A pochi passi dal centro di Berlino, un’ex-rimessa ferroviaria diventa centro per l’arte e l’urbanistica

Uno spazio inutilizzato che rivive grazie alla cultura, un esperimento di riqualificazione, dopo aver parlato dei BLO – Ateliers, anche lo ZKU – Zentrum für Kunst und Urbanistik (Centro per l’Arte e Urbanistica) si trova all’interno di un ex deposito ferroviario, questa volta nell’area di Westhafen, porto ovest, il più grande porto interno di Berlino ancora attivo.

Da area ferroviaria ottocentesca, funzionale al trasporto merci, parte della Güterbahnhof Moabit si trasforma in un nuovo polo culturale, destinata a diventare un centro vivace per il “trasporto” di idee e progetti nell’era postindustriale.

Lo ZKU è il risultato di un concetto sviluppato da KUNSTrePUBLIK, collettivo di artisti berlinesi, che nell’estate del 2012 inaugura il Centro per l’Arte e l’Urbanistica nell’ex scalo merci di Moabit. Il risultato dell’attento lavoro di recupero della struttura sono: 13 monolocali per residenze artistiche, un’area eventi per mostre e manifestazioni e uno spazio in comune per workshop e laboratori. Immerso in un parco pubblico di nuova concezione, risultato del processo di pianificazione partecipata condotto dal quartiere di Mitte, con tanto di orti urbani, alberi da frutta e parco giochi per grandi e piccini, la struttura mantiene l’originale fascino industriale.

Le idee trainanti e i progetti proposti dal collettivo KUNSTrePUBLIK sono concentrati sulla partecipazione locale e sullo scambio a livello globale, provenendo da ambienti non istituzionali, i fondatori, (Einhoff, Horst, Sachs) aspirano a continuare ad esplorare forme di collaborazione e ricerca condivisibile, che vanno oltre preconcetti esistenti .

Lo sviluppo dello ZKU è un processo a lungo termine che si evolverà attraverso i contributi e le osservazioni critiche espresse dai partecipanti e dai partner che sostengono le attività, queste sono rivolte ad un pubblico eterogeneo sempre invitato a seguire i risultati finali. Questo fine settimana durante un evento Openhaus gli artisti sono invitati ad esporre le idee e i progetti attraverso gli elaborati prodotti nel corso della residenza.

Circondata su tutti i lati da acqua, Moabit era un’enclave abitata nel 19° secolo da ugonotti fuggiti dalla Francia (è infatti a loro che si deve il nome del quartiere), che con l’avvento dell’industrializzazione divenne un’importante zona di produzione.

Quale posto migliore, quindi, per esplorare questioni urbane legate ad una città che non ha cessato di essere costruita negli ultimi 150 anni? Berlino ha assistito a cambiamenti di confini a diversi livelli: geografico, politico, sociale e culturale. La città ha acquistato un carattere urbano specifico, caratterizzato da una mancanza di finanziamenti, cosa che ha portato ad alti livelli di improvvisazione con conseguenti processi di pianificazione sperimentali, spesso vincenti, e ad una vasta gamma di attività innovative e indipendenti, che hanno fatto e fanno di Berlino un perfetto laboratorio per le “questioni” urbane.

Se vi incuriosisce scoprire un modo diverso di pensare allo sviluppo e all’evoluzione della città, vi consigliamo questa 4 giorni di eventi e presentazioni dei progetti al centro ZKU.

Indirizzo: Siemensstrasse 27, 10551 Moabit-Berlin. Opening 23 Maggio ore 19:00

Ricerche e foto a cura di Berlino Explorer

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

2 Responses to “A pochi passi dal centro di Berlino, un’ex-rimessa ferroviaria diventa centro per l’arte e l’urbanistica”

  1. ZK-U Centro d'Arte e Urbanistica - Berlino Explorer

    […] pubblicato nella sezione Berlino Nascosta del Magazine Berlino Cacio e […]

    Rispondi
  2. E’ ufficiale, Moabìt avrà il suo nuovo centro culturale! - Berlino Explorer

    […] scovare sono gli interventi independenti e spontanei che in questo quartiere si sviluppano, come lo ZKU, centro per l’arte e l’urbanistica e il progetto fra¿ment all’interno della REFO […]

    Rispondi

Leave a Reply