Razzismo, a Berlino lo scandalo gestione alloggi rifugiati

Comprare una mini-ghigliottina per decapitare i bambini rifugiati: come riporta Deutsche Welle, è questa la proposta avanzata da alcuni impiegati della PeWoBe, compagnia tedesca che si occupa della gestione degli alloggi per rifugiati a Berlino, per impiegare una donazione di 5000 euro ricevuta dalla BMW. In seguito alla pubblicazione del macabro scambio di email tra gli impiegati, rivelato alle autorità di Berlino da una soffiata anonima, la capitale tedesca ha annullato il contratto con la compagnia per la gestione degli alloggi per rifugiati in città.

Lo scambio di mail. Nelle mail intercettate, gli impiegati escludono categoricamente di destinare la donazione alla costruzione di un recinto per la sabbia dove far giocare i bambini, perché «gli inquilini lo ridurrebbero in un posacenere o in un gabinetto». A questa inquietante osservazione segue la proposta della ghigliottina per bambini. Lo scambio mail non si limita a battute raccapriccianti, ma include addirittura foto che ritraggono ghigliottine e capi mozzati, corredate da ulteriori commenti razzisti da far inorridire: c’è chi scrive che «la ghigliottina potrebbe sporcare troppo», chi risponde proponendo un forno crematorio come alternativa e infine chi caldeggia l’impiego di persone «altamente pigmentate» per pulire il pasticcio causato dalle decapitazioni. Al centro dello scandalo si trova la direttrice di uno degli alloggi per rifugiati a Berlino, Peggy M., già nota in qualità di ex-candidata di un partito di estrema destra in Brandeburgo.

Una lunga serie di scandali. La compagnia, che si occupava della gestione di undici alloggi per rifugiati a Berlino e diversi altri negli stati federali della Sassonia-Anhalt e del Brandeburgo, già tre anni fa era finita sui giornali: allora un gruppo di manifestanti di estrema destra aveva protestato per settimane contro l’alloggio per rifugiati nel quartiere di Hellersdorf, collocato nella parte est di Berlino. Altre lamentele denunciavano scarse condizioni igieniche all’interno degli alloggi, e una mancata umanitá da parte di Peggy M., direttrice dell’alloggio di Hellersdorf, che pare si sia presentata a una folla di rifugiati affermando «Me boss, you nothing» (Io capo, voi nulla).

Il futuro degli alloggi. Il consigliere comunale per le politiche sociali Mario Czaja non ha esitato a rompere il legame con la compagnia, denunciando il macabro scambio di corrispondenza come «inqualificabile». Nessuno degli alloggi verrà chiuso, ma ora si cerca una nuova compagnia per la loro gestione.

banner3okok (1)

Foto di copertina © Wikimedia

Related Posts

  • Un'iniziativa di integrazione di successo Si parla tanto di crisi dei rifugiati, di barriere e criminalità, ma quanto sappiamo davvero delle persone che vivono il viaggio della speranza  in prima persona? Ci siamo mai chiesti perché sono qui? Con il progetto Why we're here (tradotto "perché siamo qui), l'organizzazione Refugees Voices intende…
  • La maggior parte dei cittadini tedeschi vuole che venga posto un tetto massimo al numero di rifugiati ospitati in Germania. La notizia, riportata su The Local, è risultata da un sondaggio secondo il quale l’89% dei cittadini tedeschi vorrebbe che ci fosse un limite ai richiedenti asilo accettati nel loro…
  • Un “ensemble in esilio” con attori rifugiati: questa l’ultima idea di Shermin Langhoff, direttrice artistica del teatro Maxim Gorki di Berlino, nonché fondatrice del cosiddetto “teatro postmigrante”, un teatro multiculturale e multilingue specchio della società contemporanea. Lo scopo dell’Exil Ensemble? Aiutare gli artisti che abbiano richiesto asilo in Germania a…
  • Se integrazione significa anche convivenza tra religioni diverse, allora la Germania è sulla buona strada. La Chiesa cattolica della Baviera, come riporta The Local, offre asilo religioso ai rifugiati che sono riusciti a scappare dall'Isis, una consuetudine di origine medioevale che era stata largamente abbandonata in Germania finché l'anno scorso l'arrivo di…
  • In Germania si reclutano sempre più rifugiati all'interno dei vigili del fuoco. Si tratta di un’iniziativa che vuole rimediare alla carenza di pompieri e, contemporaneamente, offrire ai migranti un'occasione per integrarsi e trovare un’occupazione. Una tradizione tutta tedesca. Silvia Darmstädter, dell’Associazione Vigili del Fuoco tedesca, ha affermato che quest’iniziativa «non risolverà…

Leave a Reply