni e tutta la storia del luogo in dettaglio nel nostro articolo.

20- Visitare l’osservatorio Archenhold-Sternwarte. E’ uno dei primi osservatori popolari d’Europa, nato nel 1896 situato nel bel mezzo di Treptower Park. Qui, 2 giugno 1915, Albert Einstein tenne qui la sua prima conferenza pubblica sulla teoria della relatività generale. Tutte le informazioni sulla sua storia e per come raggiungerlo nel nostro articolo.

21- Visitare il Boros. L’edificio, nei pressi della stazione di Friedrichstrasseporta con sè una storia del tutto particolare: prima bunker, poi location per rave di musica techno ed infine museo e galleria d’arte contemporanea. Monumentale, simmetrico e compatto, la struttura quadrangolarecostruito dai detenuti ai lavori forzati nel ’42 per proteggere fino a 2500 cittadini in caso di bombardamenti aerei, è rimasto nel tempo una presenza massiccia nel paesaggio urbano della capitale tedesca. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

Reinhardtstraße 20, 10117 Berlin.

22- Visitare il l’Hamburger Bahnhof E’ uno dei più spettacolari esempi di recupero architettonico della città: considerata la più antica stazione ferroviaria di Berlino (1846), nel 1906 divenne museo ferroviario, distrutto dalla guerra e riaperto negli anni ‘80. Fino al 1996, anno di svolta nel quale è stata trasformata nel Museum fϋr Gegenwart (museo del presente), con l’allestimento di importanti collezioni, diventando il tempio berlinese dell’arte contemporanea.

23- Visitare il museo Topographie des Terrors – Topografia del terrore. Inaugurato, così come lo conosciamo solo nel maggio del 2010 (ma la Ddr ne costruì una prima versione nel 1987 proprio nello stessa area un tempo uno dei quartieri generali del nazismo), si tratta del “museo” più visitato di Berlino se si parla di storia dell’olocausto. Tante foto, filmati, reperti di ogni tipo compongono questa collezione che ti porta a fare un doloroso salto nel passato di cui però non si può fare a meno sia che si venga a Berlino per turismo che ci si abiti.

Niederkirchnerstraße 8 10963 Berlin

24- Visitare il Tränenpalast – Palazzo delle lacrime. Uno dei simboli del muro che ha preso il nome dal dolore che si spargeva nelle proprie sale ogni volta che i cittadini dell’ovest dovevano salutare a malincuore quelli dell’est dopo una visita di giornata, ora è un museo più che mai interessante sui tempi del muro. Se volete saperne di più, leggete: Il palazzo delle lacrime di Berlino.

Reichstagufer 17 – 10117 (dietro la stazione SBahn di Friedrichstrasse)

25- Visitare il Bauhaus Archiv. Per tutti gli appassionati di architettura e design, questo museo è una tappa imperdibile. Anche se non molto grande, al suo interno si possono trovare interessanti opere famose come le sedie B3 e si può ripercorrere la storia della scuola design più innovativa d’Europa degli inizi del Novecento. Consigliate le audio guide gratuite per una full immersion nel mondo del design anche per chi non è un esperto di architettura ed arte. Inoltre, il museo dispone di un negozio molto fornito dove poter acquistare oggetti di design e libri, poster e souvenirs della Bauhaus.

26- Visitare il Concentramento di Sachsenhausen. Uno dei più grandi in Germania, nonché una terribile testimonianza, sopravvissuta fino ad oggi, di ciò che la follia nazista è riuscita a provocare. Una giornata per non dimenticare il passato. Il campo si trova nella cittadina di Oranienburg, a nord di Berlino, ed è facilmente raggiungibile attraverso i mezzi pubblici (come la S-bahn) da Berlino. L’ingresso è gratuito.

27- Visitare il Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa. Chiamato anche Memoriale dell’Olocausto è il principale luogo della memoria in Germania per le vittime dell’Olocausto. Con i suoi 2.711 grigi blocchi di cemento armato costruiti verticalmente l’uno di fianco all’altro questo monumento creato nel 2005 ha un forte impatto visivo, che può arrivare ad angosciare gli animi più sensibili. L’area dove si trovano i blocchi è percorribile dai visitatori che possono addentrarsi sempre di più, venendo “assorbiti” all’interno del labirinto per poi uscirne disorientati. L’ingresso è gratuito.

Cora-Berliner-Straße 1, 10117 Berlin.

28- Ammirare la stazione centrale Hauptbahnhof. In nove anni di vita l’Hauptbahnhof (Bahnhof significa stazione  – Haupt principale) è riuscita a diventare uno dei punto di riferimento cittadino non solo perché stazione. Nonostante sia un posto concettualmente chiuso, sembra di trovarsi dentro uno spazio all’aperto. La grande arcata in vetro è lunga 321 metri e amplifica ogni raggio di sole. Il risultato è che il grigio dell’acciaio con cui è rivestito ogni interno sembri un colore caldo anziché emblema minimalismo e freddezza. Di notte l’effetto è diverso, ma altrettanto suggestivo. mpossibile non rimanerne affascinati ogni volta che ci si passi vicino. Che si sia turisti con una guida in mano o berlinesi con iPod alzare gli occhi e ammirarne la magnificenza diventa un gesto quasi normale.

29- Il muro a Bernauer Strasse. Con la costruzione del muro nel 1961, la Bernauer Straße, che si estende tra i quartieri di Wedding e Mitte, divenne uno dei luoghi più emblematici della divisione della città. Oggi è uno dei luoghi della memoria più visitati di Berlino. al 2009 è aperto anche il Centro Visitatori, che offre informazioni per orientarsi nel vasto complesso del Memoriale; da qui si accede ad una torretta per una vista sulla striscia della morte. Dal Centro Visitatori si accede ad una mostra a cielo aperto lunga 1,4 km con approfondimenti sulla storia del Muro e testimonianze degli eventi drammatici della Bernauer Straße. Un elemento molto importante della mostra è la Finestra della Memoria sul terreno dell’ex cimitero Sophien-Friedhof, dove sono esposte le foto delle vittime.

Gedenkstätte Berliner Mauer Bernauer Straße 111/119 D-13355

30- Visitare il Checkpoint Charlie. era un noto posto di blocco sul confine tra i settori, dal 1961 nel Muro di Berlino. In funzione dal 1945 al 1990 collegava il settore di occupazione sovietico (che iniziava dal quartiere Mitte) con quello americano (Kreuzberg) Check Point Charlie. Attraverso questo passaggio tanti berlinesi dell’est riuscirono ad arrivare all’ovest nascondendosi nella maniere più incredibili. Consigliata anche una capatina al se si fa anche una visita al Musem Haus am Check Point Charlie che raccoglie storie e reperti di chi provò a scappare attraverso questo passaggio dall’est all’ovest. Leggere le storie di chi ce l’ha fatta e come è un’esperienza particolarmente intensa.

31- Godersi le principali attrazioni della città sull’autobus 100. Si tratta di un autobus di linea, di quelli che si prendono semplicemente per andare da una zona all’altra che però può essere utilizzato come un bus turistico. La linea 100 è studiata non solo per unire i due capolinea (Alexanderplatz e Zoologischer Garten) ma per dare ai turisti la possibilità di evitare i classici pullman turistici e gustarsi in una sola mezz’ora di tragitto quasi tutte le più istituzionali attrazioni della città. Così si attraversa comodamente seduti l’Unter den Linden, si passa accanto alla Porta di Brandeburgo, all’Haus del Kulturen der Welt, al Tiergarten, il castello di Bellevue, alla Siegessäule, al Ku’damm e alla Wilhelm-Gedächtnis-Kirche. E il tutto, con il costo del biglietto si due euro e settanta.

Partenze o da Alexanderplatz o dallo Zoolgischer Garten

18372826063_985b623860_k
Cupola del Reichstag – visitabile solo su prenotazione © Sean Molin CC By SA 2.0

PASSEGGIATE E LUOGHI DA VEDERE

32-Passare qualche ora di un pomeriggio pomeridiano estivo intorno l’Admiral-Brücke. Da questo ponte pedonale di Kreuzberg non solo è possibile gustarsi uno splendido colpo d’occhio su tutto il canale, ma con il sole qui si riunisce tanta della gioventù della zona. Sedetevi lungo il canale sorseggiando una bibita e piano piano scoprirete musicisti di strada, performance improvvisate ed un’atmosfera generale di festa e libertà.

33-Costeggiare a piedi la East Side Gallery. ammirando i murales e ripercorrendo mentalmente la storia del Muro di Berlino attraverso i dipinti di chi fu chiamata a celebrarne la caduta nel 1989.

Mühlen Straße (da Warschauer Strasse ad Ostbahnhof)

34- Godersi Berlino dall’alto. Berlino è una città grandissima, sfaccettata e piena di angoli da scoprire. Per poterla apprezzare in tutta la sua grandezza, esistono moltissimi punti che permettono di vederla dall’alto, offrendo un’esperienza imperdibile per chi ha voglia di averla, anche solo per alcuni minuti, sotto gli occhi in tutta la sua vastezza. Clicca qui per scoprire i dieci punti panoramici migliori.

35- Muoversi dentro Berlino in bicicletta. Compratela, fatevela prestare o affittatela, ma non perdetevi la possibilità di visitare la città con uno dei mezzi preferiti dai tedeschi. La città è in gran parte pianeggiante e disseminata di apposite corsie per ciclisti. Potrete coprire lunghe distanze tra i luoghi centrali della città o scoprirne gli angoli più nascosti e, se stanchi, portare la bici con voi in appositi treni della S-Bahn e della U-Bahn. Le seguenti agenzie offrono inoltre visite guidate in bicicletta: Berlin on Bike! e Fat Tire Bike Tours

36 – Visitare l’ospededale abbandonato Beelitz-Heilstätten. Alle porte di Berlino, nascosto tra il verde sorge ancora oggi l’inquietante ospedale abbandonato Beelitz-Heilstätten, che fu uno dei più grandi sanatori per malati di tubercolosi di tutta la Germania. Durante la guerra venne adibito a lazzaretto per i soldati feriti e anche Hitler vi fu lì ricoverato. In anni più recenti storie di orrori e morte hanno alimentato il fascino malsano del luogo. Vagare tra le rovine delle corsie e delle sale operatorie è oggi un’esperienza assolutamente consigliata agli amanti del brivido. A causa del pericolo di crollo alcune aree non sono agibili, é possibile prenotare anche visite guidate.

Questo il link all’ospedale Beelitz-Heilstätten.

37 – Visitare il cimitero di Dorotheenstadt. Nel cuore della città a Mitte si nasconde nel suo silenzio il il cimitero di Dorotheenstadt. Dal XVIII secolo ad oggi hanno tovato riposo diversi intellettuali e personalità della cultura e dell’arte da Bertold Brecht, allo scrittore Heinrich Mann, fino all’architetto neoclassico Karl Freidriech Schinkel. Una passeggiata tra le statue e gli imponenti monumenti funebri del cimitero è particolarmente consigliata agli amanti della filosofia, in un omaggio raccolto e intimo ai padri dell’idealismo tedesco. L’una accanto alle altre, giacciono infatti le spoglie mortali di due dei più grandi penstori di tutti i tempi: Georg Wilhelm Friedrich Hegel e Johann Gottlieb Fichte.

Cimitero di Dorotheenstadt
Chausseestraße 126
10115 Berlino

38- Apprezzare il silenzio e la bellezza degli Hackesche Höfe. Si tratta di otto cortili del 1907 la cui entrata principale è a Rosenthaler Str. 40. Un teatro di cabaret, un cinema d’essai, caffè, boutique e graziosi negozi si trovano qui dentro, in un’atmosfera che vi farà dimenticare il movimento della grande città. All’interno si accede anche ai Rosenhöfe. Potete arrivare qui dalla vicina Hackescher Markt, piacevolissimo luogo da passeggio.

39- Passare un pomeriggio al Karoke del Mauerpark. Ogni domenica, l’arena adiacente al Mauerpark situato nel quartiere Prenzlauer Berg si riempe di centinaia e centinaia di persone, molte arrivate lì con un unico obiettivo: essere spettatori  (o partecipare!) al famosissimo karaoke improvvisato: non importa se non sai il testo della canzone o se sei intonato o stonato, tutti ti inciteranno come se fossi una vera rockstar! Un posto indimenticabile che riassume una parte dell’anima di questa città. Nel nostro articolo maggiori informazioni sulla storia di questa stravagante e divertentissima iniziativa.

40-  Godersi il tramonto estivo con un film all’aperto Il Kulturforum di Potsdamer Platz o il cinema di Friedrichshain in open air, mostrano spesso le versioni in lingua originale dei film. Le proiezioni sono sempre molto popolari quindi è consigliabile di arrivare prima per ottenere i posti migliori (le sedie a sdraio).

Qui i link ai siti: http://www.kulturforum-berlin.de/ – http://www.freiluftkino-berlin.de/

41- Passeggiare sul Glienicker Brücke. Da “Ponte delle spie ” è diventato “Ponte dell’Unità”. Luogo pieno di storie che collega Potsdam a Berlino, attraversando il fiume Havel nei pressi di Klein Glienicke e che è stato prima punto di confine fra le due Germanie divise e poi uno dei simboli, nel 1990 della Germana unita.Un luogo speciale, dal quale si può volgere sia uno sguardo introspettivo verso il passato, che un’occhiata incantata verso il presente bellissimo dei suoi paesaggi circostanti. Maggiori informazioni nel nostro articolo

42- Godersi la vista dalla terrazza panoramica di Müggelturm. Oggi la torre svetta con i suoi 30 metri di vetro e cemento sulla collina di Müggel, punto panoramico nel distretto di Köpenick. Più di 100 gradini portano alla piattaforma d’osservazione che si trova a ben 120 metri sopra il livello del mare, offrendo una vista panoramica che si estende sopra la foresta, sui laghi e sullo skyline di Berlino, un punto di vista unico sulla città.

Südlich des Müggelheimer Damms 12559  Berlin

43- Passare un pomeriggio allo ZKU – Zentrum für Kunst und Urbanistik (Centro per l’Arte e Urbanistica). Si tratta di un vecchia area ferroviaria ottocentesca un tempo abbandonata che rivive grazie alla cultura e diventa sede di residenze artistiche, un’area eventi per mostre e manifestazioni e uno spazio in comune per workshop e laboratori. Immerso in un parco pubblico di nuova concezione, con tanto di orti urbani, alberi da frutta e parco giochi per grandi e piccini, la struttura continua a mantenere l’originale fascino industriale.

Siemensstrasse 27, 10551 Moabit-Berlin

44- Passeggiare per l’Hansaviertel. Un luogo suggestivo nel quale vi sembrerà di essere immersi negli anni ’50, una parte di Berlino testimone del sogno modernista. Edificato nel 1885 tra la Sprea e il Tiergarten, l’Hansaviertel era uno dei quartieri più eleganti della capitale tedesca. Poi fino al 1953 la zona rimase quasi disabitata a causa dei bombardamenti fin quando, il Senato della Berlino ovest decise di indire un concorso internazionale per il disegno di un grande quartiere residenziale che dimostrasse la supremazia costruttiva dell’Occidente rispetto all’imponente progetto della Stalin Allee (l’attuale Karl-Marx Allee), viale di rappresentanza della DDR.

45- Una passeggiata serale per Simon Dach Strasse. Una delle vie più vive della città, piena di ristoranti, bar e locali. Nel cuore di Friedrichshain, da unire poi ad un tour per il Raw.

46- Passeggiare nella “Nuova Venezia”. I berlinesi la chiamano “Neu Venedig”, la Nuova Venezia. Il nome rimanda a quello della nostra città italiana e consiste in un complesso di case a schiera e ponticelli che sorgono sulle sponde del Müggelspree, il quale diramandosi in piccoli canali dona al paesaggio un aspetto lagunare molto suggestivo. l luogo fa parte del Bezirk di Treptow-Köpenick, a sud est di Berlino, e la sua nascita risale al 1890. Qui maggiori informazioni su come raggiungere il luogo.

47- Visitare il Teufelsberg. La cosiddetta “montagna del diavolo”. La collina sorge nella Grunewald, la foresta durante la divisione del muro di Berlino Ovest. Essa è in effetti un rilievo di origine artificiale, costruito con i detriti della seconda guerra mondiale. Sulla collina è inoltre visibile ancora oggi la vecchia stazione radio utilizzata dagli americani per le intercettazioni durante la divisione del muro. E’ possibile visitarla solo attraverso visite guidate. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

48- Passeggiare per la Gendarmenmarkt. E’ una delle piazze più suggestive ed esteticamente belle di Berlino. Il top lo si raggiunge con una passeggiata notturna, quando non c’è tanta gente e le luci della Konzerthaus e dei duomi gemelli che le stanno ai lati (il Deutscher Dom e il Französischer Dom) illuminano tutto l’ambiente circostante. Potete trovare maggiori informazioni sulla storia della piazza nel nostro articolo.

49- Godersi uno spettacolo al Berliner Ensemble. Qui ha sede uno dei più importanti e attivi teatri della città  fondato da Bertolt Brecht e con una storia che pochi altri possono vantare. Passeggiando su piccolo ponte a nord della stazione di Friedrichstraβe, conosciuto come Weidendammer Brücke, è possibile vedere girare su se stesso il grande stemma rotondo in cima all’edificio, che sembra un mulino a vento olandese. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

Bertolt-Brecht-Platz 1, 10117 Berlin

50- Una notte al Propeller Island. Non c’è dubbio che il Propeller Island sia un design hotel di Berlino molto particolare grazie alle particolarissime decorazioni delle sue trenta stanze tematiche, tra cui quella in cui il letto è sospeso nell’aria. Ogni camera è arredata e decorata come una vera opera d’arte. Inoltre è possibile visitare la galleria ‘arte all’interno dello stabile. I prezzi vanno dai 99 ai 190 euro a persona e si può prenotare direttamente dal sito.

Albrecht-Achilles-Straße 58, 10709 Berlin

51- Un pomeriggio lungo la Potsdamer Strasse. Questa via, situata nel cuore centro-occidentale di Berlino, a pochi passi da Tiergarten, offre un punto d’attrazione sempre più innovativo e affascinante. A lungo considerata come un punto morto della città, la via ha recentemente cambiato fisionomia, dando vita a un nuovo centro d’interesse turistico, soprattutto per l’arte e la moda. Così, si articolano lungo questa via del centro una serie di gallerie d’arte contemporanea, bar e cafè dal tocco neo-bohemè e piccoli negozi e boutique dal gusto tanto vintage, quanto d’avanguardia che rendono palpabile quell’atmosfera a metà fra il moderno e l’antico.

Qui una guida dettagliata sui posti da non perdere.

52- Una passeggiata al RAW. Questo suggestivo ed unico luogo, appena sotto il ponte di Warschauer Straße, era un tempo officina per riparazioni ferroviarie. Oggi ospita, nei suoi 70.000 metri quadrati, bar, club, atelier e diverse aree concerti, oltre che una rampa per skateboard, un’area con pareti da arrampicata, un biergarten, un negozio di mobili di seconda mano, un ristorante messicano e una zona dedicata ad un mercato gastronomico domenicale.

Revaler Str. 99, 10245 Berlin

53- Una passeggiata tra il canale tra Kreuzberg, Treptow e Neukölln. E’ uno degli angoli più belli, e meno conosciuti, di Berlino che costeggia il Landwehrkanal lì dove il canale lambisce anche i quartieri di Treptow e Neukölln. Vi ci si arriva passeggiando o dal Paul Lincke Ufer (il lungo canale opposto al Maybachufer) o da Ratiborstrasse. Se siete alla ricerca di un luogo dove fare un picnic o di un posto dove fermarsi un attimo prima di continuare una passeggiata che poi può proseguire verso Treptower Park (magari attraversando il ponte), questo è il posto giusto.

