Un italiano a Berlino rigira, in 3 minuti, Il cielo sopra Berlino di Wenders. E i tedeschi lo premiano. Il video

Organizzare un concorso volto al premiare il remake più suggestivo di una delle scene del film Il cielo sopra Berlino in occasione del settantesimo compleanno del suo regista, Wim Wenders. Questa la bellissima idea di un canale della TV tedesca, ARTE, che non si è limitata a prevedere una trasmissione interamente dedicata a Wenders per il 14 agosto, giorno della sua nascita, ma ha voluto anche creare un ampio coinvolgimento di pubblico, aspiranti registi e allievi delle scuole di cinema.

Ventidue sono stati i partecipanti che fino a pochi giorni fa hanno caricato i loro lavori sul portale di Arte. Pochi indizi erano stati dati per realizzare il corto: una lunghezza massima di 3 minuti e il rifacimento di una scena secondo l’idea del film Be Kind Rewind di Michel Gondry, nel quale il proprietario di una videoteca, per contravvenire a una danno subito da tutte le sue videocassette, inizia a girare dei remake dei film più famosi. Un remake che doveva essere quindi originale e poteva avvalersi dei mezzi più disparati.

Se il verdetto della giuria ufficiale deve ancora essere comunicato (il corto vincitore verrà proiettato il 14 agosto durante la trasmissione su Wenders), il pubblico, che fino a sabato scorso ha potuto votare il suo video preferito, ha già deciso. E tra i due vincitori, che si aggiudicano un premio a sorpresa della fondazione Wim Wenders, troviamo un giovane italiano, nello specifico torinese: Gabriele Nugara, con il suo Rewings of Desire.

“In questo lavoro non ho voluto limitarmi a rifare solo una scena del film di Wenders, come richiedevano le istruzioni, ma ho preferito spaziare tra le scene più famose per riportare alla memoria il messaggio totale di questo film cult che vedevo da bambino sognando Berlino”, racconta Gabriele, che ora a Berlino ci vive già da cinque anni. Qui infatti ha realizzato il suo lavoro più importante, un documentario sulla vita dell’artista Peter Unsicker e la sua galleria Wall Street Galery a due passi dal Checkpoint Charlie, nella quale vive da prima ancora che cadesse il Muro, nel 1986. Il film è stato premiato come miglior cortometraggio documentario al Piemonte Movie 2015.

“Ho capito subito che avrei potuto utilizzare lo stesso Peter come attore del mio nuovo cortometraggio, facendogli interpretare uno degli angeli del Cielo sopra Berlino. Lui non solo si è dimostrato più che disponibile a recitare, ma ha anche realizzato appositamente per il corto una scultura dell’angelo della Siegesäule. Inoltre devo ringraziare sua moglie che per lo scopo ha composto delle bellissime musiche. E una ragazza italiana conosciuta per caso, Elena Moci, che mi ha permesso di riprendere il personaggio della trapezista del film di Wenders. Le riprese sono state impegnative ma anche divertenti, abbiamo girato in varie parti della città proprio il giorno della finale di Champions League, e ora non posso che essere soddisfatto del risultato. Inoltre, visto il tanto materiale raccolto, non escludo che da questo corto di soli 3 minuti possa nascere un progetto molto più grande.”

Gabriele Nugara

Rewings of Desire

Related Posts

Sara Trovatelli

Dottoranda in traduzione letteraria, traduttrice, amante del buon cibo, dei viaggi e di tutto ciò che è cultura, vive a Berlino dal 2012 dopo essersene innamorata durante una gita lampo ai tempi del liceo.

Leave a Reply