Da sempre gratuite e d’eccellenza, ecco come funzionano le università tedesche

università

Perché l’università tedesca istruisce gratuitamente gli studenti internazionali?

Il sistema europeo dell’università pubblica disegna un campo variegato, che si organizza intorno a due poli principali. Da un lato si trova il modello UK, con tasse molto alte che vanno a finanziare le borse di studio, la ricerca e il costoso sistema dei campus; dall’altro il modello tedesco, che offre (quasi) gratuitamente l’istruzione superiore a tutti i richiedenti. Nonostante alcune trascurabili differenze che dipendono dai singoli Länder, a uno studente universitario in Germania si chiede di pagare una cifra che si aggira attorno ai 300 euro a semestre. La somma include un abbonamento ai mezzi pubblici, il prezzo è talmente conveniente che in molti, soltanto per poterne usufruire, si iscrivono all’università senza l’intenzione di frequentare. Anche gli studenti internazionali possono accedere gratuitamente alle università tedesche, e molti osservatori si chiedono le ragioni di questa scelta. David Matthews di Times Higher Education – magazine con sede a Londra nato come spin-off del Times e diventato un’autorità nel campo dell’educasione – ha provato a dare delle risposte.

università
I diagrammi mostrano l’aumento del numero di studenti internazionali in Germania nel periodo 2009-2016. Gli studenti vengono distinti in: Bildungsauslaender (studenti di altre nazionalità che si trasferiscono in Germania appositamente per studiare) e Bildungsinlaender (studenti di altre nazionalità che risiedono già da tempo in Germania). Dati UNESCO, infografica wissenschaftweltoffen.de

 

Buco demografico, soft power e politica interna

Le osservazioni di Matthews sono basate su dati freschi, pubblicati in uno studio recente finanziato dal Ministero Federale dell’Educazione e della Ricerca. Le conclusioni che ne sono state tratte sono le seguenti. In primo luogo, il popolo tedesco ha bisogno degli studenti internazionali per riempire un grande buco demografico. Seconda soltanto al Giappone per numero di over 60, la Germania è interessata ad attirare studenti giovani, con la speranza che decidano di rimanere nel paese. La Germania a tale scopo garantisce loro un visto post-laurea della durata di 18 mesi per lavorare nel paese. Questo (ed è il secondo argomento) produce soft power, letteralmente “potere morbido”. Gli studenti educati in Germania decidono spesso di lavorare per imprese tedesche, internazionalizzando ulteriormente l’economia del paese. Sempre in una prospettiva di internazionalizzazione, viene valutato positivamente il clima culturale di scambio e confronto che soltanto una presenza costante di studenti provenienti da altri paesi può garantire. In questa decisione anche la politica locale gioca un ruolo importante. Le decisioni relative alla tassazione universitaria, infatti, non sono appannaggio del governo federale, bensì dei singoli Lander, che hanno ampissimi margini di autonomia. Nel 2006 sette regioni introdussero tasse più consistenti, salvo poi fare immediatamente marcia indietro per la quantità e la violenza delle critiche ricevute. Dopo quell’episodio nessun politico, intimamente convinto o meno della necessità di riformare il sistema universitario, ha trovato conveniente riaprire l’argomento. L’università tedesca ha una lunghissima tradizione che si riconosce nell’accessibilità e autonomia dell’istruzione, per cui l’argomento economico, portato da chi ritiene che il sistema stia diventando sempre meno sostenibile sul lungo periodo, non riesce ad avere alcuna presa.

Università
Cifre e percentuali degli studenti internazionali in Germania nel 2016; dati UNESCO, infografica wissenschaftweltoffen.de

Come fa la Germania a mantenere un sistema così costoso?

Come è possibile che la Germania, pur beneficiando di un’economia forte, riesca a coprire interamente i costi del sistema universitario? Questa domanda appare ancor più logica se si guarda all’attuale congiuntura economica, in cui molti paesi europei si trovano costretti ad aumentare le tasse o ad assecondare una progressiva tendenza alla privatizzazione. La risposta non è semplice. In primo luogo, si può notare che l’università tedesca ha un basso numero di iscritti in percentuale rispetto ad altri paesi. Il modello tedesco, inoltre, ha una struttura molto libera, in cui allo studente viene offerta la formazione ma non, nella maggior parte dei casi, i servizi di vitto e alloggio, che peserebbero troppo sul bilancio. Andrew Tompkins, storico americano intervistato dal Guardian, riferisce la sua esperienza nell’università tedesca: «All’inizio trovavo quasi strabiliante l’autonomia organizzativa che viene richiesta qui agli studenti. Le università tedesche forniscono un’esperienza meno strutturata: il peso dell’apprendimento è tutto sullo studente, non sull’istituzione. Adesso il modo in cui gli studenti delle università americane vengono tenuti per mano mi sembra ancora più strano».

Il futuro dell’università tedesca

Partendo dall’ovvia constatazione che l’assenza di tasse a sostegno del sistema universitario accumula nel tempo un deficit strutturale, il governo di Angela Merkel si è dichiarato intenzionato a arginare il debito entro il 2020. Un esperimento è già in programma, in quanto il governo del Baden-Württemberg già dal prossimo autunno inizierà a tassare gli studenti non europei, aprendo la strada a una revisione più radicale dell’intero sistema.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Huuboa CC BY-SA 3.0

Related Posts

  • 57
    Sono ben 20 le università tedesche tra le prime 200 al mondo per qualità dell'insegnamento secondo la classifica 2015 della Times Higher Education (THE). Il numero è  quasi raddoppiato rispetto ad un anno fa quando erano solo 12. La classifica. A guidare la classifica generale è la California Institute of Technology, seguita…
    Tags: per, germania, è, tedesche, gli, università, non, studenti, in, più
  • 56
    «La Germania è l'unico Paese in cui la formazione universitaria è pubblica e gratuita per quasi tutti gli studenti»: questo il verdetto di uno studio commissionato dalla fondazione Körber di Amburgo e riportato da stimme.de. Condotto da una squadra di ricercatori americani, lo studio mette a confronto le realtà di 13 Paesi:…
    Tags: in, germania, è, studenti, per, università, si, nel, non, come
  • 55
    di Mara Bisceglie Dall'università italiana a quella tedesca: il confronto (spesso impietoso) di una studentessa Erasmus sbarcata a Berlino. Con il programma Erasmus ho avuto la possibilità di studiare per un intero anno accademico presso la Technische Universität di Berlino, potendo osservare da vicino il sistema d’istruzione tedesco e confrontarlo con…
    Tags: in, per, è, non, si, l, gli, università, più, germania
  • 54
    di Beatrice Falleni Sono una ragazza di 21 anni. Sono nata a Roma e lì ho compiuto il mio percorso di studi fino al conseguimento della maturità classica. Poi, a 19 anni appena compiuti e a poche settimane dalla fine degli esami, ho lasciato l’Italia e mi sono trasferita a Berlino.…
    Tags: è, si, in, non, più, per, l, come, sistema, universitario
  • 52
    La mia esperienza in un università tedesca. Quali le differenze rispetto al sistema universitario italiano? Non ci sono state discussioni o strette di mano coi relatori (chi li ha più visti quei due?). Non ci sono stati brindisi con amici e parenti, corone di alloro, foto imbarazzanti attaccate in facoltà.…
    Tags: in, per, è, si, come, non, studenti, università, germania, tedesca

Leave a Reply