54- Una passeggiata sul ponte Oberbaumbrücke. E’ uno dei ponti più famosi e suggestivi di Berlino, perchè un tempo qui passava il muro e divideva appunto la parte ovest della città (Kreuzberg) con quella est (Friedrichshain) e dunque zona di confine, pattugliata da guardie armate. Il 9 novembre 1994, in occasione del quinto anniversario della caduta del Muro, è stata inaugurata una nuova sezione del ponte, quella centrale, realizzata dall’architetto spagnolo Santiago Calatrava. Oggi è diventato uno dei simboli della riunificazione della capitale tedesca.

55- Una passeggiata e una cena speciale lungo l’Auguststraße. Questa via situata nel quartiere Mitte è divenuta, dopo il crollo del Muro, uno dei centri artistici più importanti e riconosciuti a livello internazionale. Qui infatti si trovano molte gallerie d’arte (quasi tutte ad ingresso gratuito) come la KW (vedere punto 49) che hanno contribuito a delineare il carattere di questa strada. Non solo arte, ma la via da pochi anni si è caratterizzata per la presenza di enoteche e ristoranti raffinati e di tendenza  in cui si possono gustare piatti di qualità, tra cucina francese, italiana e spagnola.

56- Un tour per scoprire tutta la street art di Kreuzberg. Le facciate degli edifici di Berlino sono divenute, negli anni, le tele ideali per artisti provenienti da tutto il mondo che hanno regalato alla città capolavori di street art di grande pregio. Tra tutte le zone, quella più permeata di opere di rilievo è senza dubbio Kreuzberg. Graffiti, installazioni, murales più o meno grandi: c’è davvero di tutto e quasi è impossibile poter vedere ogni singola opera. L’unico modo per farlo è armarsi di curiosità e incamminarsi senza una meta precisa, obbligandosi a deviare spesso per vie secondarie. Qui tutte le informazioni necessarie per non perdersi i murales più famosi.

57- Un tour sulla Gentrification e la Berlino degli spazi culturali e autogestiti. Dopo la caduta del muro, Berlino ha ricevuto una fortissima spinta culturale e artistica attorno a quei luoghi un tempo poveri e difficoltosi dove i protagonisti della rinascita della città hanno trovato terreno fertile per i loro progetti e idee. Nasce cosi la Berlino dei club e degli spazi autogestiti. Luoghi lontano dalle istituzioni che hanno incubato innumerevoli idee che hanno reso possibile la realtà berlinese. Il tour attraverserà quartieri e strade della sottocultura nata negli anni ’90. Pietre miliari per molte forme d’arte: dalla musica punk alla street art, fino alla più recente club culture.

Per info e prenotazioni: redazione@berlinocacioepepemagazine.com

58- Un tour alla scoperta della Berlino sotterranea. Se vi piace la storia, allora non potete perdere il Berliner Unterwelten. Come epicentro della seconda guerra mondiale e città divisa in due durante la Guerra Fredda, gli eventi che hanno caratterizzato la storia della città hanno reso il suo mondo sotterraneo ricco di mistero e fascino. Il tour della Berlino sotterranea è composto dalla scoperta una serie di bunker e passaggi segreti costruiti da diverse generazioni come rifugi o vie di fuga lungo tutta la città. Essi consistono in percorsi tematici di 90 o 120 minuti che, in perfetto equilibrio fra racconto e ambientazione storica, vi trasporteranno indietro nel tempo per rivivere in prima persona gli avvenimenti della storia della città.

http://berliner-unterwelten.de/tour-1.13.4.html

3117741628_44854885ed_b
Teufelsberg – La montagna del diavolo © SnaPsi Сталкер CC By SA 2.0

PARCHI, GIARDINI e LAGHI

59-Fare un bagno d’estate allo Schlachtensee. È uno dei laghi più conosciuti di Berlino, insieme al Wannsee, ma più piccolo e pulito. Ci si arriva facilmente prendendo la S1 proprio in direzione Wannsee o Potsdam. Si scende alla fermata omonima, oppure ancora meglio si può scendere a quella prima (Mexikoplatz) e godersi una piacevole passeggiata tra viali alberati e ville da sogno. Sul perimetro del lago è tracciato un sentiero da poter percorrere a piedi o in bici, dove cercare un piccolo spazio per accamparsi con asciugamani e tende. C’è anche un Biergarten ed un ristorante dove poter mangiare e bere birra con tavolini affacciati sull’acqua.

60- Trascorrere un pomeriggio a Tempelhof. Inaugurato nel 2010 sulle “ceneri” dell’omonimo Aeroporto chiuso nel 2008, è uno dei parchi più amati dai berlinesi, che lo hanno salvato ultimamente con un referendum da una speculazione edilizia che ne avrebbe stravolto la fisionomia (ne abbiamo parlato qui). Con le sue torrette, le infinite piste d’atterraggio, e le aree attrezzate per le grigliate, è la rappresentazione dello spirito di libertà che accomuna tutti gli abitanti della capitale tedesca. Passarci un pomeriggio di primavera/estate per pedalare in bicicletta, fare jogging, andare sui pattini o semplicemente passeggiare è una delle sensazioni da provare per capire veramente cosa vuol dire essere berlinesi! Ci si arriva con la U6, fermata Berlin-Tempelhof.

61- Fare una passeggiata nella foresta di Grunewald. E’ la più grande foresta nella zona di Berlino, a sud-ovest di Charlottenburg e facilmente raggiungibile tramite S-bahn. Portatevi un cestino da pic-nic e passate un giorno di pace e tranquillità lontani dal trambusto della città.

62- Scoprire i giardini dietro al castello di Charlottenburg. All’estremità occidentale della città, l’affascinante complesso comprendente il palazzo e il giardino di “Schloss Charlottenburg” ha l’aspetto di una mini-Versailles. Costruito come residenza estiva della regina Sophie-Charlotte di suo marito Federico I, il primo re di Prussia, ha preso il nome di Charlotte dopo la sua precoce morte nel 1705. I giardini lussureggianti, modellati sullo stile decadente di Luigi XIV di Francia, il Re Sole, sono il luogo ideale per una passeggiata romantica.

63- Passare un pomeriggio allo Zoo di Berlino. Questo zoo situato ai confini ovest del parco più grande di Berlino il Tiergarten non è solo famoso per il libro di Christiane F. Questo è lo zoo più popolare in Europa e il più antico zoo in Germania, situato in un parco paesaggistico con molto punti per un pic-nic. Oltre ad essere ricco di valore di intrattenimento, è uno spazio ricco di valore per la ricerca scientifica. Perfetto per una gita in famiglia o per un appuntamento un po’ fuori dagli schemi.

64- Farsi una nuotata nello Sprea Se d’estate si sta a Berlino, anche solo per una manciata di giorni, assaporare la sensazione di nuotare sul fiume della capitale tedesca potrebbe diventare un’esperienza del tutto unica. Da precisare il fatto che non si tratta di nuotare effettivamente nel fiume,ma nella celebre Badeschiff, la piscina immersa nella Sprea. A causa però della bassissima temperatura dell’acqua della piscina, si può considerare le due esperienze equivalenti. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

65- Passeggiare nella “Nuova Venezia”. I berlinesi la chiamano “Neu Venedig”, la Nuova Venezia. Il nome rimanda a quello della nostra città italiana e consiste in un complesso di case a schiera e ponticelli che sorgono sulle sponde del Müggelspree, il quale diramandosi in piccoli canali dona al paesaggio un aspetto lagunare molto suggestivo. l luogo fa parte del Bezirk di Treptow-Köpenick, a sud est di Berlino, e la sua nascita risale al 1890. Qui maggiori informazioni su come raggiungere il luogo.

66- Passeggiare nel Treptower Park fino alla Insel der Jugend. Dopo una camminata costeggiando il fiume fino all’estremità sud, passando per un suggestivo ponte pedonale, si accede in quest’isola immersa nella Sprea con un biergarten, un palazzo e, soprattutto tanti angoli di costa dove sdraiarsi, prendere il sole e osservare il tramonto.

67- Un pomeriggio al Weißensee. Situato nel quartiere di Pankow, poco distante dal centro di Berlino e facilmente raggiungibile sia in bicicletta che con i mezzi pubblici, il lago è uno dei più conosciuti in città. Un luogo immerso nel verde, che ospita graziosi café sulle sue sponde, ma anche un ristorante con piatti tipici e la possibilità di fare un giro a bordo di una delle barchette abbarbicate sulla riva.

68- Una crociera sullo Sprea. Per chiunque visiti Berlino durante i mesi estivi o primaverili, una crociera sul fiume che si snoda lungo la capitale è un’esperienza irripetibile. Da ovest a sud est, si potrà godere il panorama da un’altra prospettiva, quella di chi sta in mezzo: monumenti, ponti, parchi e scorci unici. Il sito della città di Berlino propone tanti tipi diversi di crociere, a seconda di ciò che si vuole vedere.

Per maggiori info: https://www.berlin.de/en/tourism/rivercruises-boattrips/

69. Una giornata a Postdam. A pochi chilometri da Berlino Potsdam, la capitale del Land Brandeburgo, è famosa soprattutto perché custodisce l’eccezionale eredità storica della residenza prussiana con i suoi numerosi e spettacolari castelli e giardini principeschi. Già nel 1990 questa suggestiva area venne dichiarata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO. I luoghi da visitare assolutamente per la loro straordinaria bellezza sono il castello e i parchi di Sanssouci il Neuer Garten il Babelsberg il Glienicke e l’isola Pfaueninsel con i suoi castelli.

70- Una panoramica di Kreuzberg dall’alto della collina del Viktoriapark. Non c’è dubbio, questo è il parco per eccellenza del quartiere di Kreuzberg, il più bello grazie alle sue suggestive cascate e a alle serie di tornanti e zone d’ombra posizionate su vari livelli. Andare fino in cima, lì dove sorge la colonna di venti metri disegnata da Schinkel nel 1821 per commemorare le vittoriose battaglie contro Napoleone non è solo un modo per avvicinarsi alla storia, ma un punto panoramico da cui osservare buona parte della zona Non a caso proprio lì vicino nasce quella Kreuzbergerstrasse che dà il nome al quartiere.

6932247384_ec1986ddb3_h
Il castello di Charlottenburg © Alexander Steinhof Web.Done CC BY SA 2.0

RISTORANTI, BAR e CAFE’

71- Gustare le prelibatezze dell’antica pasticceria Buchwald. Nel cuore del quartiere di Bellevue, a pochi passi dalle rive della Spree, si trova quella che è, a detta di molti, la migliore pasticceria di Berlino. Niente impasti già pronti o ingredienti conservati, solo una maestria tramandata da generazioni (Gustav Buchwald fu pasticcere del re), per questo luogo poco turistico e ricco di fascino. Consigliatissime le Baumkuchen, specialità della casa.

Qui il link al sito: http://www.konditorei-buchwald.de/index.php

72- Assaggiare il kebab di Mustafa’s. A Berlino è un’istituzione e uno dei passaggi obbligati per chi ci vive o per chi è solo di passaggio (ne parliamo qui). Lo trovate a Kreuzberg alla fermata di Mehringdamm (U6 o U7), dove chi non gradisce la cucina turca potrà invece assaporare il tipico currywurst tedesco al Curry 36 (Mehringdamm 36), un’altra istituzione culinaria berlinese.

73- Assaggiare il classico Currywurst. Non c’è niente, a livello culinario, che più rappresenti Berlino come il Currywurst. E’ uno dei pochi piatti tipici della capitale, nato a Berlino ancora prima di diventare famoso in tutta la Germania. E’ un “cult” per tutti i tedeschi (e non) e a Berlino è visto come una vera e propria istituzione culinaria da pendolari, studenti, barboni e turisti. Uno dei più famosi e autentici posti in cui poterlo assaggiare è l’Imbiss di Konnopke su Schönhauser Allee attivo dal 1930.

74- Fermarsi a gustare le prelibatezze della Fassbender & Rausch. Si tratta, a detta del Touring Club, dell’unico ristorante in Europa che serve piatti esclusivamente a base di cioccolato. La specialità sono le praline e si può scegliere cosa gustare direttamente al banco. E poi torte, mousse e tanti altri tipi di dolci, sia da mangiare che da bere. Inoltre, al piano di sopra il Schokoladen Dinner Show serve offre particolarissime creazioni in cui il normale sapore del cioccolato si nasconde o viene esaltato da vari accostamenti. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

Charlottenstrasse 60 (dietro la Konzerthaus di Gendarmenmarkt)

75- Una Pausa al Thai Park. Se, tra una meta ed un’altra, vi viene voglia di assaggiare cibo asiatico autentico, preparato dalle mani di donne thailandesi dovete assolutamente gustare i piatti particolari della tradizione culinaria thailandese nel cuore dell’ovest di Berlino. E’ il prato di Preußenpark, il Thai Park di Berlino. L’atmosfera è vivace, un’esplosione di colori, le donne sorridenti e cordiali, il cibo invitante: forse anche per questo le autorità berlinesi chiudono un occhio. Sembra si tratti di uno di quei posti speciali che sembrano esistere soltanto a Berlino, un’originale pausa culinaria thailandese nel cuore dell’Ovest cittadino che ogni berlinese (e non) dovrebbe concedersi almeno una volta.

Ogni weekend estivo, da mezzogiorno al tramonto in Fehrbelliner Platz 10707 

76- Una domenica alla Neue Heimat. Quattromila metri quadrati suddivisi tra due capannoni un tempo industriali. Da un anno, Berlino ha un nuovo suggestivo luogo di ritrovo: l’evento periodico di maggiore richiamo è quello domenicale dedicato allo Street Food. Sono più di venticinque gli stand che offrono pietanze da ogni parte del mondo. Alcuni sono ormai fissi: ecco quindi gli Spätzle  – tipici gnocchetti del sud della Germania – così come le Schnitzel, Tapas, Flammkuchen (caratteristica pizza finissima dell’Alsazia) e tanto altro ancora, sia dolce che salato. Spesso c’è anche un dj set di musica soul e funky.

