Piccola guida alle saune di Berlino. Ecco quelle dove si può entrare solo nudi

Recarsi in una delle saune di Berlino totalmente nudi (o, come dicono i tedeschi, textilfrei) è un’esperienza da provare almeno una volta durante il soggiorno nella capitale per immergersi in un aspetto importante della cultura tedesca.

Se siete pronti a mettere da parte timidezze e inibizioni, ecco quello che serve sapere.

La nudità

Innanzitutto: la nudità, a Berlino, non costituisce un grande problema. Per i più “inesperti” sentirsi a proprio agio può risultare all’inizio piuttosto difficile, ma dopo poco ci si abitua. Girando per le zone FKK dei parchi o anche all’interno di alcune discoteche, si può comprendere quanto l’assenza di inibizioni di fronte alla nudità sia peculiare della città. Quasi un tratto distintivo della cultura tedesca. Un po’ come la birra. Entrati nella sauna, si devono lasciare fuori i vestiti ma anche tutti i pensieri maliziosi poiché deve rivelarsi, alla fine, un’esperienza rilassante e purificante per il corpo intero. Nella mentalità tedesca i vestiti, come gli asciugamani, sono una trappola malsana per il corpo. Una barriera che non permette alla pelle di respirare naturalmente ed espellere le tossine superflue.

Cosa portare

Non dimenticate di portare almeno un asciugamano. C’è chi preferisce entrare in sauna già completamente nudo, ma anche chi desidera spogliarsi solo un momento prima di entrare. E ricordate. Una volta dentro, le persone che troverete nude in sauna, non saranno tutte e necessariamente quelle che desiderereste vedere nude.

Cosa non fare

Nonostante ai tedeschi piaccia essere aperti e liberi da qualsiasi (o quasi) inibizione, è importante non violare le regole “non scritte” all’interno di questo spazio. Quindi è consigliabile seguire le seguenti norme di comportamento.

  • Prima di entrare, si dovrebbe sempre fare una doccia per rispetto degli altri e per una corretta sudorazione.
  • Portare almeno due asciugamani. Uno per sdraiarsi in sauna, l’altro per asciugarsi una volta finito.
  • Nelle saune è permesso parlare. Ma è preferibile non farlo. Perché è un luogo in cui ci si reca per rilassarsi e una fastidiosa eco di sottofondo non sarebbe apprezzata. Quindi, se lo fate, aspettatevi continue occhiatacce.
  • Un consiglio. Se non sopportate il sovraffollamento, non andate in sauna nelle ore di punta ma piuttosto la sera. Senza avere mille altri corpi appiccicati l’uno contro l’altro, quasi spalla a spalla, l’esperienza risulterà più piacevole. E quando il Saunameister rilascerà nell’aria gli oli profumati per mezzo del vapore caldo, con poche persone all’interno, sarà molto più gradevole per voi e per chi vi circonda.

In quali saune andare

Le saune berlinesi sono molteplici, ognuna caratterizzata da rituali diversi. Ci sono posti che propongono scrub al miele con l’ausilio di massaggi rigeneranti o altri che applicano la tecnica del water casting (ossia oscillare un asciugamano per far spostare in modo circolare il vapore all’interno della sauna). Ecco qui una piccola lista di saune dove passare qualche ora in totale relax a Berlino o nelle vicinanze. Occhio alle regole della singola struttura. Solo in alcune è richiesta esplicitamente una tenuta textilfrei.

Kristall-Saunatherme

La Kristall-Saunatherme è mezz’ora da Berlino. Si tratta di un centro benessere termale in cui le persone possono fare saune, nuotare, fare massaggi ma completamente nude (tranne il mercoledì e la domenica, giorno in cui si può scegliere se restare tetxtilfrei o vestiti). Ricordatevi le infradito e ovviamente gli asciugamani. Un’altra spa dove rilassarsi dopo una lunga settimana – rigorosamente nudi in sauna e piscine – è Vabali, (ne abbiamo parlato qui) a due passi dalla stazione Hauptbahnhof di Berlino).

Dove: Fichtestraße, 14974 Ludwigsfelde

Orari: da domenica a giovedì dalle 9:00 alle 22:00 – venerdì e sabato dalle 9:00 alle 23:00

Sito internet

6331507882_b39f45a1d3_o

Foto: Sauna Wellness Hotel Goldener Adler Ischgl © Hermine Kurz – CC BY-SA 2.0

Stadtbad Neukölln

Costruita ai primi del Novecento in stile neoclassico, inizialmente ospitava sia la sauna che la biblioteca popolare, collegate da un atrio. Nel corso degli anni venne accorpato anche il museo di Neukölln, e negli anni ’80 venne restaurata la piscina collocata nella sala principale. Oggi la Stadtbad Neukölln offre una tradizionale esperienza di sauna con temperature non troppo alte. È dunque adatta ai neofiti non abituati al vapore troppo caldo.

Dove: Ganghoferstraße 3, Berlin

Orari: dal lunedì alla domenica dalle 10:00 alle 22:00 (lunedì riservato alle donne).

Sito internet

12806161_10208789711841783_474897972344590582_n

Foto: Stadbad Neukölln – Facebook 

Liquidrom Kreuzberg

Al di sotto della meravigliosa cupola collocata nella sala grande, dalla quale, per mezzo di una finestra circolare, filtra luce soffusa, c’è la piscina riempita di acqua salata calda. Musica rilassante alternata tra classica e musica elettronica. Lo staff è molto disponibile e gentilissimo. Sempre disposto a spiegarvi i rituali seguiti all’interno della sauna situata nei pressi del parco di Gleisdreieck.

Dove: Möckernstraße 10, 10963 Berlino

Orari: dalla domenica al giovedì dalle 9:00 a mezzanotte – venerdì e sabato dalle 9:00 all’1:00

Sito internet

Liquidrom

Foto: © liquidrom website

banner3okok (1)

Immagine di copertina: Geysirhöhle © Therme Erding – CC BY-SA 3.0

Leave a Reply