Zoologischer Garten, la stazione simbolo di Berlino Ovest

Zoologischer Garten

Zoologischer Garten, la prima stazione importante in cui si imbatte il viaggiatore che arriva in città da ovest, percorrendo la linea della Stadtbahn.

E’ stata aperta il 7 febbraio 1882 come stazione ferroviaria per treni a medio-lunga percorrenza e nel 1902 è stata collegata alla rete di trasporto cittadino integrandola con un livello sotterraneo alla rete della U-Bahn (attuale U2).

La storia

Il periodo più glorioso (ma anche il più difficile) di questa stazione inizia nel 1952, con la chiusura della Anhalter Banhof: Zoologischer Garten diventa la stazione principale di Berlino ovest, riuscendo a stento a smaltire il traffico ferroviario verso il resto della Germania e dell’Europa con soli 4 binari di servizio. Nel 1961, pochi giorni dopo la costruzione del Muro, la stazione viene nuovamente ampliata con un altro collegamento sotterraneo (l’attuale linea U9) che aveva la funzione di collegare Zoologischer Garten con le zone nord e sud del settore orientale della città. Ha resistito strenuamente fino al 2006, quando è stata alleggerita del suo compito dalla moderna ma impersonale Hauptbanhof.

L’influenza sull’arte

La stazione di Zoo non è solo un posto dove partono e arrivano treni: è stata fonte d’ispirazione o almeno citata in una quindicina di canzoni (la più famosa è “Zoo Station” degli U2), numerosi libri e parecchi film. Di questi, il più famoso ad avere Zoo come sfondo è sicuramente “Christiane F. – Noi, i ragazzi dello Zoo di Berlino”, un racconto del mondo di droga e prostituzione in cui era immersa la stazione e questa zona della città durante gli anni ’70-’80.

Zoologischer Garten oggi

Zoo è completamente diversa, quasi irriconoscibile per chi cerca di ritrovarla in quello che ha letto o visto nel film di Uli Edel. Niente più prostituzione, niente più spaccio di droga e soprattutto niente più sensazione da stazione di confine, umano e ferroviario, che si respirava un tempo. Verrebbe da dire che tutto è diventato “normale” e ordinato, anche se la fama della stazione che fu continua ad aleggiare su Zoologischer Garten.
postkarte
Per il pendolare sprovveduto (e gli emigrati in città lo sono tutti quando arrivano. Poi alcuni si abituano e altri no, in una darwiniana selezione berlinese…) la sala d’ingresso di Zoo resta comunque uno dei luoghi più “pericolosi” della città: qui si concentrano i negozi delle più note e malsane multinazionali che vendono prodotti che in molti paesi non si sono mai visti. Difficile non spenderci soldi, per curiosità o per masochismo. La magra (nemmeno poi tanto visto di cosa stiamo parlando) consolazione è che a Zoo non si potrebbe mai morire di fame; forse di colesterolo, ma di fame assolutamente no.
Un altro pericolo è rappresentato dalla quantità di persone che frequentano questa stazione; nelle ore di punta si raggiungono livelli di frenesia difficilmente immaginabili ed è fondamentale evitare di essere risucchiati dal flusso incessante dei viaggiatori berlinesi: si arriva in stazione con l’intenzione di prendere la S-Bahn per Alexanderplatz e ci si ritrova sul regionale per Nauen… ed è bene sapere che, per assioma, il 90% dei regionali tedeschi passa per Nauen. Il motivo è attualmente motivo di studi approfonditi.

Superati questi ostacoli potrete finalmente servirvi del trasporto su rotaia di questa stazione, suddiviso in due livelli: superiore (per S-Bahn e treni) e sotterraneo (per U2 e U9). Dalla banchina dei treni si può godere di una splendida vista sulla Gedächtniskirche, finalmente quasi del tutto libera dalle impalcature che per due anni l’hanno fatta assomigliare più alla rampa di lancio di un missile che ad un edificio storico.

Un imprevisto che potrebbe capitare al visitatore di Zoo è quello di incappare nello smistamento dei tifosi ospiti quando l’Herta Berlino gioca le sue partite all’Olympiastadion: arrivano in questa stazione con il trasporto ferroviario nazionale e sono poi scortati dalla Polizei verso i mezzi locali per il trasferimento allo stadio. Anche in questo caso si raccomanda di fare attenzione a non essere travolti dall’ondata umana per non finire, vostro malgrado, in mezzo a centinaia di tifosi dell’Erzgebirge Aue (tanto per citare una squadra a caso). La vostra unica via di scampo è convincere i poliziotti che non siete tifosi e allora sarete liberi di muovervi in giro a vostro piacimento.

Nonostante il relativo ridimensionamento degli ultimi anni, Zoologischer Garten resta comunque una delle stazioni più importanti della città insieme a Hauptbanhof, Friedrichstraße, Alexanderplatz e Ostbanhof: da qua transitano numerosi treni che collegano la città con l’aeroporto di Schönefeld, col Brandeburgo e con il resto della Germania, rendendola un luogo di passaggio per molti stranieri che, chiedendo informazioni, complicano parecchio la già difficile comunicazione in tedesco: si possono infatti ascoltare graziose e allo stesso tempo inquietanti variazioni della lingua locale con accento italiano, giapponese e russo.

Molti treni a lunga percorrenza sono stati soppressi e spostati ad Hauptbanhof, e anche l’ultimo collegamento che ricordava un passato glorioso è stato ormai cancellato: fino a Dicembre 2013, ogni sabato, dalle banchine di Zoologischer Garten partiva l’espresso Sibirjak (“il siberiano” in russo), un vero e proprio prolungamento sul suolo europeo della famosa linea Transiberiana. Il Sibirjak collegava Berlino con la città russa di Novosibirsk, percorrendo 5.130 km in più di 3 giorni attraverso Polonia, Bielorussia e Russia. il prezzo di questa avventura non era propriamente a buon mercato: la sola andata costava circa 400 euro, che diventavano più di 800 se si decideva di rifarsela in treno anche al ritorno. Di questo treno leggendario ormai rimangono soltanto i racconti e le foto delle persone che affidano ad internet il loro ricordo della tratta ferroviaria più lunga d’Europa. Davvero altri tempi.

zoo4


Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Related Posts

  • Da "Wir Kinder vom Bahnhof Zoo" a "Wir Rinder von Bahnhof Zoo". Il gioco di parole è di una sola lettera (dalla K di Kinder alla R di Rinder), la traduzione invece dice molto di più, si passa infatti da Noi, il ragazzi dello Zoo di Berlino (titolo dell'omonimo romanzo…
  • Un intervento della polizia presso la stazione centrale di Berlino (Hauptbahnhof) sta attualmente causando gravi disagi. Il traffico dei treni suburbani (S-Bahn) è stato interrotto tra le fermate di Friedrichstraße e Zoologischer Garten. Disponibile traffico pendolare per le linee S-Bahn a est di Friedrichstraße e a ovest di Zoologischer Garten.…
  • In questo weekend chi si sposterà a Berlino con i mezzi pubblici dovrà fare i conti con alcune interruzioni dovute a lavori di ammodernamento: le linee interessate sono nello specifico la S5, la S7 e la S75 per quanto riguarda la S-Bahn, la metropolitana di superficie, e la U1 per quanto concerne…
  • La linea U6 della metro di Berlino sarà interrotta causa lavori per le prossime due settimane. Lo comunica su Twitter la BVG, l'azienda che insieme alla Deutsche Bahn gestisce i trasporti pubblici cittadini. La U-Bahn 6, che collega Alt-Tegel ad Alt-Mariendorf, è stata interrotta dalla giornata di ieri per consentire l'installazione di nuovi binari di scambio…
  • Come già annunciato nelle scorse settimane dalla Deutsche Bahn e riportato dal Berliner Morgenpost, il servizio S-Bahn di Berlino subirà ancora limitazioni causa lavori. Dopo le interruzioni al tratto occidentale delle tre linee che tagliano la capitale da ovest a est, la S5, la S7 e la S75, ora sarà la volta del segmento orientale, quello…

Francesco Somigli

Autore freelance, narratore di storie e ideatore del progetto Ohneort in cui esplora e racconta la rete metropolitana di Berlino. Collabora con Berlino Explorer con tour guidati alla scoperta della capitale tedesca.

2 Responses to “Zoologischer Garten, la stazione simbolo di Berlino Ovest”

  1. william

    dietro alla stazione c’è pure la fondazione helmut newton che merita veramente una visita

    Rispondi
  2. Zoologischer Garten, una stazione tante storie. - Berlino Explorer

    […] Articolo pubblicato nel Magazine online Cacio e Pepe. […]

    Rispondi

Leave a Reply