Revaler Strasse 99 – angolo Dirschauer Strasse

77- Assaporare street food proveniente da tutto il mondo alla Markthalle Neun. E’ un’esperienza tipicamente berlinese  quella passare qualche ora a degustare i sapori del mondo presso questo grande mercato coperto a Kreuzberg. Dal panzerotto pugliese al gulasch ungherese, dal roast beef inglese al tempura giapponese, dai tacos messicani all’autentica cheesecake americana e ai deliziosi cupcakes, dalla focaccia ligure alle migliori specialità vietnamite e ai prelibati formaggi francesi, passando per l’immancabile salmone norvegese in tutte le salse. Tutto, dettaglio da non sottovalutare, di qualità sopraffina. L’appuntamento è ogni giovedì dalle 17:00 alle 22:00.

Eisenbahnstraße 42, fermata U1 Görlitzer Bahnhof

78- Gustarsi un hamburger da Burgermaister. Un nome una garanzia: situato esattamente all’uscita della metro di Schlesisches Tor a Kreuzberg. Per trovarlo vi basterà seguire la fila di persone che apparentemente puntano verso un vecchio gabinetto pubblico. Una vera e propria istituzione Berlinese, se ci passate e per miracolo non c’è fila approfittatene, anche se sono le 9 del mattino. I panini non sono enormi ma il rilascio di endorfine è assicurato se al menù aggiungete le patatine (provate le chili cheese). Andate a gustarvi il tutto sulla vicinissima riva della Sprea per un effetto ancora più appagante.

Oberbaumstraße 8 – Kreuzberg

79- Magiare come nella vecchia DDR nella tipica Osseria. In quella Ddr che rinominava tutto ciò che era americano con un altro nome, compresi gli hot-dog (che al di là del muro era ketwurst) se vi va di provare e vivere un pasto completamente “ost” il posto giusto in cui andare è l‘Osseria.  “Ossie”, per chi non lo sapesse, è il nomignolo con cui venivano chiamati, anche un po’ dispregiativamente a volte, i cittadini dell’allora Ddr. All’interno un arredo caratteristico: ci si trovano poster, dischi, vecchi gadget.Può sembrare un po’ kitsch, ma la sensazione generale è quella di un posto a suo modo tipico. La cucina è tipica Ddr, anche se alcune ricette sono semplicemente tedesche.

Langhansstraße 103 13086 Berlin Weißensee (quasi Prenzlauer Berg)

80- Gustare la cucina tipica berlinese da Die Deponie nr. 3. La cucina berlinese è una cucina rustica che risente molto dell’influenza della cucina prussiana quindi gli ingredienti principali sono patate e carne. Ecco quindi la Berliner Kartofflesuppe (zuppa di patate), la Berliner Eisbein (il tipico stinco di maiale lesso), grigliate varie e tanto altro ancora su questa falsariga sempre a porzioni abbondanti e prezzi contenuti. Siamo in una zona turistica, ma il locale è carino (tavoli e banconi in legno, luci soffuse, c’è addirittura una vecchia carrozza appesa al soffitto e quando c’è bel tempo si può utilizzare la luminosa terrazza) , la qualità del cibo buona e così ci si trovano molti tedeschi del quartiere e studenti e professori della vicina Humboldt Universität.

Georgenstraße 5 (fermata metro Friedrichstrasse)

81- Un Brunch domenicale. Berlino è famosa per la domenica e i suoi ricchi brunch, non importa se si siano fatte le ore piccole o no: vi sono i brunch vegani, quelli per le famiglie con area giochi per bambini, quelli “all you can eat” (con prezzo fisso) e quelli alla carta. I locali sono tantissimi, praticamente otto su dieci la domenica serve gustose proposte culinarie per tutti i palati. Non importa sia cucina locale, messicana, indiana o arabica. Qui la lista dei 5 migliori brunch in città secondo una nostra redattrice.

82- Mangiare all’ultimo piano del KaDeWe. E’ il centro commerciale più famoso della Germania e con una superficie di vendita di 60.000 metri quadri costituisce il centro commerciale più grande sul continente europeo: Kaufhaus des Westens, abbreviato KaDeWe (centro commerciale dell’Ovest). Famosissimo e molto conosciuto da tutti i tedeschi (e non) è il sesto dei sette piani: il reparto delle prelibatezze. Circa 110 cuochi insieme a 40 pasticcieri e panettieri preparano per i clienti specialità culinarie su più di 30 banchi per buongustai. Con più di 1000 posti a sedere su questo piano, KaDeWe è il più grande ristorante della città. All’ultimo piano, poi potrete gustarvi un dessert prelibato con una vista mozzafiato sulla città.

Tauentzienstraße 21-24, 10789 Berlin.

83- Una cena al Weinerei. Voglia di una serata assolutamente originale con del buon vino e del buon cibo? Dopo le 20:00 di ogni sera, i proprietari di questo accogliente ristorante trasformano il luogo in in intimo bar dove si può bere tutto il vino si desiderare, e sgranocchiare il loro buffet. Tutto quello che dovete fare è pagare 2 euro per il vostro bicchiere di vino e poi concedervi tanto vino quanto si vuole. Una volta che la serata è finita, si può semplicemente pagare tanto quanto si pensa il cibo, il vino e l’esperienza è valsa la pena. Non c’è nessun menu a dirvi quanto costa questo o quello. Non c’è nessun cameriere a portarvi il conto. Sta tutto a voi e alle vostre finanze.

Veteranenstraße 14, 0119

7951582084_62c06386f7_b
Il tradizionale Currywurst, piatto tipico di Berlino – © Stijn Nieuwendijk CC By SA 2.0

SHOPPING

84- Fare la spesa ai mercati alimentari. Li trovate praticamente in ogni quartiere a offrire uno o due giorni a settimana una scelta gastronomica vasta e anche conveniente di frutta, verdura e non solo. Tra i più famosi il mercato turco a Neukölln, il Maybachufer, di cui abbiamo scritto qui e quello che si tiene a Schöneberg a Winterfeldplatz ogni mercoledì e sabato, ricco di prodotti ortofrutticoli freschi ma anche salumi, formaggi e prodotti artigianali (raggiungibile dalla vicina fermata di Nollendorfplatz).

