Nick Cave e il bellissimo documentario sulla Berlino post-punk

«Ecco la mia collezione di dipinti gotici tedeschi, la mia pistola e la mia scrivania».

Nel 1987 Nick Cave era ospite a Berlino ovest nell’appartamento di Mark Reeder, autore del film cult B-Movie: Lust and Sound in West Berlin, del quale Bram van Splunteren usò del materiale, come la famosa intervista iniziale, per produrre Stranger in a Strange Land. Questo documentario, apparso per la prima volta sul canale olandese VPRO, esplora la produzione musicale di quegli anni di Nick Cave & The Bad Seeds, band che avrebbe rappresentato la rivoluzione no wave, consacrandosi icona del post-punk più sperimentale. Come già per David Bowie, Brian Eno e Iggy Pop, anche per l’artista australiano e le sue «radici cattive», Berlino fu la culla accogliente e sinistra delle produzioni più geniali, oscure, unite dal minimo comune denominatore della dipendenza.

Tra post-punk e clubbing

Due anni dopo l’arrivo di Nick Cave in città il muro sarebbe caduto, e con lui anche il movimento underground più dark. Si faceva spazio, così, un’altra rivoluzione che solo Berlino, con il suo disturbante sfondo, poteva ospitare: il clubbing e i suoi rave. Ma quelli del documentario sono gli anni di Der Himmel Über Berlin di Wim Wenders (nel quale appare proprio Cave); dell’atmosfera stimolante, vibrante e decadente, folle e poliedrica della città, come testimonia Mick Harvey (ex frontman dei The Birthday Party insieme a Cave, poi Bad Seed fino al 2008). Un’atmosfera sana rispetto a Londra, dice, dove è possibile integrarsi e sentirsi coinvolti. Interessanti anche gli inserti delle prove, in cui Blixa Bargeld, definito da Cave «il mio eroe», esprime la sua felicità (per chi è bravo ad interpretarla sul suo volto) nel poter produrre liberamente la sua musica. Compare anche Mark E. Smith dei The Fall, immortalato durante una di quelle serate che sarebbero terminate qualche giorno dopo.

La Berlino di Nick Cave

Foto © Wikipedia Commons – CC 2.0

Vedi anche: Il primo viaggio a Berlino raccontato in un video

Foto di copertina © YouTube – Screenshot

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply