Nazismo, resistenza, DDR e giorni nostri: l’eccezionale storia del cinema Babylon di Berlino

Testo a cura di Francesco Somigli – Informazioni architettoniche e foto a cura di Elena Vellani

A pochi passi dalla caotica Alexanderplatz c’è un angolo di città in cui si può ritrovare un po’ di pace: si esce dal quartiere di Mitte e ci si avvia verso la leggera salita che porta a Prenzlauer Berg, ma non prima di essere passati da Rosa-Luxemburg Platz, una piazza triangolare, rarissima da trovare in città come Berlino. L’attenzione è sicuramente attirata dall’edificio della Volksbϋhne, lo storico “teatro del popolo”, ma sul lato destro della piazza si trova un altro luogo che da tantissimo tempo è un fedele compagno delle serate di berlinesi e non: il Kino Babylon.

Il cinema fu inaugurato nel 1929 e progettato dall’architetto Hans Poelzig come parte integrante dell’edificio a funzione mista che ospita anche residenze e attività commerciali. Il palazzo, per integrarsi a dovere con lo spazio circostante, ha la forma in pianta di un triangolo rettangolo; il cinema si sviluppa sul lato corto, la base, e si integra all’interno della facciata senza alterarne l’architettura.

Il progetto di Poelzig seguiva le regole della Neue Sachilichkeit (Nuova Oggettività), corrente di pensiero secondo cui l’architetto non deve progettare attraverso il proprio gusto o quello del committente, bensì porsi a servizio della popolazione, dell’utente finale, creare edifici per la società che fruirà di tali spazi. Allo stesso tempo, contrapponendosi al pensiero espressionista, il dettaglio estetico deve ridursi al minimo, la forma non deve esprimere il lato emotivo della realtà bensì quello oggettivo. L’edificio di colore marrone è diviso orizzontalmente da quattro file di finestre incorniciate da bande di gesso di colore più chiaro, le quali assieme all’ampio sporto della copertura piana, seguono l’andamento della facciata. Il piano terra adibito ai negozi è ritmato da porte finestre di colore rosso tutte delle medesime dimensioni; tre di esse costituiscono l’ingresso principale al cinema che, se non fosse per l’insegna, quasi non si riconoscerebbe.

Le prime proiezioni ospitate al Babylon furono i grandi successi del cinema muto degli anni ’30, per supportare i quali il cinema era perfettamente attrezzato: ai piedi dello schermo si trovava una buca per l’orchestra e, dietro le quinte, un organo a pedali; entrambi gli elementi erano utili ad accompagnare la visione con musica dal vivo.

Con l’ascesa al potere del partito nazista il cinema inizia la sua personale storia di resistenza: a partire dal 1933 il proiezionista Rudolf Lunau mise in piedi una cellula comunista di resistenza che si riuniva periodicamente proprio nella cabina di proiezione del Babylon. Lunau non si limitava ad ospitare i suoi compagni ma aveva anche il compito di custodire materiale e filmati di propaganda in quello che era il suo posto di lavoro. Purtroppo nel 1934 le maglie del controllo nazista si fecero ancora più strette: Lunau fu scoperto e condannato a quattro anni di prigione, prolungati poi nel 1943 con il suo arruolamento coatto nella Strafdivision 999, un battaglione speciale della Wermacht in cui venivano impiegati i colpevoli del reato di opposizione al partito nazista.

Dal momento del suo arruolamento, del destino di Rudolf Lunau non si è saputo più nulla. E’ sparito dai registri dell’esercito come se niente fosse, anche se l’ipotesi più probabile è che sia rimasto ucciso in una delle tanto battaglie combattute da un esercito che stava marciando verso la sconfitta. Per ricordare l’eroico proiezionista, nel 1980 nel foyer del Babylon fu affissa una targa commemorativa visibile ancora oggi.