85- Fare acquisti al Mauer Park. Il Mauerpark di Prenzlauer Berg (aperto tutti i giorni dalle 8 am-fino al tramonto) è meglio non conosciuto come un luogo rilassante, ma una mecca per gli amanti dello shopping “da mercatino”. Il parco infatti ospita la domenica un enorme mercato delle pulci, con venditori di biciclette, vestiti, cibo, souvenir, dischi, pianoforti, mobili e affari di ogni tipo. Inoltre adiacente al mercatino, in una domenica di sole potete vedere un arena piena zeppa di persone: è il famoso e divertente karaoke del Mauerpark, un’istituzione in città. Qui il nostro articolo per saperne di più.

Gleimstraße 55, 10437 Berlin

86- Fare la spesa al mercato turco di Maybachufer. Oltre all’offerta di verdura e frutta molto più saporita della media che si può trovare nei supermercati, la peculiarità del Maybachufer Markt è infatti la convenienza. Tutti i prodotti alimentari, di ottima qualitá, sono venduti ad un prezzo davvero irrisorio che permette di fare la spesa per la settimana con meno di dieci euro. Inoltre il canale di Maybachufer diventa uno dei luoghi di ritrovo più amati dai berlinesi durante una bella giornata di sole. Maggiori informazioni nel nostro articolo.

87- Un pomeriggio al mercatino delle pulci di Kreuzberg. Già la location è speciale: il Prinzessinengärten è un giardino botanico urbano che da anni sta facendo parlare di sé: un tempo spazio completamente abbandonato pieno di erbacce e rifiuti, è stato pulito e trasformato da un’organizzazione no profit della zona in un giardino botanico a disposizione di chiunque voglia avere un piccolo pezzo di terra e coltivare il proprio orto. Poi, con intervalli regolari, diventa un fantastico mercatino delle pulci, perfetto per per chi vuole rilassarsi e vagare tra gli stand pieni di oggetti di seconda mano. Maggiori informazioni nel nostro articolo. 

88- Una passeggiata lungo la zona degli Hackescher Markt. Si tratta dell’ex quartiere ebraico nei cui cortili degli edifici si nascondono alcuni dei più bei negozi di Berlino, non solo per le vetrine , ma per le location stesse. Passeggiate, curiosate un paio d’ore lungo la Munztsrasse e Rosenthalerstrasse e sulla lunga Augustrasse (la via con la più alta concentrazione di gallerie d’arte al mondo, vedi punto  ) fino all’incrocio con la Oranienburgerstrasse (dove c’era il rimpianto Tacheles).

4944399864_6a8efd916b_b
Mercatino del Mauerpark © Bauke Karel CC BY SA 2.0

LOCALI e CLUB

89- Un aperitivo al Klunkerkranich. Al sesto ed ultimo piano del grande centro commerciale di Neukölln Arkaden, appena qualche metro sopra MediaMarkt, Aldi e Kaufland, si nasconde uno dei locali “più speciali” di tutta la città. Una terrazza mozzafiato da cui si domina la capitale, spettacolo senza paragoni da gustarsi al tramonto, sorseggiando una birra od approfittando della semplice cucina allestita in cima ai sogni di questo palazzo.

Karl-Marx-Str. 66 12043 Berlin.

90- Una pomeriggio o un pre serata al Club Der Visionäre. E’ uno dei locali storici della Berlino degli ultimi dieci anni, un club famoso soprattutto per il pre e post serata, quando o al tramonto o all’alba, si vuole stare in giro a godersi il bel tempo in un’atmosfera di grande rilassatezza. Negli ultimi tre anni il locale è cambiato un po’: le chiatte su cui appoggiarsi sono state diminuite, è aumentata la superficie al chiuso e il “ballare” ha acquistato un’importanza maggiore. In ogni caso la vicinanza al canale e l’atmosfera generale è talmente magica che vale almeno una visita.

Am Flutgraben 1,12435

91- Una partita allo Schwarzlicht. Si tratta del mini-golf sotterraneo pieno di street art nel quartiere di Kreuzberg. Quello che lo rende speciale è il fatto che solo a Berlino gli ex magazzini sotterranei di una stazione dei treni potevano essere trasformati in un’enorme opera d’arte fatta di mura colorate e fosforescenti e buche da minigolf che ricordano scenari fantascentifici. Questo posto surreale e affascinante si trova dentro il Görlitzer Park.

Görlitzer Straße 1/Haus 1 10997 Berlin

92- Un pomeriggio all’Haubentaucher. Torniamo nella zona del Raw a Friedrichshain dove il nuovissimo Haubentaucher è uno spazio molto interessante con un’enorme piscina all’aperto. Oltre alla posizione eccezionale (è circondato tra gli altri dalla galleria Urban Spree, dalla sala per concerti Astra, dal Cassiopeia e Suicide Circus) e il vantaggio di potersi fare un bel bagno, questa location ospita anche occasionalmente DJ-Set e ogni giovedì alle 8 di mattina “Open Sky Yoga“, una lezione aperta di Yoga.

Revaler Str. 99 / Warschauer Str., 102

93- Un pomeriggio allo YAAM. E’ una delle spiagge sullo Sprea più frequentate dai giovani, che propone settimanalmente un programma svariatissimo tra musica dal vivo, tornei di basket, workshop e mostre di street art.

An der Schillingbrücke 3, 10243, Berlin.

94- Un pomeriggio e una sera all’Holzmarkt. La location di questo bar all’aperto sulla riva della Sprea è la stessa dove un tempo sorgeva il Bar25, chiuso nel 2010 a causa del fenomeno della gentrification (per saperne di più). I proprietari avevano aperto allora dall’altra parte del fiume il Kater Holzig, chiuso anche questo più avanti per gli stessi motivi. Holzmarkt è oggi un vero complesso dove sorge il bar sulla sabbia, il ristorante Fame, la galleria Silber & Salz, il teatro Ding-Dong-Dom e il club erede del Kater Holzig, il Kater Blau. Il bar è un bellissimo posto dove rilassarsi il pomeriggio nel fine settimana e godersi la vista sul fiume.

Holzmarktstr. 25, 10243 Berlin-Friedrichshain

95- Una serata alla Clärchens Ballhaus. E’ uno di quei luoghi in cui ci si diverte sempre. Certo, questo a patto che non si abbia la puzza sotto il naso e si sia pronti a ballare qualsiasi tipo di musica possibile (dallo swing alla mazurka, passando per rock’n’roll, la salsa, il jazz e il pop). E’ un mix tra una balera e un club berlinese old style. Di Ballhaus a Berlino ce ne sono altre, ma questa è senza dubbio la più affascinante. Ogni giorno, o quasi, c’è qualche evento, venerdì e sabato sera normalmente si balla con la musica dal vivo di gruppetti swing e rock’n’roll e c’è un prezzo di ingresso (3 o 5 euro). In ogni caso prima di andare meglio controllare il programma. 

