Un’infermiera berlinese ha truffato l’assicurazione medica tedesca per quasi 150mila euro

Accusa Barbara G

Barbara G. è stata accusata di aver commesso reato di frode ai danni dell’assicurazione medica più di 300 volte.

Si parla di più di 148mila euro di danni. Barbara G., direttrice di un servizio di assistenza domiciliare berlinese, è stata accusata di frode commerciale e dovrà ora rispondere davanti alla Corte del distretto di Tiergarten, a Berlino. L’accusa riguarda 323 casi di frode, reati commessi in un periodo che va da giugno 2011 a gennaio 2013. Barbara G. verrà difesa dall’avvocato berlinese Carsten R. Hoenig, conosciuto per la serie di ZDF – un canale televisivo tedesco – SOKO Wismar. Il giudizio avverrà il 29 maggio 2018 dopo quattro giorni previsti per le negoziazioni. Lo studio della 52enne si trova a Lichterfelde, un quartiere di Berlino appartenente al distretto di Steglitz-Zehlendorf. Secondo il giudice che si sta occupando del processo, “un pericolo vero e proprio per i pazienti non è mai esistito” e reclami non ne sono stati fatti, come riporta il Berliner Zeitung.

Non è la prima accusa di frode in campo sanitario

In Europa le frodi, gli abusi e gli sprechi sono la causa dello spreco di un quinto della spesa sanitaria, come riporta un rapporto Ocse. In Germania, nel mese di marzo 2018, due compagnie di assicurazione medica sono state truffate a Mannheim e le due colpevoli, Michaela N. e Norma K., sono state condannate rispettivamente a quattro e due anni e 8 mesi di reclusione. La frode ammonta a 428.000 euro sottratti tra il 2015 ed il 2017, come riporta Focus.de. Michaela N. è stata condannata per 50 casi di frode e 3 di falsificazione di documenti. La donna ha infatti contraffatto delle carte per poter ricevere soldi dalla compagnia assicurativa nel suo conto o in conti di suoi conoscenti. Norma K. è invece stata accusata per concorso e riciclaggio.

Berlino Schule tedesco a Berlino
Berlino Schule tedesco a Berlino

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Accusa, Daniel_B_Photos, CC BY-SA 0.0

 

 

Leave a Reply