Il cinema fu pesantemente danneggiato durante i bombardamenti su Berlino e la sua riapertura avvenne solo nel 1948: Rosa-Luxemburg Platz, così come i quartieri di Mitte e Prenzlauer Berg, si trovava nel settore cittadino amministrato dall’Unione Sovietica (in pochi anni sarebbe diventato Berlino Est). Durante la divisione della città il Babylon fu uno dei cinema di punta della DEFA (la casa di produzione cinematografica della Germania Est) e nella sua sala furono proiettati i grandi successi della DDR e ospitati numerosi festival: un utilizzo in tono minore dopo le ruggenti anteprime degli anni ’30, ma pur sempre un modo per omaggiare questo grande cinema.

Gli anni che vanno dalla caduta del muro all’inizio del nuovo millennio sono quelli più tristi per il Babylon: numerose (e lunghe) chiusure per lavori di restauro, soprattutto quella del 1993 quando si arrivò addirittura a temere che la struttura intera potesse collassare. Dopo la notevole spesa di dieci milioni di Marchi, nel 2001 ci fu la grande riapertura del cinema: la ristrutturazione era stata massiccia ma aveva mantenuto le caratteristiche del passato, regalando al Babylon anche due elementi perduti nelle devastazioni della Seconda Guerra Mondiale: la buca dell’orchestra e l’organo (ancora oggi accompagnano la proiezione di pellicole senza sonoro). L’interno del cinema è prevalentemente di colore giallo ed è costituito da elementi come la doppia scalinata, il ballatoio, la galleria e l’ampia hall che gli conferiscono un carattere elegante ed una atmosfera confortevole ed avvolgente, proprio come un ambiente-propaggine degli altri spazi residenziali.

Attualmente il cinema è una delle sedi distaccate in cui si svolge la Berlinale, una manifestazione di prestigio ospitata in una delle sale più importanti della capitale tedesca nonché, da tre anni, l’Italian Film Festival Berlin, il più importante festival berlinese dedicato al cinema italiano. Non resta che augurarsi ancora una lunga vita per il Kino Babylon e ancora mille di queste proiezioni!

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • "Il giorno dei morti è una celebrazione della crudeltà del tempo...È un momento per incontrarsi con amici e persone care e contemplare insieme la bellezza del presente" Al Kino Delphi Berlino si commemora oggi la giornata dei morti, come se fosse una vera festa; diversi generi della musica contemporanea, performance artistiche,…
  • Problemi con i vostri coinquilini? Non siete i soli. Sophia Halmonda ci racconta la fauna berlinese attraverso una guida per riconoscere ogni tipologia di coinquilino. Trovare una stanza in affitto a Berlino può rivelarsi impresa molto complicata: tra aumento dei prezzi, file chilometriche soltanto per prendere visione dell'appartamento, selezioni spietate…
  • Si rinnova anche questa domenica l'appuntamento con il CinemAperitivo, iniziativa realizzata in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura e il Cinema Babylon a Mitte, che porta nelle sale del cinema berlinese una serie di proiezioni tutte italiane. I prossimi due film sono "Caro Diario" e "La Stanza del Figlio" di Nanni Moretti:…
  • Sei terapista occupazionale / ergoterapista di professione (in possesso di laurea in terapia occupazionale) e cerchi una nuova sfida? Perché non a Berlino? La terapia occupazionale, o ergoterapia, è una disciplina riabilitativa che permette di sviluppare, recuperare o mantenere le competenze della vita quotidiana e lavorativa delle persone con disabilità cognitive,…
  • La capitale tedesca dedica una breve retrospettiva al grande Federico Fellini. Il primo appuntamento è per domenica 16 aprile alle 16.00 con La dolce vita, forse il più famoso all'estero dei film del cineasta riminese. Si continuerà le due domeniche successive, sempre alla stessa ora, prima con Roma (il 23 aprile)…

Francesco Somigli

Autore freelance, narratore di storie e ideatore del progetto Ohneort in cui esplora e racconta la rete metropolitana di Berlino. Collabora con Berlino Explorer con tour guidati alla scoperta della capitale tedesca.

One Response to “Nazismo, resistenza, DDR e giorni nostri: l’eccezionale storia del cinema Babylon di Berlino”

  1. striped cat

    che bell´articolo, grazie!

    Rispondi

Leave a Reply