Stipendi in Germania, Berlino tra i land peggiori. I dati regione per regione

A Berlino gli stipendi sono decisamente al di sotto della media tedesca

Lo rivela un recente studio di StepStone, noto portale per il lavoro tedesco rivolto principalmente a specialisti e manager. Il gap salariale tra la capitale e la media nazionale, che già si avverte tra i neolaureati appena entrati nel mondo del lavoro, si approfondisce se si prendono in considerazione i professionisti affermati. I dati del sondaggio StepStone, società fondata nel 1996 come costola del gruppo editoriale Axel Springer, si riferiscono a oltre 100.000 lavoratori tedeschi e sono piuttosto perentori: a Berlino professionisti e dirigenti guadagnano 42.865 euro lordi all’anno, quasi 10.000 euro in meno rispetto alla media nazionale (52.000 euro). I neolaureati berlinesi guadagnano invece quasi 5000 euro in meno rispetto alla media tedesca.

Stat

I salari nei diversi Länder

Sebastian Dettmer, Ceo di Stepstone, ha dichiarato che le regioni che registrano gli stipendi più alti sono l’Assia, il Baden Württemberg e la Baviera, tutte ampiamente al di sopra della media nazionale con l’Assia che supera addirittura i 57.000 euro annui. I salari peggiori, tutti al di sotto della media nazionale, li fanno registrale la Turingia  e i Länder orientali: al di sotto di Berlino si piazzano ad esempio il Meclemburgo-Pomerania, la Sassonia, il Brandeburgo e la Sassonia-Anhalt, tutti con stipendi lordi annui al di sotto dei 40.000 euro.

I settori più remunerativi

Nel settore bancario gli stipendi lordi annui si aggirano sui 64.000 euro, seguiti da quelli per i servizi finanziari (63.720 euro) e per l’industria farmaceutica (61.662 euro). Sempre nel sud della Germania (Baviera, Baden-Württemberg e Saarland) i professionisti di ambito tecnico-scientifico (ad esempio gli ingegneri) possono guadagnare in media più di 60.000 euro, mentre i loro colleghi berlinesi non superano i 49.737 euro. Lo stesso divario salariale si registra anche nel settore informatico, giacché a Berlino gli stipendi annuali sono di 10.000 euro più bassi rispetto ai loro omologhi in Assia e in Baviera. I settori con gli stipendi più bassi, infine, sono quello della produzione materiale (34.367 euro), del settore alberghiero e della ristorazione (34.711 euro), delle istituzioni educative (39.512 euro).

La situazione dei neolaureati

Anche in questo caso, come abbiamo visto, la media degli stipendi a Berlino è più bassa rispetto a quella delle altre regioni. Berlino rimane una delle mete più ambite dagli studenti per costo della vita, qualità delle facoltà e possibilità di svago. Ma una laurea conseguita in un ateneo berlinese comporta, secondo quanto riferito da Dettmer, una retribuzione quantitativamente inferiore rispetto ai neolaureati di altre città: 38.251 euro lordi all’anno rispetto a una media tedesca di 43.000 euro. «Nelle top 10 delle facoltà che permettono ai loro laureati di guadagnare meglio», spiega Dettmer, «Berlino conquista soltanto il terzo e il decimo posto in ambito IT con la Humboldt (50.313 euro) e la TU (46.091 euro) e il decimo posto nelle scienze naturali con la Freie Universität (49.727 euro). Nessuna facoltà ai primi posti, invece, in ambito economico. In generale, tra i neolaureati tedeschi, a guadagnare meglio sono medici e dentisti (52.036 euro), scienziati  (47.618 euro), ingegneri industriali (47.325 euro). Gli ambiti più sfortunati, invece, anche in Germania sono quelli umanistici, dell’istruzione, del turismo e del marketing, che in media si attestano tra i 33.000 e i 31.000 euro annui.

Foto di copertina: Woman at Crossroads © Sascha Kohlmann CC BY SA 2.0banner3okok (1)

Jale Farrokhnia

Classe '91, madre italiana e padre iraniano. Ho nutrito sin da piccola una grande passione per la letteratura e per la scrittura. Nel 2010 mi sono trasferita a Pisa per studiare Lettere Classiche e per specializzarmi poi in Filologia e Storia dell'Antichità, pur essendo allo stesso tempo un'appassionata di tecnologia, social media e lingue moderne. Dopo la laurea mi sono trasferita a Berlino per un breve e intenso tirocinio e ora, somewhere in Italy, scrivo, traduco e faccio cose strane coi social da freelance. Giuro che prima o poi farò un lavoro serio, mi stabilirò e imparerò il Farsi, ma non adesso.

Leave a Reply