The Last Days of Tacheles, proiezione gratuita ed incontro con il regista

Domenica 8 marzo Berlino Cacio e Pepe in collaborazione con Italian Film Festival Berlin presentano, film documentario sugli ultimi giorni della celebre galleria d’arte e centro culturale Tacheles (chiuso nel 2012) diretto da Stefano Casertano. Dopo la proiezione ci sarà un incontro con il regista che parlerà sia di The Last Days of Tacheles che del suo nuovo progetto, There was once a sea, e della campagna di crowfunding per sostenerlo.

L’evento – ad entrata gratuita – sarà ospitato presso la sede di Berlino Cacio e Pepe, in Gryphiustrasse 23.

LA STORIA

Il 4 settembre del 2012 il Tacheles veniva sgombrato. Negli anni la sua sopravvivenza era stata al centro di tante discussioni e dimostrazioni: lasciare, grazie ad un esproprio del comune, lo stabile al collettivo di artisti che, dietro il pagamento di un simbolico affitto, ne avevano fatto un simbolo, seppur decadente, della vita artistica berlinese degli ultimi vent’anni o ridarlo ai legittimi proprietari (una banca) pronti a rivenderlo al migliore offerente?

L’epilogo ha sorriso alla banca, ma la battaglia sostenuta da chi credeva nel Tacheles ha comunque rappresentato un momento importante della Berlino di questi anni, come viene ben raccontato dal documentario The Last Days of Tacheles firmato dal giornalista e filmmaker Stefano Casertano e selezionato, fra gli altri, da Munich Underground Film Festival e Roma Indipendent Film Festival.

Maggiori informazioni sul film le trovate qui: e qui

PROGRAMMA

Domenica 8 marzo

18.15 – Presentazione del film
18.45 – Proiezione The Last Days of Tacheles
a seguire – Incontro con il regista Stefano Casertano e presentazione del suo nuovo progetto documentario There was once a sea e della campagna di crowfunding.

Il film è con sottotitoli in italiano.

EVENTO FACEBOOK

Dove: 

Sede di Berlino Cacio e Pepe Magazine Gryphius Strasse 23,

10245 Berlino

Per arrivare le fermate a disposizione sono: 

con la SBahn: Ostkreuz (consigliata) o Warschauer Strasse

con la UBahn: Samariter Strasse o Warschauer Strasse

con il Tram M13 : Wühlischstr./Gärtnerstr.

con il Tram 21: Wismarplatz Bus

Con il 240: Wismarplatz

Related Posts

  • Qualcuno la detesta, tanti la adorano, quasi tutti si perdono nel suo vortice di spensieratezza e voglia di vivere; ma comunque la si pensi, qualunque sia stata la nostra personale esperienza con la capitale tedesca, Berlino è e resta una città dal fascino innegabile. Chiunque si sia fermato, anche solo per un attimo, in…
  • A Berlino, a Charlottenburg, uno dei quartieri borghesi del vecchio ovest, dal 2012 esiste una residenza dedicata ad anziani della comunità LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender). Si chiama Lebensort Vielfalt (Casa per vivere la diversità) consta di 24 appartamenti capaci di ospitare un totale di 40 persone  e la sua storia,…
  • Gertrude non sa annuire in silenzio, né tantomeno limitarsi a sorridere agli uomini quando le parlano. A nulla servono i ripetuti tentativi di sua madre nel cercare d’insegnarle ciò che si confà a una giovane donna in età da marito. Lei è colta, laureata a pieni voti in storia all’università…
  • The major film festival that collects the best movies made by women, mainly about other females will take place soon. The Berlin Feminist Film Week 2015 is about to start. In today’s cinema women are often in shadow. Wives, girlfriends, sisters, are usually playing the supporting roles on the silver…
  • Il Tacheles, storico progetto culturale, simbolo della scena artistica indipendente berlinese, nonostante la sua chiusura definitiva nel settembre 2012, dopo ben 22 di attività, continua a suscitare sempre grande interesse. Per anni incarna l’immagine della Berlino dove tutto è possibile e dove i creativi di tutto il mondo hanno ampio…

Leave a Reply