10 segni inequivocabili che il tedesco, per te, resterà sempre un mistero

Deutsche Sprache schwere Sprache, recita l’adagio. E sì, prima di accingerti allo studio del tedesco sapevi bene delle difficoltà cui andavi incontro. Ma tu ami le sfide, e non ti sei fatto di certo scoraggiare: “Quanto impossibile potrà mai essere? Sei mesi, massimo un anno di duro impegno e la lingua tedesca per me non avrà più segreti”, ti dicevi. Ti sei iscritto a innumerevoli corsi, hai scalato livelli, comprato libri e giornali, ascoltato con devozione la Deutsche Welle, abolito le tue frequentazioni italiane, molestato Tandempartner e passanti pur di esercitarti nella conversazione.

Ma, con tuo grande sbigottimento, sono passati un paio d’anni da quando ti sei trasferito e ancora ti arrabbatti con un tedesco che, seppur passabile, non si può certo definire fluente e impeccabile. Cominci così a sentirti un po’ stupido e a chiederti se, nel tuo cervello, ci sia un’area precisamente deputata a vanificare i tuoi sforzi e a cancellare le nozioni che costantemente tenti di mandare a memoria. Ma non preoccuparti, non sei da solo: abbiamo individuato 10 segni inequivocabili piuttosto comuni che, quando si manifestano, provano come il tedesco resterà sempre un mezzo mistero per molti. E comunque, anche se probabilmente non diventerai come un madrelingua, nessuno è mai morto di questo; e, anzi, non è il caso di servirsene come scusa: costanza, metodo e bravi insegnanti fanno raggiungere risultati più che soddisfacenti anche alla mente più refrattaria a questo idioma impervio.

Der, die o das?

È una delle prime cose che studi a scuola e, tutto sommato, impararne la declinazione non è poi così difficile. La vera impresa impossibile, però, è sapere quando usare il maschile, il femminile o il neutro: è vero, ci sono alcune regolarità che consentono di capire che genere abbia un sostantivo, ma esistono pure tante eccezioni. E poi, avete visto quanti termini possiede la lingua tedesca? Così, restano solo tre possibili soluzioni: a) Rinunciare completamente all’articolo (tanti immigrati berlinesi hanno optato per questa soluzione da decenni e campano benissimo); b) Tirare a indovinare sul genere c) Farfugliare a bassa voce, sperando di ingannare l’interlocutore. Non si può andare troppo fieri di nessuna delle tre.

sddefault
Photo © Youtube

Declinare correttamente l’aggettivo: forse in un’altra vita?

L’aggettivo, in tedesco, si declina in base a genere, numero e caso. Come se ciò non bastasse, esistono tre diverse forme di declinazione, a seconda del termine che lo precede (articolo determinativo, indeterminativo, nessun termine). Questa combinazione crea un noioso specchietto da mandare a memoria, incubo di tutti gli studenti. I più volenterosi lo imparano abbastanza in fretta e riescono anche ad applicarlo correttamente quando scrivono, evitando errori. Ma la vera prova del nove è, come spesso accade, il parlato: bisogna riuscire a coordinare articolo (o dimostrativo), aggettivo e sostantivo e, prima ancora, stabilire il genere del sostantivo, operazione da cui tutta l’impresa dipende. Il tutto mentre si cerca di architettare la struttura generale della frase. Mal di testa? Kein Problem, le tre soluzioni vagheggiate sopra restano sempre valide…

alt_jung_Adjektive_Deutsch_deutschlernerblog
Photo © Deutschlernerblog.de

Il verbo alla fine nelle subordinate.

In tedesco l’infinito e il participio passato vanno alla fine nelle frasi principali, mentre nelle subordinate ci va anche il verbo all’indicativo. La situazione si fa ancora più simpatica quando, nella Nebensatz, ci sono un verbo modale e un infinito o, peggio ancora, un verbo modale composto con la conseguente, famigerata regola del doppio infinito. Anche qui, con molta applicazione, si può studiare la regola e applicarla correttamente quando si scrive (rapidamente: diciamo in un quarto d’ora-venti minuti). Ok, ma quando si è nel bel mezzo di un discorso? Fai entrare a gamba tesa la cara, vecchia struttura sintattica italiana e pensi: “Sticazzi, suonerò sgrammaticato ma mi capiranno lo stesso”.

position-of-the-german-verb-verbposition-9-638
Photo © slideshare.net

La lotteria preposizioni.

