Parlamento Europeo, il presidente Schulz allontana deputato neonazista greco. E l’aula applaude

Il partito neonazista greco Alba Dorata non è nuovo a discorsi razzisti. Ma nel Parlamento Europeo non dovrebbe esserci spazio per parole cariche di odio. Almeno così la pensa Martin Schulz, presidente in carica dell’istituzione e membro di spicco del partito socialdemocratico (SPD): così, dopo che mercoledì Eleftherios Synadinos, esponente della forza greca di estrema destra, aveva offeso i cittadini turchi con una dura uscita, il politico tedesco ha deciso di allontanarlo dall’aula (lo si vede dal minuto 2:20 del video). Synadinos ha lasciato immediatamente la seduta con un sorriso ironico, tra le timide proteste di alcuni parlamentari e gli applausi della maggioranza dell’assemblea.

Le offese di Synadinos alla Turchia. Durante un lungo dibattito sul vertice Europa-Turchia tenutosi nella mattinata, Synadinos aveva definito i turchi «barbari, sporchi, imbroglioni e spregiatori di Dio», aggiungendo che «l’unico modo per trattare con loro è il pugno duro e la risolutezza». Da lì la decisione di allontanarlo da parte di Schulz. Il politico greco dovrà ora essere interrogato: rischia di essere sanzionato con un’esclusione temporanea dai lavori parlamentari, ciò che comporterebbe anche una sospensione della diaria e dei rimborsi spese.

«Una decisione di principio». Schulz ha difeso il suo operato, definendo la sua una decisione di principio. Il deputato SPD ha spiegato l’allontanamento in un veemente discorso all’assemblea, poi sintetizzato con un post sulla sua pagina Facebook: «il Parlamento Europeo è e sarà sempre la sede di un dibattito aperto, franco e rispettoso. Ma Eleftherios Synadinos di Alba Dorata, durante l’assemblea plenaria di stamattina, ha varcato una linea rossa. Razzismo e commenti xenofobi non saranno tollerati e intendo usare tutti gli strumenti a mia disposizione per sanzionarli ogniqualvolta si presentino nel nostro consesso». Dalle ultime elezioni europee sono entrati in assemblea più di cento euroscettici che sempre più spesso esternano con violenza posizioni di estrema destra e tendenze xenofobe.

Cattura

Foto di copertina © YouTube – Screenshot

Related Posts

  • 34
    L’unione cristiano-democratica CDU/CSU spicca il volo nei sondaggi, mentre sembra svanito l’effetto Schulz che aveva dato lo sprint ai socialdemocratici della SPD tanto da vedere un testa a testa nei sondaggi da fine febbraio fino a inizio aprile. Merkel ora corre verso il quarto mandato con il progetto di un’Europa…
    Tags: per, i, più, in, si, gli, schulz, dei, dopo, spd
  • 30
    Il 24 settembre la Germania andrà alle urne per votare il nuovo Parlamento e, di conseguenza, il nuovo Cancelliere. Al momento in Germania governa una coalizione tra l'Union (CDU e CSU assieme) di Angela Merkel e i socialdemocratici (SPD). I sondaggi danno un rinnovo dell'attuale status quo come una delle ipotesi…
    Tags: i, per, in, schulz, spd, partito, non, si, parlamento, martin
  • 30
    Basta alla diffusione dell’odio sui social, in Germania è ormai legge: maxi multe fino a 50 milioni di euro per quei social network che non provvedono a rimuovere repentinamente i contenuti d’odio. Elezioni influenzate dai tweet e dai post su Facebook, lotte contro il dilagare delle fake news, insulti, incitamenti…
    Tags: odio, i, per, in, non, nel, dei, dai, è, si

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

Leave a Reply