Visitate il Villaggio Olimpico di Berlino, luogo ricco di storia e suggestione

I Giochi Olimpici del 1936 furono organizzati in Germania: per Hitler era l’occasione per mostrare al mondo la potenza tedesca e anche gli ideali razzisti e antisemiti che ispiravano il Terzo Reich, e infatti gli ebrei furono esclusi dalla competizione.

In realtà, poi, quelle Olimpiadi, dominate dalla Germania, videro ben 4 medaglie d’oro vinte dall’atleta afroamericano Jesse Owens per gli Stati Uniti, contrariando talmente tanto il Führer che si allontanò dallo stadio pur di non premiare l’atleta di colore. A Berlino esiste ancora la struttura che ospitò le gare, poi usata come scuola di fanteria, ed è tuttora visitabile.

La storia dell’XI edizione dei Giochi Olimpici

La decisione dello svolgimento dei Giochi Olimpici a Berlino venne presa il 13 maggio 1931, quando la Germania era ancora una repubblica democratica, l’influente ministro della propaganda Joseph Gobbels convinse un riluttante Hitler che i Giochi potevano rappresentare l’occasione per mostrare al mondo intero la potenza germanica e la superiorità degli atleti di razza ariana.

Gli eventi vennero pubblicati su un bollettino quotidiano: l’Olympia Zeitung, con una tiratura di ben 300.000 copie (alcuni numeri si trovano ancora oggi tra i polverosi banchi dei mercati delle pulci della città) l’occasione olimpica venne inoltre celebrata dal film propagandistico “Olympia” (L. Riefenstahl).

La XI edizione fu anche la prima ad essere ripresa dall’occhio delle telecamere, il regime tedesco mise in onda il primo programma televisivo regolare al mondo per permettere di seguire la visione in diretta dell’evento, la comunicazione olimpica assunse quindi un ruolo fondamentale, tanto da trasformare i Giochi olimpici in una potente arma di propaganda.

Per la costruzione delle strutture sportive il governo tedesco non badò a spese, vennero costruiti impianti e strutture moderne e all’avanguardia che rappresentavano pienamente il gusto architettonico dell’epoca.

Il Villaggio Olimpico

Il Villaggio Olimpico fu edificato tra il 1934 e il 1936 a Elstal, a circa 20 Km dalle porte di Berlino, luogo in cui alloggiavano e si allenavano gli atleti, solo uomini, le donne invece alloggiavano vicino al nuovo stadio. Il complesso architettonico venne progettato e realizzato da Werner March, lo stesso architetto che stava realizzando anche il monumentale Stadio Olimpico, March ricevette istruzioni di costruire il villaggio olimpico in modo da poterlo adoperare anche dopo i Giochi come caserma e ospedale militare.

Un luogo idilliaco, con tanto di lago artificale immerso nel verde e numerose possibilità di intrattenimento che accompagnavano impianti sportivi nuovi e funzionali: la palestra, la piscina con sauna (visibili ancora oggi) e una grande pista per l’atletica leggera.

Palestra Villaggio Olimpico. S. CorsoGli oltre 140 edifici residenziali a due piani si sviluppavano intorno al ristorante: Haus der Nationen, che faceva da perno a tutto il progetto, aveva 38 sale da pranzo per le 50 nazioni che partecipavano all’evento sportivo e fungeva ovviamente da punto d’incontro e socializzazione, nella Hindenburghaus (anche questa visitabile) invece, oltre alle sale riunioni e al teatro, si trovavano le sale stampa dei diversi paesi.

L’edizione dei Giochi di Berlino del ’36 fu strettamente legata all’atleta americano di colore Jesse Owens, che salì sul podio con ben 4 medaglie d’oro, dominando su tutti, tedeschi compresi, cosa che creò il disappunto di Hitler il quale preferì abbandonare lo stadio piuttosto che premiare l’atleta.

I Giochi finiscono, la Germania trionfa. Il villaggio, come previsto, venne adoperato per la scuola di fanteria e formazione del  reggimento e la sala delle nazioni trasformata in un ospedale militare (Olympialazarett).

A guerra terminata, la zona di Elstal cadde sotto l’amministrazione sovietica, che mantenne l’uso militare fino al 1992, da allora il villaggio rimase abbandonato e spesso vittima di atti di vandalismo, come il rogo appiccato nella piscina che la rese inagibile.

La struttura oggi

Dal 2006 la Fondazione DKB si occupa dello sviluppo sostenibile del Villaggio Olimpico, così come di altri edifici sotto tutela del patrimonio architettonico, con l’obiettivo di rendere il memoriale fruibile al pubblico, il villaggio diventa un’area museale che permette di scoprire i tanti interessanti dettagli storici legati ai Giochi del ‘36.

E’ possibile fare un percorso attraverso la Casa delle Nazioni, l’ex piscina, ricostruita nel 2011 e alcuni alloggi dell’equipaggio, in buone condizioni ancora la palestra e la casa che ha ospitato Jesse Owens dove è allestita una mostra con foto storiche e dettagli dell’intero progetto del villaggio. Qui le informazioni

Foto in calce: Stefano Corso | http://www.stefanocorso.com/

ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer che organizza periodicamente esplorazioni urbane e guide d’architettura.

Piscina Villaggio Olimpico. S. Corso

 

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: © Cornelia Kopp CC BY SA 2.0

Related Posts

  • La bellissima biblioteca di Wedding si trova all'interno di quello che era l'antico e sfarzoso centro di benessere Luisenbad, in un'area ricca di storia e di trasformazioni. Uno dei punti più suggestivi lungo la sponda del Panke, il fiume di piccole dimensioni che bagna Berlino, diviso tra Wedding e Pankow dalla…
  • Sulle rive del lago Obersee, decisamente fuori dai circuiti artistici del Mitte, si trova la Haus Lemke ora spazio espositivo all'interno di un'abitazione privata. Progettata da uno dei maestri del Movimento Moderno: Mies van der Rohe, rappresenta la sua ultima opera prima dell’esilio negli Stati Uniti, realizzata nel '32, durante…
  • La collaborazione tra il progetto di ricerca Berlino Explorer e Ohneort è sempre più attiva. Alla base c'è l’idea di raccontare e presentare Berlino in maniera originale e diversa, lontano dai percorsi tradizionali e più vicino all’anima e alle mille storie che la capitale tedesca ha da svelare. I percorsi…
  • Schöneweide, nel distretto di Treptower-Köpenick è stato per anni, prima del crollo del Muro, un quartiere industriale e operaio. Oggi è al centro di tanti progetti di riqualificazione. Alcuni tra questi sono progetti artistici e festival, che in alcuni periodi dell'anno richiamano nelle due zone di Oberschöneweide e Niederschöneweide (in cui è diviso…
  • A nord est di Berlino, in una strada in parte parallela alla lunga Prenzlauer Allee, c'è una via, la Rykestrasse che, per quanto piccolina, racchiude tra le mura delle sue case molte storie. I primi mattoni della Rykestraße furuno posati per far fronte a una necessità logistica: quando nel 1871…

Zuleika Munizza

Zuleika Munizza responsabile del progetto di ricerca Berlino Explorer, presenta e racconta Berlino attraverso la sua storia e le sue trasformazioni, da un punto di vista architettonico e sociale.

Leave a Reply