Di luogo, di tempo, di causa, di mezzo, di scopo, avversative: le preposizioni tedesche sono infinite, possono reggere uno o più casi ed esprimere miriadi di sfumature diverse. E, come se non bastasse, presentano innumerevoli eccezioni. Hai presente auf? Bene, di base significa “su”, quando c’è contatto con la superficie sottostante (altrimenti useresti über, chiaro). E an, invece, indica prossimità: “Sara ist am Fenster”, Sarà è alla finestra. Ma allora perché “sono alla posta” si dice “ich bin auf der Post”? Meglio non interrogarsi oltre.

o3t2y3
Stanotte ho fatto brutti sogni. E che hai sognato? Le preposizioni tedesche” Photo © memegen

Film e canzoni in tedesco.

A scuola ti hanno detto che guardare film e serie e ascoltare canzoni in tedesco è un ottimo esercizio. Che, se possibile, è meglio farlo senza sottotitoli, perché così si allena l’orecchio. Tutto vero. Però più volte, in classe, vengono proposti classici del rock e del pop tedesco, dai Rammstein agli Ärzte (effettivamente più abbordabili anche per uno studente di livello intermedio), fino a Bushido, uno dei rapper più famosi di Germania. Heavy metal, punk, rap: ma un bel cantautore che scandisca tutto per filo e per segno senza urlare, senza gergo, senza schitarrate che coprono tutto, proprio non è pensabile? Lo ammettiamo senza problemi: durante questi ascolti abbiamo barato coi sottotitoli ogni volta che abbiamo potuto.

maxresdefault
Nella foto: il rapper Bushido © YouTube

Wie bitte?

Restando sempre sul versante comprensione orale: ti eserciti tanto con radio, CD del tuo manuale, serie tv, telegiornali. Ma quando poi ti rivolgono la parola sul bus per chiederti banalmente permesso, o in un caffè per sapere se vuoi un’altra spremuta di limone e zenzero, vai nel panico e ti ritrovi sempre a chiedere deferente: “Wie bitte?” facendoti la frase non una, non due, ma ben tre volte di seguito. Se non ti si è formato un tappo di cerume, l’unica altra spiegazione plausibile è che il tuo apparato uditivo non è tarato per sintonizzarsi sulle frequenza teutoniche.

aqwj65
Photo © memegen.de

Colloqui di lavoro.

Beati i tempi in cui ti disperavi per esami universitari in fondo più che abbordabili e, soprattutto, sostenuti nella tua madrelingua. Ora ti ritrovi a lottare su un mercato ipercompetitivo, sei teso di fronte a recruiter esigenti e devi mettere in piedi una narrazione che venda al meglio tutte le tue capacità. E tutto questo in tedesco. Alla fine esci dal colloquio stravolto, che non sai bene cosa hai detto né se hai buone chance di essere scelto, ma già sei orgoglioso di esserne uscito vivo.

Rückfragen-Vorstellungsgespräch-Tipps-Fragen
Photo © Karrierebibel

La burocrazia.

AnmeldungKrankenkasse, tasse, caterve di garanzie per implorare un monolocale da 20 metri quadrati: la burocrazia tedesca è minuziosa e implacabile, il lessico tecnico simpatico come una mononucleosi, gli impiegati (non sempre: alcuni, per esperienza, sono simpatici e disponibilissimi) frustrati da anni di grigiore kafkiano. Giorni di lungimirante preparazione all’appuntamento in ufficio potrebbero non salvarti dal cavillo che avevi dimenticato o frainteso, e che ti costringerà a una levataccia inutile. Oltre che a copiosi improperi, rigorosamente nel tuo dialetto di origine.

grafeiokratia
Photo © euklidnetwork

Lo slang.

La cosiddetta Umgangssprache è la lingua parlata, lo slang, quello che non impari quasi mai sui banchi di scuola e sui libri. Quando lo acquisisci ti fa sentire cool e vorresti inserirlo dappertutto, chiamando Kumpel anche il Presidente della Repubblica Federale e usando Redewendungen Sprichwörter a sproposito. Ma il gergo è vasto, cangiante e legato ai dialetti regionali. Così c’è sempre qualche espressione che non avevi sentito, che fraintenderai all’interno della conversazione e che causerà un equivoco penoso. Succederà, matematico.

Tomaten_auf_den_Augen_deutschlernerblog
Photo © deutschlernenblog.de

L’incubo telefonate.

