Trump presidente, sito Canada per richieste cittadinanza in tilt

Stanotte, mentre l’ipotesi di una vittoria di Donald Trump alle elezioni presidenziali Usa prendeva sempre più corpo, il sito canadese per l’immigrazione e la cittadinanza è andato in tilt. Il crash, come riporta il sito di Fortune, è il risultato dell’enorme numero di tentativi di accesso da parte di cittadini americani spaventati dalla vittoria del candidato repubblicano.

In fuga dagli States. Quella che, nei mesi della campagna elettorale, veniva ripetuta come mera boutade, sembra adesso a molti americani una realistica prospettiva di fuga, se è vero che, tra le parole più cliccate delle ultime ore sui motori di ricerca, appaiono proprio “immigration”, citizenship”, “Canada”. A vagheggiare l’espatrio sono soprattutto i cittadini di stati vicini al Canada come  Vermont, Oregon e Minnesota. Attualmente il portale canadese è ancora a tratti irraggiungibile, mentre sui social dilaga l’ironia di chi sottolinea come lo storico senso di superiorità degli americani nei confronti dei vicini si sia ora trasformato in desiderio di acquisire la cittadinanza canadese. Una procedura peraltro lunga e difficile, a meno di possedere particolari competenze professionali, di ricongiungersi con un familiare canadese o di avere diritto all’asilo politico. Come un contrappasso dantesco, dopo le continue minacce di Trump di costruire un muro che blocchi i migranti messicani, sul web spopola un meme in cui un canadese armato di fucile pattuglia a cavallo di un alce il confine meridionale del paese in cerca di “immigrati clandestini americani”.

853b89907c1269ddf67476a75367d52c

Banner Scuola Schule

Related Posts

  • Angela Merkel saluta l'elezione di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti d'America con un autorevole discorso, in cui le esigenze della diplomazia non si scindono da un messaggio politico molto chiaro: la Germania offrirà «stretta collaborazione» al nuovo presidente americano solo a patto che rispetti la dignità umana indipendentemente dalla provenienza, dal colore della pelle, dalla…
  • In un recente discorso a Youngstown, in Ohio, Donald Trump ha garantito ai suoi elettori che i migranti non verranno accettati negli Stati Uniti, a meno che non dimostrino di essere sostenitori dei “valori americani”. Ha poi aggiunto che la Germania ha tenuto una politica disastrosa sulla questione rifugiati, definendo…
  • «Qualcuno potrebbe organizzare un evento 'abbraccia un americano'? Perché molti di noi, in questo momento, hanno davvero bisogno di un abbraccio». Lo scrive sul gruppo Facebook Berlin Expats Bridget Buscemi Tunis, americana di Rochester emigrata a Berlino. Sul web, dopo la schiacciante - e per molti inattesa - vittoria di Donald Trump alle presidenziali…
  • Fa freddo, a Berlino, dopo la vittoria di Donald J. Trump alle elezioni americane. È il 9 novembre, la data che ha cambiato la storia della Germania e del mondo intero. Ricorrono 27 anni dal crollo del muro di Berlino che ha inevitabilmente segnato la storia della politica internazionale, distruggendo…
  • «Cari americani, avanti: votate pure il tizio che sbraita, che odia le minoranze, che minaccia di imprigionare i suoi oppositori, a cui non frega un cazzo della democrazia, che afferma che lui solo può aggiustare ogni cosa. Cosa potrebbe mai andare storto? Buona fortuna, il popolo tedesco». Questo tweet di Johan…

Leave a Reply