Il feierabend e i tedeschi in vacanza: ecco come si comportano (VIDEO)

Per alcuni tedeschi è più che uno stile di vita, è una condotta che neanche si può scegliere: fare tutto velocemente per bene, pianificando ogni possibile azione futura.

A prima vista sembrerebbe anche avere una sua logica, ma a lungo andare questo schema viene applicato a tutto, anche alle più piccole cose.

Se a questo aggiungiamo la venerazione del popolo teutonico per il “Feierabend” (parola tedesca che è intraducibile in italiano, ma che sinteticamente si può spiegare con “la serata libera dopo il lavoro”), ecco che questo mix di atteggiamenti crea un mix di comportamenti che agli stranieri possono risultare a volte assurdi

Reduce dall’esperienza di ragazza alla pari presso una famiglia tedesca ho imparato che questa abitudine può trasformarsi in un’ossessione. “Ho visto cose… (cit.)” Comportamenti come: cenare presto per poi mettere a dormire i bambini alle 19 MASSIMO alle 20 e finalmente godersi la serata libera e senza stress e in santa pace, vengono scanditi con la precisione di un orologio Svizzero.

Più di una volta ho visto aggirarsi nervosamente qualche membro della mia Gastfamilie (famiglia che mi ospitava) alle 18:07 perché la cena non era ancora pronta e la loro figlia di 2 anni doveva essere in bagno alle 18:30 per prepararsi ad andare a dormire alle 19:00 in punto, quando fuori ancora c’era luce (non ho scritto sole di proposito, di recente si vede molto raramente!)

Lo schema si ripete non solo quando il tedesco medio è in periodo lavorativo, ma bensì anche in vacanza; dove il tutto si traduce in: “mi alzo presto così posso arrivare per primo al buffet (e non mi fregano tutti i Wurst!)”, per concludersi con “in modo che io riesca ad arrivare prima di quei simpatici inglesi che mi vogliono rubare l’ultimo posto rimasto a bordo piscina!!”
Per evitare la tragedia, e contrastare l’affronto, il nostro turista germanico è disposto a tutto.

Ecco una prova nel video qui sotto, dove due tedeschi che dormono in una camera d’albergo si svegliano troppo tardi rispetto a quanto preventivato. Rischiano di non trovare più sdraio libere a bordo piscina. La soluzione? Creativa, alla tedesca….

 Leggi anche Le famiglie tedesche raccontate in 10 punti da una ex ragazza alla pari italiana

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • 52
    Vivere fuori dai confini della tua terra riserva sempre scoperte incredibili. Se poi la soglia da varcare è quella di una casa e di una famiglia di un'altra nazione, usanze, cibi, modi di fare e di dire, approcci alla vita, avranno a volte quel sapore da shock culturale che piace…
    Tags: si, in, non, i, è, per, tedesca, ragazza, pari, tedeschi
  • 36
    Il turismo continua a essere la principale risorsa dell'economia italiana e si mantiene in vita soprattutto grazie ai tedeschi. È il rapporto di Unicredit sul turismo a riferire che l'Italia si riconferma tra le mete turistiche preferite, posizionandosi al quinto posto nella graduatoria mondiale delle destinazioni. Il merito è (quasi) tutto dei…
    Tags: in, tedeschi, i, si, per, più, è, vacanze
  • 34
    Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
    Tags: non, è, si, per, in, i
  • 33
    Fare la ragazza alla pari è un modo diverso per vivere un'esperienza all'estero a costo zero. Quando la mia vita all'estero è iniziata e ho mosso i primi passi dentro ai corsi di lingua «Che ci fai tu qui, perché sei in Germania?» era una domanda ricorrente. Io che all'epoca ero…
    Tags: per, in, i, è, non, ragazza, si, pari, mi, tutto
  • 33
    #AiutiamoGiovanni. Giovanni ha cancellato il video e la sua iscrizione a facebook. E di tutta questa storia non ne vuole più sapere nulla. Il ragazzo ventunenne che lo scorso 24 maggio al Carnevale delle Culture di Berlino ha baciato e ballato con una ragazza tedesca senza poi chiederle nome o…
    Tags: non, è, in, si, per, ragazza, più

Elena Brunetti

Ex-studentessa di Mediazione Linguistica in quei di Trento. Ho abbandonato tutto per trasferirmi in Germania e imparare il tedesco. La sorte mi ha portata a Lipsia nel 2012, e da qui non mi sono più schiodata! Insegno italiano ai tedeschi, nella speranza di trovare in seguito un lavoro più stabile. Ahimè la lingua italiana qui non va più di moda...

Leave a Reply