Ricordi quello spot con Massimo Lopez, “una telefonata allunga la vita?”. Bene, ce ne sono anche alcune che te la accorciano: quelle in tedesco. Operazioni semplici come ordinare un burger a domicilio o prenotare un tavolo in pizzeria possono rivelarsi complicatissime se non c’è l’ausilio del labiale e del contesto. Così anche qui, nonostante tu abbia preparato meticolosamente la telefonata, la prima risposta inaspettata dall’altro capo della cornetta, pronunciata a velocità supersonica, ti costringerà a proferire un “Ja, natürlich”, anche se non hai la minima idea di cosa si stia parlando. Ed è un attimo a ritrovarti nel panino l’odiatissimo coriandolo.

telecom_telefonata

Photo © YouTube

Foto di copertina © Study in De

banner3okok (1)

 

Related Posts

  • 44
    Quasi tutti coloro che si sono avvicinati allo studio della lingua tedesca sono stati sfiorati dal pensiero di aver fatto la scelta sbagliata. Non perché studiare il tedesco sia inutile o perché ci sia qualcosa di male nell’appassionarsi alle lingue germaniche, ma perché lo sforzo che questa lingua richiede per esser…
    Tags: in, tedesco, per, non, si, è, come
  • 43
    Gli italiani sono molto orgogliosi delle loro tradizioni, sostengono che non cambierebbero mai le loro abitudini e sono molto critici su quelle dei tedeschi. Ma cosa succede quando un'italiana va a vivere con un tedesco? Una mattina di qualche mese fa ho invitato mio padre a fare colazione in un bar-panetteria…
    Tags: non, in, è, per, ti, si, quando, tedesco, se
  • 41
    Anmeldung, nove lettere che terrorizzano gli abitanti di Berlino o aspiranti tali, non si tratta di un gruppo di estremisti o di un nuovo virus mortale, ma semplicemente di una pratica burocratica e masochistica a cui sottoporsi obbligatoriamente quando ci si trasferisce in città e ogni maledetta volta che si…
    Tags: in, è, per, non, se, si, tedesco, come, più, quando
  • 40
    Le opportunità lavorative offerte da Berlino sono tanto maggiori quanto più il candidato è qualificato. La conoscenza del tedesco è una competenza fondamentale per trovare impiego. Le contenute spese logistiche ed operative per le imprese e il basso costo della vita sono le ragioni per cui il panorama lavorativo della…
    Tags: è, per, in, si, tedesco, non, più
  • 40
    Ammetto che ho sempre detestato coloro che “scroccano” la lettura del giornale in metropolitana, quelli che impunemente allungano lo sguardo sul mio quotidiano e che per costoro ho sempre sperato esista un’esemplare e diabolica punizione infernale per cui, per contrappasso, saranno costretti a non poter più leggere notizie per l’eternità.…
    Tags: per, non, in, tedesco, più, si, sempre

2 Responses to “10 segni inequivocabili che il tedesco, per te, resterà sempre un mistero”

  1. Paolo

    Troppo azzeccato e divertente questo articolo! purtroppo il percorso dell’apprendimento del tedesco è molto altalenante ed è quanto mai fatto di alti e bassi.. può benissimo capitare, parlo per vissuto personale, di uscire trionfanti dal Büro x, euforici per essere riusciti a sostenere una complicata conversazione sulle modalità di svolgimento e registrazione di un esame universitario, orgogliosi di sé per aver capito tutto quello che il professore diceva e per aver risposto a tono piazzando ogni Sie ed Ihnen al posto giusto e declinando alla perfezione persino le preposizioni col genitivo.. e cinque minuti dopo, quando ormai scende l’adrenalina e ci si rilassa stile passeggiata con cuffie nelle orecchie e sigaretta appesa alla bocca, essere fermati da un passante per una banale indicazione stradale e rimanere a bocca spalancata tipo pesce palla per 10 secondi di disperato tentativo di ricordare tutte le espressioni relative alle indicazioni stradali, prima di biascicare un penoso “tut mir leid ich bin nicht von hier” con sguardo sbigottito dell’amico tedesco di turno che assiste alla scena e sa benissimo che il posto in questione è facilissimo da raggiungere e che sappiamo benissimo dov’è visto che ci passiamo davanti ogni giorno.. per non parlare del panico di ricevere telefonate impreviste quando si sta pensando ad altro e impappinarsi perfino nel raccontare all’interlocutore cosa abbiamo fatto oggi.. però l’importante secondo me come in tutto è sapersi accettare e stimare, gioire dei progressi quotidiani e non fare un dramma se ci capita di fare errori anche banali o scene mute perché siamo stanchi o stiamo pensando ad altro, alla fine sono situazioni che capitano a tutti, anche alle persone madrelingua (a chi non è successo di fare una gaffe o un lapsus in italiano con conseguenti risate o silenzi imbarazzanti?)

    Rispondi
  2. Andrea

    Mi ci voleva proprio quest’articolo ragazzi. Ogni tanto pensi che sia una battaglia persa in partenza, nonostante tutta la grinta, la motivazione e la tenacia, ma mi avete ricordato che queste difficoltà non capitano solo a me.
    Perseveriamo…!

    Rispondi

Leave a Reply