Berlino, islamista iracheno ucciso per strada dalla polizia. Ecco cosa è successo.

Cronaca nera a Berlino. Purtroppo – per coincidenza – quello del 31enne britannico ucciso l’altro ieri a Neukoelln con un colpo di pistola (qui la news) non è stato un caso isolato. Prova ne è il brutto risveglio la mattina del 17 settembre scorso per gli abitanti di Heerstraße, zona Spandau di Berlino: un «pazzo armato di coltello» si aggirava per la strada, inducendo gli attoniti testimoni a chiamare le forze dell’ordine. All’arrivo delle prime volanti, l’uomo si scagliava contro un’agente ferendola gravemente e costringendo l’altro poliziotto a fare fuoco. La donna, ricoverata d’urgenza con un elicottero, è ormai fuori pericolo, ma per l’aggressore non c’è stato nulla da fare: è morto prima che l’ambulanza arrivasse in ospedale.

rafik-mohamad-yousef

L’uomo, un iracheno di 41 anni, si chiamava Rafik Mohamad Yousef ed era già noto alla giustizia tedesca. Come riporta la Berliner Morgenpost nel 2008 era stato condannato dall’Oberlandesgericht di Stoccarda a otto anni per aver pianificato, con la collaborazione di due complici, un attentato all’allora primo ministro iracheno Iyad Allawi, che i tre avrebbero dovuto compiere in occasione di una sua visita in Germania nel 2004. L’azione era legata al gruppo terroristico Ansar-al-Islam, vicino ad Al Qaeda.

Yousef era dal marzo 2013 in libertà vigilata e indossava una cavigliera elettronica, di cui si è sbarazzato poco prima dell’attacco di giovedì scorso. Il senatore per gli Interni e lo Sport del Land Berlin, Frank Henkel (CDU), ha dichiarato che è ancora presto per stabilire se si tratti del gesto sconsiderato di un folle o di un atto terroristico organizzato e premeditato. Gli inquirenti stanno setacciando l’appartamento dell’uomo in cerca di prove che avvalorino l’una o l’altra tesi. Ciò che è certo, al momento, è che il 41enne iracheno era stato giudicato altamente aggressivo per via di numerose minacce rivolte a presunti trasgressori della fede islamica. Le autorità – spiega Henkel – avevano provato ad espellere l’uomo, ma il rimpatrio non era stato possibile: in Iraq, Yousef avrebbe infatti rischiato di andare incontro alla pena di morte.

 Photo: © Ana Paula Hirama CC BY SA 2.0

Leave a Reply