Servillo e de Notaris recitano Winckelmann per il Museo Archeologico di Napoli

peppe servillo

Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli celebra i trecento anni dalla nascita di J. J. Winckelmann pubblicando otto cortometraggi con protagonisti d’eccezione.

«A Portici… sulla riva del golfo di Napoli… abitavo presso un religioso, dal quale ho mangiato molto bene e ancor meglio, bevuto, proprio la Lagrima della migliore qualità. Nella mia stanza potevo udire dal letto il gioco delle onde sulla riva…» così annota Johann Joachim Winckelmann nel maggio del 1758 in una lettera a Hieronymus Dietrich Berendis, ciambellano presso la corte della Duchessa Anna Amalia di Weimar. J. J. Winckelmann è considerato il fondatore dell’archeologia moderna. I suoi commenti alle opere d’arte antica sono scritti in uno stile coinvolgente e quasi lirico, lontano dall’oggettività scientifica. Ciò li rende particolarmente adatti alla traduzione scenica di cui si stanno facendo carico in queste settimane due protagonisti del teatro italiano quali Peppe Servillo e Marco Mario de Notaris per un progetto legato all’esposizione Winckelmann e le raccolte del MANN. Monumenti antichi inediti, 1767 (24/06 – 25/09/2017)  ideato da Maria Carmen Morese, direttrice del Goethe-Institut di Napoli. L’occasione è la celebrazione del trecentesimo anniversario dalla nascita del famoso archeologo tedesco.

peppe servillo
© Goethe-Institut Neapel

 

8 videoletture per 8 settimane

Peppe Servillo e Marco Mario de Notaris leggeranno il commento di Winckelmann (in traduzione italiana) ad alcune delle opere studiate dall’archeologo tedesco. Queste sono attualmente conservate al MANN. I brani sono scelti da “Monumenti Antichi Inediti” (1767) e dalle lettere. È prevista la pubblicazione di un cortometraggio ogni venerdì, per otto settimane (a esclusione del mese di agosto). Il primo episodio si intitola Caracalla con Peppe Servillo ed è stato diretto da Lidia Cangiano e Andrea Valentino. È possibile prenderne visione sulla pagina Facebook del Goethe-Institut Neapel. La mostra resterà aperta e visitabile fino al 25 settembre 2017. Il progetto è organizzato dal Goethe-Institut Neapel con la collaborazione del Museo Archeologico Nazionale di Napoli e il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Winckelmann e le raccolte del MANN. Monumenti antichi inediti, 1767

dal 24 giugno al 25 settembre 2017

Museo Archeologico Nazionale di Napoli (MANN), Piazza Museo 19, Napoli, Italia

Aperto tutti i giorni (ad eccezione del martedì) dalle 9 alle 19:30

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: frame del video Caracalla e Peppe Servillo

Related Posts

  • Circondato da prostitute, beoni e ladruncoli, tra fiumi di birra e canzonette, Heinrich Zille ritrasse in modo inimitabile la classe operaia dell’epoca guglielmina prima, della Repubblica di Weimar poi. Zille è stato disegnatore, caricaturista, fotografo che raffigurò le classi più umili della Berlino a cavallo tra XIX e XX secolo.…
  • Ci sono esperienze che rimangono negli occhi e nel cuore di chi decide di viverle senza dover temere lo scorrere del tempo né che, cambiando l'osservatore, cambi anche la percezione. Osservare il panorama circostante dai Monti Rossi, ex cratere nato su uno dei versanti meridionali dell'Etna, è una di queste. A provarlo…
  • Le poesie brevi di Johann Wolfgang von Goethe (1749-1832) risultano spesso un carico di passionalità amorose con pochi eguali nella lingua tedesca. Resta, resta con me né è uno splendido esempio. Bleibe, bleibe bei mir Bleibe, bleibe bei mir, Holder Fremdling, süsse Liebe, Holde, süsse Liebe, Und verlasse die Seele nicht!…
  • Johann Wolfgang von Goethe, autore di capolavori della letteratura tedesca come Faust e I dolori del giovane Werther, è uno dei pensatori che segnano il passaggio dall'Illuminismo al Romanticismo, un momento chiave per la cultura europea. Filosofo, giurista, linguista, scrittore, fu l'iniziatore di concetti e teorie che sarebbero poi stati…
  • Goethe aveva una grande passione per l'Italia che si concretizzò in un lungo viaggio di quasi due anni tra il 1786 e il 1788. L'Italia che cercava non era quella rinascimentale di Firenze, dove sostò solo poche ore, ma quella dell'antichità greca e romana, nonché quella stereotipata del sole e…

Leave a Reply