«Terremotati in tenda, immigrati in hotel extralusso»: quegli sciacalli del web che non sanno mai tacere

Benevento, la mia città, è un piccolo capoluogo della Campania. Una cittadina di provincia e, come tale, uno specchio piuttosto attendibile del Paese. Ieri un suo “cittadino”, dopo il terremoto che ha devastato il centro Italia, ha pensato bene di dire la sua con questo post su Facebook:

14079690_10210365735965615_2435365114488007943_n
     Screenshot © Facebook

Di status così, nelle ultime ore, se ne sono registrati a centinaia ovunque, palesando un tragico dato di fatto, ormai evidente da tempo: siamo un Paese razzista. Il terremoto del Reatino non ha solo mietuto 241 vittime, purtroppo destinate ad aumentare, e frantumato borghi bellissimi ed edifici pubblici non a norma (la scuola di Amatrice “Romolo Capranica”, totalmente sbriciolata dalle scosse, era stata inaugurata nel 2012 e dichiarata antisismica). Ha spaccato in due anche la società italiana, negli ultimi tempi sempre più polarizzata.

Sì, perché c’è una frattura nettissima tra i tanti, tantissimi sciacalli rabbiosi che in queste ore, senza il minimo senso dell’opportunità, hanno infestato il web con i loro deliri su migranti e alberghi di lusso e coloro che hanno veramente a cuore il territorio e la comunità cui appartengono: i primi, spesso a loro volta vittime di burattinai senza scrupoli, tracciano continuamente dicotomie immaginarie fra disperati, mentre i secondi provano a restare umani e a offrire solidarietà concreta.  Penso ai dieci richiedenti asilo del centro di accoglienza sannita “Damasco”, partiti come tanti altri migranti da tutta Italia per dare una mano alle zone terremotate. O, per restare al microesempio beneventano, ai ragazzi del Centro Sociale Autogestito Depistaggio, che da oggi fino a sabato raccoglieranno generi di prima necessità per portarli, domenica, nelle zone colpite dal sisma.

Invece quale contributo stanno dando, precisamente, questi sciacalli che schiumano odio? Eppure, fin da ieri mattina, sono fiorite tante iniziative di solidarietà: code nei centri trasfusionali per donare sangue, raccolte fondi tramite sms (al numero 45500, costo di due euro) e bonifico, persone che tolgono la password al wi-fi di casa per agevolare le comunicazioni,  raccolte di cibo e vestiti, privati e alberghi che mettono gratuitamente a disposizione case e stanze, cuochi, medici e psicologi volontari che partono volontari per offrire le loro competenze.

Siamo abituati a premier in passerella elettorale tra i container; imprenditori che si fregano le mani, ridono e lucrano sui cadaveri dell’Aquila; giornalisti che rovistano tra macerie e drammi; politici che fomentano guerre tra poveri approfittando delle catastrofi: alla miseria umana degli sciacalli non c’è mai fine. Ma l’Italia sa anche avere un cuore grande: lo ha dimostrato in tante occasioni, può e deve farlo anche stavolta. Oltre a imbruttire i minus habens salviniani sui social (un dovere sacrosanto, sia chiaro) e a invocare (invano?) una messa a norma delle infrastrutture del nostro Paese, che ci toglierebbe finalmente dallo stato di emergenza permanente ed eviterebbe che ogni calamità naturale si trasformi in una carneficina, mobilitiamoci pure concretamente. In prima persona, senza delegare. Stringendo legami disinteressati sul territorio, che rafforzino il nostro tessuto sociale in senso solidaristico.  È nei momenti di crisi che si decide quale volto si vuole dare al proprio Paese.

Foto di copertina: Amatrice after the earthquake © Firenzepost – CC BY-SA 3.0

banner3okok (1)

Related Posts

  • Terremoto nel centro Italia. La notizia occupa le home page di tutti i principali quotidiani tedeschi. Per il momento l'attenzione è rivolta alla cronaca: cosa e dove è successo, l'intensità della scossa (magnitudo 6.0), il numero dei morti, dei feriti e le reazioni del governo italiano (Renzi e i suoi…
  • Sabato 29 ottobre, a poco più di due mesi dal terremoto che ha distrutto Amatrice, Accumoli e altri centri del reatino e della valle del Tronto, a Berlino arriva un'iniziativa di solidarietà: il ristorante The Winery, a Frankfurter Tor, offre la possibilità di sostenere chi improvvisamente si è ritrovato senza affetti, senza…
  • Premessa: il razzismo esiste in tutti i Paesi minimamente ricchi. È difficile estirparlo completamente, basta che qualcuno abbia poco affinché lo straniero che gli vive o passa accanto ogni mattina diventi il capro espiatorio di tutti i suoi mali. In Germania il razzismo esiste, a volte è palese (come dimostra…
  • Siete in procinto di passare una vacanza a Berlino? Vi ci state per trasferire? Già ci vivete, ma ancora non avete chiaro cosa è bene e cosa non è bene fare? Ecco la lista delle 10 cose da non fare a Berlino 10-Non guidare all’italiana. La macchina qui è inutile,…
  • Abbiamo chiesto a redattori e collaboratori di Berlino Cacio e Pepe Magazine le ragioni per cui si potrebbe pensare di lasciare Berlino (e l’estero in generale) per ritornare in Italia. Tutti vivono o hanno vissuto in Germania o a Londra: sono studenti e giovani lavorati, che alla domanda “per quale…

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

4 Responses to “«Terremotati in tenda, immigrati in hotel extralusso»: quegli sciacalli del web che non sanno mai tacere”

  1. Carmelo paone

    Sei uno schifoso
    Portali a casa tua gli immigrati !
    Sei solo un figlio di papà viziato, ecco perché parli così.
    Spero che un negro ti faccia una bella visita notturna a casa tua.

    Rispondi
    • Gianpaolo Pepe

      Gentile (si fa per dire) Carmelo,

      troverei più inquietante una visita sua.

      Rispondi
  2. Carlotta

    Ma anche qua sti geni? Carmelo Paone su, pigliati la medicina, guardati un porno, non so rilassati.

    Rispondi

Leave a Reply