Augustrasse 24 – Mitte

96- Una serata all’SO36. E’ uno dei locali simbolo di Kreuzberg e di Oranienstrasse in particolare, centro di ritrovo di tutta la comunità punk cittadina negli anni ‘80. Ogni secondo mercoledì del mese c’è poi un mercatino dell’usato molto originale. Qui un tempo venivano a sentire concerti David Bowie e Iggy Pop. Maggiori informazioni sul locale nel nostro articolo.

Oranienstrasse 190, 10999 Berlin.

97- Passare una serata al B-Flat. Un luogo sofisticato, con una musica d’eccellenza, che varia ogni sera dall’acustica al jazz. Il B-flat è uno dei club cult di Berlino, forse uno dei migliori. Dedicato a chi ama la musica di qualità, ma soprattutto quello stile tipico della musica d’improvvisazione delle Jam Session.

Rosenthaler Str. 13, Berlin Mitte

98- Una serata al Kafee Burger. E’ uno degli ultimi locali che hanno caratterizzato il periodo di massimo splendore del quartiere Mitte dopo la caduta del muro e dov’è è nata la musica balcanica berlinese. La scena underground si è spostata altrove, ma il Kaffee Burger è ancora un posto per passare una piacevole serata. Piccolo, non troppi turisti e e musica balcanica/ska. Un altro vantaggio (soprattutto in questa zona della città) sono i prezzi dei drink abbordabili.

Torstraße 60, 10119 Berlin

99- Una notte all’://about blankQuesto club s trova a Friedrichshain, vicino alla stazione di Ostkreuz, ma è tanto difficile da trovare così nascosto (e a prima vista anonimo) quanto, una volta che ci si è stati, da dimenticare. La politica alla porta è simile a quella di tanti altri club di Berlino dove si ascolta musica elettronica o techno: se non piaci ai selezionatori non entri. Se riuscite ad entrare preparatevi ad un’esplosione di suoni e sensazioni eccezionali. il programma dell’About blank spazia in molti rami dell’elettronica: house, techno, electro, acid, minimal e bass/dupstep.

Markgrafendamm 24C, 10245 Berlin

100- Una notte al Watergate. Non senza merito Watergate è diventato uno dei club più famosi della città. Una location perfetta, a due passi dall’Oberbaumbrücke, due sale con una parete totalmente a vetro per potersi godere la vista sul fiume, nonché una piattaforma galleggiante sull’acqua, per prendere un po’ d’aria tra una danza e l’altra e particolarmente godibile in estate. Ma non solo: sulle due piste è possibile ascoltare il meglio della musica elettronica: house, deep house e techno. Per saperne di più.

Falckensteinstraße 49, 10997 Berlin

101- Una notte al Salon Zur Wilden Renate. Si tratta di uno dei locali più popolari di Berlino: un tempo vecchio edificio occupato da squatters, oggi tramutato in club con divanetti di pelle consumata, mobili vintage ed un che di teatrale nell’aria. Un palazzo labirintico, stanze, stanzette e scale, soppalchi e camere con letti a baldacchino, un giardino esterno e una sensazione da “casa delle bambole in decadenza”. La stravaganza che incontra la musica, l’originalità a forma concreta. Un club fuori dal comune, per chi ha voglia di sperimentare una location curiosa e non solo la buona musica. Line-up d’eccellenza in un quadro non esageratamente turistico- Per saperne di più.

102- Una notte al Suicide Circus. è uno dei locali più famosi in città. La sua apertura risale al 2009 e da allora ha ospitato sia alcuni dei dj più famosi al mondo, ma anche splendi festival (come il Krake) ed originali serate che ne hanno fatto uno dei tempi europei della musica techno. E’ una di quelle tappe immancabili per tutti gli amanti della musica elettronica.

Revaler Str. 99, 10245 Berlin

103- Una notte al Berghain/Panorama Bar. Cosa dire, se non che probabilmente esiste un turismo solo dedicato al Berghain? Gioia e dolore di tutti i curiosi, questo locale diventa una sfida, una prova del 9 per gli amanti della techno. Tempio indiscusso dei dj’s più famosi del momento, madre dell’etichetta rinomata Ostgut Ton, che vanta nomi celebri da Detroit a Ibiza, il Berghain è uno dei locali più famosi e attraenti del mondo. Una vecchia centrale elettrica, la cui fisionomia è ormai uno dei simboli di Berlino. Famoso per la sua selezione alla porta priva di criteri, il Berghain e il Panorama Bar sono la meta più ambita di ogni turista (e non solo).

am Wriezener Bahnhof 70 (S Bahn Ostbahnhof)

104- Una notte al Tresor. Uno dei più antichi locali di musica techno del panorama berlinese: sorto per la prima volta a Leipziger Strasse sotto una banca (da qui il nome Tresor poichè in tedesco vuol dire appunto “cassaforte”) è stato uno dei primi templi della nuova musica in voga dopo la caduta del muro. Il Tresor di Leipziger Strasse portava con sé un grande retaggio della decadenza del passato, del muro e della Berlino degli ultimi anni, ma anche i primi sprazzi di quella modernità che vediamo oggi nello stile e nella musica di molti altri locali. Nel 2005 la sede di Leipziger Strasse ha visto il suo ultimo party, per riaprire poi nel nuovo edificio nel 2007, una location simile, a Köpenicker Strsse.

Köpenicker Strasse 70, 10179 Berlin (U-Bahn Heinrich Heine Strasse)

105. Una notte o un aperitivo al WeekendSul tetto di un palazzo ad Alexander Platz, salendo con un ascensore fino al quindicesimo piano, vi troverete in un oscuro spazio adibito a club, molto minimalista e asettico. Cubi neri, pareti nere, un bancone per il bar e la dancefloor al centro della sala. D’estate è aperto il rooftop garden, la terrazza con vista mozzafiato su tutta la città. L’atmosfera del garden stride decisamente con quella della sala interna: sulla carta almeno sei tipi di Moët a prezzi vertiginosi, moltissimi turisti, o gente del posto che sa dove andare a prendere un aperitivo di lusso. La musica? All’esterno solo un contorno.

Alexanderstrasse 7,10178 Berlin (U-Bahn Alexanderplatz)

6026114713_5e847cd5a4_b
Club der Visionaere – Nacho Pintos CC BY SA 2.0

Photo: © Paolo MargariRoberto VentreSean MolinSnaPsi СталкерAlexander SteinhofStijn NieuwendijkBauke KarelNacho Pintos CC BY SA 2.0

Banner Scuola Schule

<a

3 Responses to “Le 105 cose da vedere, visitare, fare e mangiare assolutamente a Berlino”

  1. Gabriella

    Bellissimo articolo!!!! Viene voglia di vedere Berlino, anche se non era nei programmi di viaggio!!!

    Rispondi
  2. roberto

    Bellissima e utilissima lista. Preziosi gli approfondimenti.
    Grazie

    Rispondi

Leave a Reply