Zaha Hadid, l’archistar che a Berlino ha lasciato il segno

L’universo degli architetti sente già la mancanza di Zaha Hadid, archistar di fama internazionale, deceduta giovedì all’età di 65 anni per un arresto cardiaco. Prima donna a vincere il prestigioso premio Pritzker nel 2004, ha lasciato il segno in Europa, Stati Uniti e Australia, rivoluzionando il concetto di architettura e facendo di un piano edilizio qualsiasi un’opera d’arte. Tra i progetti più conosciuti realizzati dall’architetto si ricordano il MAXXI di Roma, il Mind Zone al Millenium Dome situato a Greenwich e il Rosenthal Center for Contemporary Art di Cincinnati, in Ohio.

La carriera. Nata a Baghdad nel 1950, Zaha Hadid ha studiato Matematica all’American University di Beirut per poi trasferirsi a Londra nel 1972, dove ha seguito il corso di Architettura all’Architectural Association. Appena terminati gli studi, è entrata a far parte dell’Office Metropolitan Architecture e ha iniziato a insegnare all’Architectural Association e in altre importanti università americane come l’Harvard Graduate School of Design e la facoltà di Architettura dell’University of Illinois Chicago.

Iba Housing
Iba Block B – Photo © Gunnar Klack

Zaha Hadid a Berlino. Se c’è un’opera per cui Berlino ricorderà l’archistar Zaha Hadid, questa è sicuramente l’Iba Block B del progetto Iba Housing. Un edificio residenziale di otto piani rivestito di bronzo, che riflette tutte le sfumature del cielo della città dall’alba al tramonto. Il progetto è stato presentato all’Internationale Bauausstellung Berlin all’inizio degli anni ’90 grazie anche al sostegno del movimento femminista Feministische Organisation von Plannerinnen und Architektinnen, fondamentale visto il numero esiguo di partecipanti donne al programma. In Germania, però, l’architetto ha realizzato anche altri importanti progetti come il BMW Central Building di Lipsia, il Museo della scienza Phaeno di Wolfsburg e il Vitra Fire Station in Weil am Rhein.

DOVE TROVARE LE OPERE DI ZAHA HADID A BERLINO:

IBA Block B, Stresemannstrasse 105-109

HEADER SCUOLA DI TEDESCO

Photo: © vimeo

Leave a Reply