Zia Maria, la pizzeria di Prenzlauer Perg preferita dalla Lonely Planet

Pizza al taglio, lasagna, insalate e tiramisù: Zia Maria, per la qualità dei suoi piatti e il suo ambiente originale, è una delle pizzerie più amate a Berlino.

Sono ormai dieci anni che Zia Maria esiste a Berlino. Una pizzeria molto amata sia dai tedeschi che dagli italiani, nonché dai turisti. Infatti Zia Maria è un punto di riferimento mondiale qui a Berlino presente nella guida Lonely Planet. Il primo ristorante, quello di Pappelallee, aperto il 1 luglio 2007, è opera di Roberto Palmieri. Il secondo ristorante, invece, aperto nel luglio 2013, nasce dalla collaborazione di Roberto con due dei suoi migliori dipendenti, Matthias Schlaak e Stephan Henn. Una collaborazione che ha portato ad ulteriori successi. Zia Maria, in un contest realizzato a marzo 2016 dal Berliner Morgenpost, tra i suoi lettori risulta in larga misura al primo posto tra le pizzerie dove si può gustare una delle migliori pizze della città. Un successo che è cresciuto col tempo e che è frutto di tanta passione e tanto lavoro.

Lesen Sie diesen Artikel auf Deutsch.

La Pizza Zia Maria

Il segreto della Pizza Zia Maria, come racconta il fondatore, è fondamentalmente la qualità dei suoi ingredienti. L’impasto che risulta leggero e fragrante è frutto di un procedimento e di un dosaggio accurato, il cui segreto viene custodito gelosamente. La maggior parte degli ingredienti vengono rigorosamente dall’italia. Gli altri come per esempio ortaggi e verdure fresche per le farciture delle pizze provengono da produttori locali e sono consegnati freschi ogni mattina. «Cerchiamo di evitare gli sprechi, ordiniamo solo quello che siamo sicuri di usare così da poter garantire ogni giorno un prodotto fresco e di qualità», queste le parole di Matthias. La passata proviene dall’Italia mentre la mozzarella proviene da un famoso caseificio italiano con sede a Berlino. «Cosi abbiamo la garanzia del metodo di lavorazione italiano, la bontà del latte tedesco e la sicurezza di avere il prodotto fresco ogni giorno», ci spiegano i proprietari. La formula di Zia Maria quindi è quella di puntare sulla freschezza degli ingredienti locali, sulla filiera delle eccellenze del Made in Italy uniti da un raffinato processo lavorativo, offrendo ai clienti un prodotto di altissima qualità.

Il menù di Zia Maria

Da Zia Maria si può scegliere tra circa 25 variazioni di pizze diverse. Ma non ci sono solo pizze. Nella Winsstraße si serve anche un’ottima lasagna bolognese con carne accuratamente di origine biologica, diversi tipi di insalata e come dolce il tiramisù in due varianti, classico al caffè o ai frutti di bosco. Zia Maria tra le pizze offerte ne ha circa la metà vegetariane ed i proprietari stanno lavorando per ampliare il menù anche in direzione di una offerta vegana. Tuttora infatti i clienti possono ordinare le pizze presenti nel menù anche senza carne e formaggi ma a Roberto, Stephan e Matthias non basta. Da aprile verranno inserite nel menù nuove variazioni di pizze vegane, «sempre combinando ingredienti freschi, lasciando così inalterato il vero sapore della pizza tipica italiana» come spiega Stephan. Per i vegetariani oltre le pizze e le insalate già citate sarà possibile ordinare nei prossimi mesi anche una lasagna vegetariana al pesto di noci. Il menù è volutamente ristretto perchè «Zia Maria è un concetto semplicissimo: poche cose ma buone, fresche e di qualità.»

Il ristorante e la galleria

Il nome ha un legame affettivo con Roberto, il fondatore della prima sede: «Zia Maria era il nome con cui mia madre veniva chiamata in famiglia. L’ho scelto per omaggiarla e per sentirmi un po’ a casa ogni giorno andando a lavoro». Zia Maria non offre solo cibo ma si propone allo stesso tempo come galleria d’arte contemporanea, offrendo regolarmente nelle proprie sale nuove ambientazioni artistiche. Il nome completo dei due locali è infatti: “Zia Maria, Contemporary Experience”. Entrambe le sedi infatti ospitano istallazioni d’arte contemporanea che cambiano periodicamente ogni tre/quattro mesi. Roberto Palmieri viene dal mondo dell’arte e del design e con questa sua vocazione egli stesso propone due o tre volte all’anno nelle sale dei suoi locali le proprie creazioni: «Il mio obiettivo è offrire oltre al buon cibo un’esperienza originale e piacevole e per far questo oltre ai piatti di qualità offriamo un ambiente sempre nuovo e stimolante. Alla base delle nostre istallazioni c’è l’attenzione verso le recenti istanze artistiche internazionali più promettenti così da proporre ai clienti un’esperienza sensoriale di alto livello unica nel presente».

Pizzeria Zia Maria

www.zia-maria.de

info@zia-maria.de

Filiale di Pappelallee

Pappelallee 32a, 10437 berlin

Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 23.30

Pagina Facebook

Filiale di Winsstraße

Winsstraße 21, 10405 berlin

Aperto tutti i giorni dalle 12 alle 23.30

Pagina Facebook

Tutte le foto sono © Zia Maria

Questo ristorante fa parte del network True Italian. Clicca sul banner qui sotto per scoprire tutti gli altri locali aderenti.

bannertrueitalianwp

 

Related Posts

  • 20 pizzerie, una settimana, un prezzo fisso: la True Italian Pizza Week Berlin è l'evento per celebrare le migliori ed autentiche pizze di Berlino. Margherita, marinara, napoletana, capricciosa, quattro stagioni, prosciutto e funghi, ortolana: indipendentemente da quale sia il suo condimento, la pizza è il simbolo dell'italianità per eccellenza. La…
  • Berlino offre l'imbarazzo della scelta quando si vuole mangiare fuori casa. Cucine di tutto il mondo, profumi e sapori nuovi si mescolano ai gusti della tradizione regalando nuove sensazioni al palato. Ma non sempre è facile riuscire a trovare un buon ristorante, soprattutto quando si parla di cucina italiana, una…
  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • Difficile trovare una città al mondo dove non ci sia un ristorante italiano. La scelta degli ingredienti, il rispetto per la tradizione accompagnato dal nostro desiderio innato di provare sempre qualcosa di nuovo, la cura nel servizio, l’idea che sedersi a tavola significhi stare bene: tutti questi sono elementi che…
  • La moda delle mappe tematiche di Berlino ricalcata su quella della metropolitana si arricchisce di un nuovo argomento: i ristoranti. A realizzarla è il portale Thrillist, in passato già autore di quella dei bar e club della capitale tedesca. Ecco a voi quindi una lista più o meno discutibile (di…

Leave a Reply