I più assurdi poster tedeschi per le elezioni europee 2014

“Non posso quando qualcuno mi osserva”. Lo slogan dei Pirati si riferisce allo scandalo dell’NSA e al timore di essere sempre sotto osservazione. In questo caso ad essere bloccata è la pipì del celebre Manneken Pis di Bruxelles, lì dove ha sede il parlamento europeo piraten_zuschauen

Forse è solo un caso, ma il taglio di capelli di Stefan Jox, candidato per la CDU a Bochum ricorda tanto quello della sua leader Angela Merkel (ma anche quello di Jim Carrey in Scemo & più scemo). E’ senza dubbio una delle più brutte foto della storia delle campagne elettorali.

stefan_jox

“Ah, qui sono i nostri soldi!” è questo lo slogan utilizzato dagli euroscettici di Alternative fuer Deutschland, con tanto di Angela Merkel che continua a perdere monete da una borsa

afd_geld

Non riguarda nessun partito politico, ma si cerca di portare la gente alle urne in generale con questo poster tra i finalisti per il premio che il Museo della comunicazione di Berlino ha consegnato lo scorso 7 aprile. Nell’immagine c’è un cetriolo storto, forse geneticamente modificato, forse no, e lo slogan in inglese “Nessuno è perfetto”. Sotto il richiamo delle elezioni del 25 aprile invece si ricorda che solo con il voto si può partecipare alle decisioni politiche (in questo caso quelle molto dibattute sugli OMG)

image_manager__slider_europaplakat_entwurf-16_800px

Sempre Alternative fuer Deutschland spinge il piede sulla volgarità con questo altro poster in cui, partendo dalla mancanza di veto dell’Unione Europea sul mais geneticamente modificato (Ogm 1507) si lancia in questo bel proclama: “Salve, Parlamento dell’UE….ecco dove potete prendervi il vostro mais geneticamente modificato”. Il Zensiert sta per censurato.

afd_plakat_genmais

“Europa senza frontiere” è uno degli altri slogan scelti dai Piraten per suggerire un’idea di completa apertura di scambi di informazioni (non segreti) all’interno dell’Unione Europea (e non spiati dall’NSA) e così uno dei loro poster ricorda il muro di Berlino davanti la porta di Brandeburgo con tanto di slogan ironico “I confini sono così anni ’80”.

piraten_grenzen

Non ironico, ma arguto è un altro poster dei Piraten. “Non credere a nessun poster, informati”

screens5

 

Ancora Alternative fuer Deutschland che scomoda addirittura Kim Jong-un, il dittatore nordcoreano. Lo slogan? “Cosa hanno in comune il bambino ciccione coreano e l’Unione Europea? La come non conoscenza della democrazia”

afd_kim_jung_unScorri anche le foto sul matrimonio a base di currywurst e patatine di Berlino

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Cacio e Pepe prima il blog, dopo il magazine. Collabora anche con Wired, Il Fatto Quotidiano, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply