Non solo Roma, anche Berlino ha il suo IL KINO, il cinema dall’animo italiano

A Berlino c’è un cinema che parla italiano. Non tanto i film, ma nella scelta artistica e gestione della sala. Si chiama Il KINO, è situato su Nansenstr.22, quartiere Neukölln (ma siamo sul canale quasi al confine con Kreuzberg) e ogni giorno proietta film in lingua originale con sottotitoli in inglese. Il che vuol dire, quando capita (e succede abbastanza spesso), anche film alcuni dei migliori italiani della stagione in corso.

La storia di Il KINO. Se il nome non vi sembra nuovo, la ragione è semplice. Allo stesso modo si chiama quel cinema inaugurato nel 2010 a Roma, grazie all’iniziativa di 54 giovani professionisti della settima arte decisi a fare rifiorire una vecchia sala d’essai del quartiere Pigneto con un restauro e una selezione artistica che ne fanno tuttora uno dei più vivaci e coraggiosi cinema della Capitale. Tra di loro all’epoca c’era la documentarista Carla Molino, colei che sta anche dietro all’apertura di Il Kino berlinese inaugurato il 1 novembre 2014: «Ho trovato il locale quasi per caso. Era il 2012, fui invitata a vedere una partita degli Europei di calcio in una ex panificio in disuso da venti anni trasformato per l’occasione in sala con mega-schermo. Data la sua conformazione e posizione mi è venuto subito in mente Il KINO romano e così mi è venuta per la prima volta l’idea di aprire un cinema a Berlino. Ci è voluta tanta determinazione, ma ora quella sala è la nostra sala. Mio socio in questa avventura sono il mio amico designer norvegese Kristian Palshaugen e Daniel Wuschansky, autore televisivo nonché mio attuale compagno. Entrambi erano con me quel giorno della partita». Il suo trasferimento era avvenuto qualche anno prima. «Vivo a Berlino dal 2010, subito dopo aver finito di montare lil mio ultimo lavoro. L’obiettivo iniziale era realizzare un documentario sulla nuova immigrazione berlinese che, a posteriori, mi dispiace non avere mai realizzato. Alloggiavo in un appartamento acquistato qualche anno prima, quando ero fidanzata con un ragazzo tedesco e per il quale mi ero già trasferita una prima volta a Berlino nel 2003 prima di dare il via ad una lunga storia a distanza». Oggi la vita di Carla si divide soprattutto tra il KINO, i due piccoli gemelli avuti da Daniel e altri progetti legati sempre al cinema. «Non è facile fare tutto, ma siamo una coppia molto unita che si supporta vicendevolmente ed è difficile tenere a freno le idee».

I film del KINO. La scelta della programmazione dei film e degli eventi correlati (frequenti sono le premiere accompagnate da registi o sceneggiatori) è ciò che contraddistingue Il Kino berlinese da tante altre sale berlinesi. «I film devono innanzitutto piacerci ed essere mostrati rigorosamente in lingua originale. Cerchiamo di dare spazio ai documentari e, naturalmente, a produzioni indipendenti. Nel giro di due anni siamo riusciti a farci una buona nomea. Siamo stati recentemente premiati dalla Ministra della cultura di Berlino per la nostra programmazione, ospitiamo alcun proiezioni della Berlinale e festival prestigiosi come l’Interfilm». Oltre che cinema (un’accogliente sala-salotto con una sessantina di poltrone comodissime e un impianto audio eccezionale) c’è un bistrot-piccola cucina che offre piatti caldi e freddi, nonché vini, della migliore tradizione eno-gastronomica italiana «Da brava catanese non posso accontentarmi dei pop-corn, un buon film deve avere il cibo e il vino che si merita». Chiunque fosse interessato a scoprire la prossima programmazione di IL KINO, può controllare il sito. Noi, da amanti del cinema a Berlino, lo facciamo ogni giorno.

IL KINO

cinema, bistrot, bar

aperto ogni giorno dalle 15.30 all’1.00

Nansenstraße 22, 12047 Berlin

Tel. 01577 6811535

Sito 

Pagina Facebook

Banner Scuola Schule

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Magazine prima come blog, dopo come magazine. Collabora anche con AGI, Wired, Huffington Post, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply