Gli straordinari video delle Salut Salon, il quartetto tedesco che fa ridere suonando la classica

Le Salut Salon sono un quartetto di musica classica che sta risolvendo, a suo modo, uno dei più grandi problemi legati alle performance dal vivo: dare al pubblico qualcosa da vedere oltre che da ascoltare. Le loro esibizioni stanno facendo il giro del mondo grazie a Youtube. Non solo solo brave con i rispettivi strumenti (due violini, un violoncello e un pianoforte, ma a volte salta fuori anche la fisarmonica e cantano anche), ma con questi riescono anche a creare dei piccoli e divertenti siparietti teatrali: prese in giro musicali, chiacchiere con le marionette, qualche giocoso passo di danza (semplice, ma carino se fatto mentre si suona) e molto altro. C’è tanta voglia di attirare l’attenzione e di farlo con intelligenza dietro ai loro show ed è un piacere guardarle.

Ecco che così pezzi di Antonio Vivaldi, Felix Mendelssohn Bartholdy, Franz Liszt, tango e addirittura la polca finnica prendono vita ben al di là delle rispettive note e trasportano un’allegria davvero contagiosa. Forse non ve lo aspettereste, ma le Salut Salon sono tedesche. Angelika Bachmann, Iris Siegfried, Anne-Monika von Twardowski e Sonja Lena Schmid  sono infatti  di base ad Amburgo. Il 27 aprile saranno a Cottbuts, poi voleranno in Corea per un paio di settimane prima di dare il via ad un tour per la la Germania che inizierà con i concerti di Bad Elster (il 16 maggio) e Berlino (il 17).

Salut Salon

http://www.salut-salon.com/

qui le date dei loro prossimi concerti http://www.salut-salon.com/en/tour/

Concerto di Berlino

17 Maggio 2014

presso la Konzerthaus

indirizzo: Gendarmenmarkt

Biglietti a partire da 47,95 euro acquistabili qui

 

 

Andrea D'Addio - Direttore

A Berlino dal 2009, nel 2010 ha fondato Berlino Magazine prima come blog, dopo come magazine. Collabora anche con AGI, Wired, Huffington Post, Repubblica, Io Donna, Tu Style e Panorama scrivendo di politica, economia e cultura, e segue ogni anno da inviato i maggiori festival del cinema di tutto il mondo.

Leave a Reply