Alla scoperta di Friedhofsbahn, la ferrovia dell’ultima destinazione alle porte di Berlino

friedhofsbahn

C’era una volta una ferrovia. Questa ferrovia aveva un triste compito, quello di trasportare i defunti verso la loro ultima destinazione, un cimitero. I treni che la percorrevano svolgevano diligentemente il loro compito finché, un giorno, la linea dovette essere chiusa…

Nel 1909 Berlino si trova a dover far fronte ad una continua mancanza di spazi da adibire ad aree cimiteriali: si prende quindi la decisione di costruirne di nuovi alle porte della città e la zona di Stahnsdorf fu una delle prescelte; il cimitero di Südwestkirchhof è uno dei molti che nascono in quel periodo e, per facilitare il trasporto delle bare e per venire incontro alle esigenze dei parenti dei defunti, fu deciso di inaugurare un’apposita linea ferroviaria che colleghi Wannsee con una stazione adiacente al cimitero.

Grazie agli accordi tra la chiesa evangelica e il servizio ferroviario prussiano è possibile inaugurare il tratto ferroviario (lungo circa 4 chilometri) già nel 1913. La cosiddetta Friedhofsbahn (ferrovia del cimitero) presta regolarmente il suo triste servizio fino alla fine della seconda guerra mondiale, quando deve essere interrotta per il crollo del ponte sul Teltowkanal distrutto dai bombardamenti alleati. Ma il compito della ferrovia è considerato così importante da far sì che essa sia rimessa in funzione, a tempo di record, già nel 1948.
A mettere fine alla Friedhofsbahn è però un’altra guerra, paradossalmente nemmeno combattuta: la guerra fredda. I binari della linea transitano esattamente sul confine tra la DDR e Berlino Ovest e questo motivo è sufficiente alle due amministrazioni per decretare la fine di questo storico servizio.
Le stazioni lungo il percorso vengono prima abbandonate e poi demolite, i binari in gran parte smantellati e quel poco che restava è pian piano inghiottito dal bosco circostante…
Ma nonostante tutto la ferrovia esiste ancora: è sopravvissuta ad una guerra mondiale e a più di cinquant’anni di abbandono, a ricordarci che la memoria non può essere cancellata facilmente e che riviverla è ancora possibile.

E’ possibile, come una volta è stato fatto da Berlino Explorer, esplorare quest’area abbandonata, seguendo il tracciato della ferrovia fantasma di Stahnsdorf. Un viaggio nel tempo partendo dalla storia della Friedhofsbahn fino ai resti di una vecchia area militare sovietica, incrociando quel che rimane di un tratto dell’autostrada interrotta dal Ceckpoint Bravo. Può essere una passeggiata interessante anche per gli appassionati di fotografia.

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Andreas Lippold, Historisches Kleinmachnow: Alte Friedhofsbahn-Trasse bei Dreilinden, CC0

Francesco Somigli

Autore freelance, narratore di storie e ideatore del progetto Ohneort in cui esplora e racconta la rete metropolitana di Berlino. Collabora con Berlino Explorer con tour guidati alla scoperta della capitale tedesca.

One Response to “Alla scoperta di Friedhofsbahn, la ferrovia dell’ultima destinazione alle porte di Berlino”

  1. Alla scoperta della Ferrovia Fantasma. - Berlino Explorer

    […] pubblicato nella sezione Berlino Nascosta del magazine Berlino Cacio e […]

    Rispondi

Leave a Reply