Alexanderplatz, gli chiedono una sigaretta e poi lo picchiano

Nuovo pestaggio a Alexanderplatz nella sera di mercoledì, continuano gli atti vandalici

La tensione è ancora alta in zona Alexanderplatz. Dopo la rissa della scorsa settimana,  il clima di violenza e vandalismo che ha investito la nota piazza berlinese non sembra voler placarsi come racconta la Berliner Zeitung,

La vicenda

Nella sera di mercoledì un ventisettenne sarebbe stato ferito nei pressi di Alexanderplatz, più precisamente vicino al Marx-Engels Forum, a due passi dall’antenna televisiva.. La polizia afferma che l’aggressione sarebbe avvenuta intorno alle 17.50. Il ragazzo sarebbe stato prima avvicinato da un gruppo di persone che gli hanno chiesto una sigaretta per poi prenderlo a calci e pugni senza apparente motivo. “La vittima giaceva al suono mentre gli aggressori si avventavano su di lui” hanno raccontato alle autorità dai testimoni oculari.

Com’è finita

Del gruppo di aggressori si è particolarmente fatto notare, per la sua brutalità, un uomo poi scappato a passo svelto verso il vicino viale dell’Unter den Linden. Il resto del gruppo si è sparpagliato mentre la vittima, ricoperta di lividi e ferite, è stata trasportata d’urgenza all’ospedale.

Alexanderplatz zona poco sicura?

Molti casi recenti di aggressione stanno alimentando la convinzione che Alexanderplatz sia una zona poco sicura. A conferma di ciò uno studio della polizia locale ha riportato che la reputa uno dei luoghi con maggiori crimini in città. Numeri preoccupanti, ma c’è da considerare che è uno dei punti nevralgici di Berlino con decine di migliaia di persone di passaggio quotidianamente. Se di giorno la piazza si può considerare sostanzialmente sicura, diversa storia la sera quando si può assistere ad episodi di bivacco ogni tanto sfocianti in aggressioni e piccola criminalità. A tal proposito a breve la polizia berlinese presidierà la zona con un hotspot apposito per tamponare emergenze.

Cover photo by ©spinheike– CC0 Creative Commons


SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply