13 ragioni per andare a Siviglia la meta preferita di Lonely Planet del 2018

Limbyungjei Siviglia CC0

La celebre guida Lonely Planet incorona Siviglia come meta del 2018 inserendola al primo posto nella classifica delle migliori mete di questo anno

Ricca di storia e magia, Siviglia merita il primo posto in questa prestigiosa classifica stilata dalla casa editrice specializzata in guide turistiche Lonely Planet. Le contaminazioni tra cultura cristiana e araba rendono la città spagnola unica nel suo genere. A Siviglia si possono fare, vedere e mangiare cose uniche al mondo. In seguito una lista che vi farà venir voglia di prendere il primo aereo per la capitale della Andalusia.

13. Torre dell’oro

Voluta dal Califfo Almohadi Abu Ya’qub Yusuf II, una torre imponente di 12 lati fatta costruire per controllare gli accessi della città dal fiume Guadalquivir. La torre è ammirabile anche dal fiume grazie ai percorsi dei battelli organizzati per i turisti che consentono anche di visitare Siviglia d’angolazioni diverse.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mydreamroad (@mydreamroad) in data:

12. Godersi uno spettacolo di flamenco

Il flamenco è un ballo tipico della cultura andalusa e Siviglia è ricca di locali dove vedere spettacoli di ballo. Questo tipo di ballo trova origine nel Sud della Spagna grazie alla popolazione Gitana che abitava queste terre. Per anni considerato un ballo clandestino oggi Siviglia è la capitale di questa danza e intrinseca nella cultura degli abitanti.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Martina (@migramart) in data:

11. Archivio degli Indias

Per gli appassionati di storia, a pochi passi dalla cattedrale, uno splendido museo gratuito dove al suo interno sono contenuti documenti e foto riguardo le contrattazioni commerciali avvenute con l’America.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Don Nadier (@don.nadier) in data:

10. Visitare la casa di Pilato

Risale al XV secolo e la sua storia è avvolta dalla leggenda. Voluta da Don Fadrique, si dice che il Don si era accorto che la distanza fra casa sua e la chiesa più vicina era la stessa che c’era tra la residenza di Ponzio Pilato e il luogo in cui Gesù fu crocefisso. Fece installare così un percorso con le 14 stazioni della Via Crucis, dove la casa coincide con la prima tappa, il processo di Gesù. La facciata e l’interno del palazzo presentano un mix di stili: da quello rinascimentale al gotico fino a quello mudéjar. Non può mancare l’affascinante giardino.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Adriana (@adrianaitalia) in data:

9. Passeggiare per Barrio de San Bartolomé

Un misto di stile gotico, barocco e rinascimentale si compenetrano a vicenda in un mix che lascia a bocca aperta. Il quartiere si estende dalla Chiesa di Santa Maria la Blancafino alla Chiesa de Santa Magdalena e all’interno si intersecano piccole stradine contornate da basse case che fanno si che il quartiere diventi un labirinto. Il posto perfetto per chi cerca il silenzio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da M. Victoria Del Campo (@victoria_becquer) in data:

8. Bagni Arabi

Al Barrio Santa Cruz, quartiere Calle Aire, si trova la struttura Aire de Sevilla costruita 15 anni fa e ispirata ai tipici bagni arabi. E’ un posto sconosciuto ai turisti ma se si vuole passare una giornata in totale relax vale la pena fermarsi. I bagni sono in stile Mudejar e all’interno viene ricreata un’atmosfera molto particolare, giochi di luci, musiche e odori d’oli naturali e incensi. Immancabile la stanza da tè dove assaporare più di 30 fragranze diverse.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mauro Paradiso (@mauro_paradiso_scenografo) in data:

7. Mangiare tapas da La Brundila

Nel cuore della città, tra le vie strette del centro antico spunta “La Brundila”. Un posto accogliente e curioso per la sua struttura interna fatta di alti soffitti, ma ancora più curiosa è la sua cucina, piatti semplici come le tapas ma che mescolano ingredienti locali creando abbinamenti spettacolari.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ENEKO Basque Kitchen & Bar (@enekolondon) in data:

6. Metropol Parasol

Situato in Plaza de la Encarnacion, la struttura è così particolare che i sivigliani non la vedono di buon gusto. Si tratta dell’edificio in legno più grande del mondo. La sua forma ricorda quella di un fungo dove dalla terrazza principale si può godere di un’ottima panoramica della città.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Alejandro Sánchez (@elindiodeantequera) in data:

5. Acquistare un souvenir di ceramica a Triana

Triana è un quartiere che mescola moderno e antico. In origine era un quartiere di marinai, operai, industriali e ceramisti e ancora oggi nel quartiere è possibile riscoprire la sua vena più antica, come i negozi di ceramica che lavorano in modo artigianale. La parte lungofiume invece è un concentrato di bar  ristoranti che offrono spettacolo e intrattenimento per i turisti. Altra caratteristica di Triana è il mercato coperto nel quale è possibile ammirare i resti delle civiltà araba e romana.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da jörg ғörѕтer (@joerg_der_jaegermeister) in data:

4. I giardini di Real Alcazar

E’ uno dei palazzi più antichi del mondo ed ancora oggi è una delle dimore del Re. L’accesso è consentito solo in determinati orari ma se si riesce ad entrare lo spettacolo è assicurato. I giardini, l’attrattiva maggiore del palazzo, sono decorati con fontane e statue e il tutto immerso in un rigoroso silenzio. Costruito a partire dal Trecento, rappresenta al meglio l’architettura mudéjar che mescola lo stile occidentale con quello orientale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulia Muraglie (@giuliamuraglie) in data:

3. Plaza de España

Principale attrazione per i turisti e luogo più importante della città. Costruita nel 1929 in occasione della Expo ibero-americana è un tripudio di ceramiche, marmi colorati e mattoni. Oltre l’aspetto estetico saltano all’occhio alcuni elementi molto forti da un punto di vista d’unità nazionale. Per esempio la piazza è a forma semicircolare e richiama l’abbraccio della Spagna alle sue nove colonie; all’interno ci sono 58 panchine che rappresentano le province spagnole; all’interno si trova il Palacio Español a ricordare la forza e il prestigio mondiale della Spagna infine, Plaza de España è rivolta verso il fiume, indicando la rotta da seguire per raggiungere l’America.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Anaïs Pothain (@anaispothain) in data:

2. Salire in cima alla Torre Giralda

La Torre campanaria della Cattedrale domina la città con i suoi 96 metri. Il nome, Giralda, deriva dalla parola Giraldillo che è la statua della Fede posizionata sulla torre che gira in base alla direzione del vento. Dalla cima della struttura è possibile ammirare tutta Siviglia dall’alto.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da samuel palladino (@samuel883sportster) in data:

1. La cattedrale di Santa Maria di Siviglia

Dopo San Pietro, è il monumento del mondo Cristiano più imponente. Costruita dalle macerie della Moschea Mayor  che fu demolita nel XV secolo, l’interno è formato da cinque navate in stile gotico oltre che da due cappelle, la Reale in stile rinascimentale e la Cappella Maggiore che ritrae scene della vita di Cristo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da samuel palladino (@samuel883sportster) in data:

Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Immagine di copertina: ©Limbyungjei CC0

Leave a Reply