“Toccata e fuga” di corpi, danza e parola: a Berlino arriva lo spettacolo Fugen

Uno spazio vuoto, una scenografia minimalista, una ballerina che si muove sulla scena sempre più velocemente e affannosamente creando un climax di tensione ascendente. Così inizia lo show “Fugen” di Isabelle Schad, ballerina e coreografa tedesca impegnata in una ricerca che studia il corpo e la sua materialità in funzione della rappresentazione e del rapporto con gli altri. Si tratta di un’ora di spettacolo estremamente personale nel quale lei sola in scena ripercorre le fasi della sua vita che l’hanno portata a fare della danza il suo mestiere.

La musica che suonavano la madre e la sorella in casa con la quale è cresciuta, le lezioni di Aikido che le hanno insegnato a percepire il corpo, le lezioni di balletto che le hanno trasmesso l’amore per la disciplina, le sinfonie di J.S. Bach che l’hanno accompagnata negli anni… Questi i ricordi toccati dalla Schad. E proprio il nome Toccata e fuga la spinge a riflettere sui concetti di fuggire e cacciare, di dare e ricevere, di vuoto e di pieno che si creano attraverso il corpo e con i suoi movimenti. Grazie all’uso della parola (tutto lo spettacolo è in inglese) e dei passi di danza l’artista si mette a nudo, indaga se stessa e gli altri, riflette sul ruolo dell’arte e il possibile futuro di ogni artista.

HAU (Hebbel am Ufer) è un complesso culturale e location per spettacoli vicino alla stazione di Möckernbrücke (U7/U12), con tre diverse sedi (HAU1, HAU2 e HAU3) situate a pochi metri di distanza a cavallo del fiume. Ospita spesso performance di danza di questo tipo, ma anche di teatro, artistiche, oppure film e festival. Spesso le performance sono in inglese. Il programma completo si trova qui.

Isabelle Schad – Fugen

Performance di danza e recitazione in lingua inglese

Presso Hebbel am Ufer (HAU 3), Tempelhofer Ufer 10, 10963 Berlin

Prossimi appuntamenti:

Venerdì 30 ottobre alle 20 (a seguire discussione con l’artista)
Sabato 31 ottobre alle 20
Domenica 1 novembre alle 20

Foto (C): Dieter Hartwig

Related Posts

  • I coreografi Liz Santoro e Pierre Godard saranno a Berlino in occasione del festival di danza Tanz im August per presentare il loro innovativo e straordinario lo spettacolo Relative Collider. Combinando danza, matematica e neuroscienze, la performance coinvolge lo spettatore in una stimolante avventura. Rigoroso nelle sue forme e geniale per l'idea alla sua…
  • Forse non tutti sanno che i teatri, a Berlino, sono piuttosto frequentati, sia dai tedeschi che da stranieri. Nonostante l'intralcio della lingua, che può effettivamente rappresentare un grande ostacolo, tutti possono partecipare pur non essendo ferrati nella paurosissima e temutissima lingua tedesca. Questo perchè la città offre un'ampia gamma di…
  • I Tanztage, letteralmente "i giorni della danza", sono una vera e proria maratona artistica di undici giorni in cui vengono presentate nove premier per scoprire nuove posizioni coreografiche e celebrare la danza contemporanea. Il Festival, presentato dalla Sophiensæle e giunto alla sua ventiquattresima edizione, rappresenta un importante ed alternativo trampolino…
  • Quanta forza c’è dietro le parole “I have a dream” di M. L. King o “To be or not to be” di W.Shakespeare? Dopo il successo degli anni passati, culminati da spettacoli come "Capuleti vs Montecchi - la faida continua", una nuova avventura per il laboratorio di teatro di Berlino…
  • di Davide Di Palo "La danza è forma dell’anima, oblio della propria identità. Piuttosto che pensare, prova a lasciarti trasportare" disse una volta Kazu Ohno e fa sempre piacere ricordarlo quando si parla di questa splendida disciplina. Nello specifico stavolta parliamo della nuova produzione della compagnia teatrale italiana Dewey Dell, “Marzo”, prossima ospite…

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply