Leonardo Di Chiara e Giorgia Floro hanno vinto il Premio Berlino 2017

Ambasciata Italiana a Berlino

La commissione selezionatrice riunitasi presso l’Istituto Italiano di Cultura di Berlino ha decretato i due vincitori della prima edizione del Premio Berlino.

Il premio era rivolto ad architetti italiani emergenti e promosso dal MiBACT e dal MAECI, per sollecitare i temi del riuso e della rigenerazione urbana.

I vincitori: Leonardo Di Chiara e Giorgia Floro.

Leonardo Di Chiara (Pesaro, 1990), dopo una prestigiosa formazione internazionale, si trasferisce a Berlino, dove entra a far parte ufficialmente della Tinyhouse University e, appassionato alla ricerca e allo studio delle prospettive future legate a un nuovo pensiero dell’abitare, ne fonda il secondo centro operativo in Italia, con lo scopo di sensibilizzare e promuovere anche nel nostro Paese buone pratiche costruttive e di pianificazione urbana. Giorgia Floro (Bari, 1991), dopo il conseguimento a pieni voti della Laurea in Architettura, perfeziona la propria formazione al Politecnico di Milano, approfondendo la tematica del riuso di edifici in stato di abbandono. L’interesse verso questo settore di ricerca la conduce attualmente alla realizzazione di progetti di rigenerazione urbana nella sua terra natia.

Cosa hanno vinto

A ciascuno dei vincitori viene assegnata una borsa di studio della durata di 6 mesi, da ottobre 2017 a marzo 2018, al fine di approfondire a Berlino le tematiche inerenti al riuso e alla rigenerazione urbana e di partecipare a manifestazioni riguardanti tali temi (incontri, dibattiti,seminari, tour urbani etc.). Inoltre, i due architetti vincitori parteciperanno ad attività culturali organizzate da ANCB The Aedes Metropolitan Laboratory e dall’IIC Berlino, per poi presentare, alla fine della loro residenza, i propri lavori presso gli spazi dell’Istituto di Cultura. I vincitori saranno affiancati da un tutor con esperienza internazionale, residente a Berlino e con una buona rete di contatti all’interno della scena professionale locale.
La Commissione è composta da Hans – Jürgen Commerell (Direttore di ANCB The Aedes Metropolitan Laboratory), Arch. Alessandra Cerroti (funzionario MiBACT), Prof. Luigi Reitani (Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Berlino) e Arch. Maria Claudia Clemente (Studio Labics). Il premio è stato bandito dal Ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo (MiBACT) – Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane, e dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) -Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese.


SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Leave a Reply