Julie’s Haircut, il rock progressive italiano sbarca a Berlino

Sono poche le band italiane contemporanee capaci di essere riconosciute, seppur come fenomeno di nicchia, a livello internazionale. Ci sono riusciti in più di vent’anni di attività (il loro primo concerto risale al 1994) i Julie’s Haircut, esponenti di spicco della scena rock progressive e psichedelico che al loro attivo, oltre a sei album possono vantare prestigiose collaborazioni con artisti del calibro Sonic Bom degli Spacemen 3 e Damo Suzuki dei Can.

È questa la ragione per cui il loro tour europeo conta ben sei date in luoghi non certo “pieni di italiani”. Si comincia mercoledì 14 a Kreuzlingen in Svizzera, si continua il giorno dopo a Berlino, poi Chemnitz, Francoforte, Gent (Belgio) e Lussemburgo. La data nella capitale tedesca è prevista al Monarch alle 20.00 di giovedì. Il biglietto costa 8 euro ed è acquistabile o alla cassa o attraverso il Koka36 (sia online che nel negozio di Oraninestrasse). Il loro ultimo disco si intitola Ashram Equinox e nella sua versione deluxe ha anche uno speciale omaggio alla Germania: una delle canzoni si intitola Karlsruhe. “La realizzazione di un nuovo album per noi è sempre un viaggio che dura mesi, a volte anni, e in cui si naviga a vista per la maggior parte del tempo. Ci piace lasciare che le contingenze e gli imprevisti ci guidino in luoghi inesplorati, piuttosto che avere un’idea precisa in ogni dettaglio di ciò che vogliamo ottenere. Sapere che sia entrato prepotentemente a fare da colonna sonora alla vita di tanti che ci hanno scritto per condividere il loro entusiasmo ci fa enorme piacere” ha raccontato Luca Giovanardi in un’intervista al Fatto Quotidiano conclusasi con la loro top9 delle canzoni preferite della band: “Search and Destroy degli Iggy and the Stooges, The Night Was So Young dei The Beach Boys, Planet Caravan dei Black Sabbath, Mind Games di John Lennon, Cheree dei Suicide, Out On the Weekend di Neil Young, Sad Song di Lou Reed , Riders On The Storm dei The Doors e Shine a Light dei Rolling Stones.

Julie’s Haircut

giovedì 15 gennaio

ore 20.00 presso il Monarch

Skalitzer Straße 134,

10999 Berlino

acquista i biglietti qui 

Evento Facebook

Berlino Cacio e Pepe Magazine regala una coppia di biglietti per il concerto di Berlino. Per vincerla dovete:

1-scrivere qui in calce all’articolo Partecipo al concorso

2-entro 3 minuti dal commento mandare una mail a berlinocacioepepe at gmail.com con oggetto Julie’s Haircut e la risposta alla domanda: “Quali sono i due anni in cui sono stati dipinti i murales che oggi caratterizzano la East SIde Gallery? A parità fi risposte esatte, vincerà chi avrà lasciato il primo commento

 

Related Posts

  • Arrivano i Calibro 35 a Berlino. Il 23 ottobre, al Privat Club di Skalitzer Straße la band crime funk nata nel 2007 si esibirà in una data attesissima del nuovo tour europeo. Formatosi nel 2007 da un'idea del produttore Tommaso Colliva, i Calibro 35 hanno dato vita ad un progetto musicale…
  • Sono italiane e in particolare pisane le due band che si esibiranno giovedì prossimo, 28 agosto, all’Hangar 49 di Berlino, a due passi dal complesso dell’Holzmarkt 25, dove da poco ha aperto l’erede del Kater Holzig (di cui abbiamo parlato qui). Le due band, ovvero La Fortuna di Nashira e…
  • È sempre un'emozione andare ad un concerto, eppure può succedere di non potere godere al massimo dell'esperienza quando qualcuno che hai intorno in qualche modo rovina l'atmosfera. Chi? Ecco quindi la lista dei 10 tipi di persone che possono rovinarvi un concerto 10  – Lo spilungone Pensate di aver preso un…
  • Che vita di merda Ma che cosa c'entra il bon ton? Ho riso per forza ho rischiato di dormirti addosso Str****, tanti auguri ma non ti conosco È questo il ritornello di Alfonso, ad oggi la canzone più famosa di Levante, cantautrice ventisettenne siciliana (ma da anni a Torino) che…
  • Il nome di questo mese, “marzo”, deriva dal dio romano Marte, dio della guerra, poiché era il periodo in cui in genere iniziavano le guerre. Non c’è stata guerra, o impresa militare, di qualsiasi nazione, che non abbia visto fiorire, fra i lutti e le macerie, i suoi canti militari…

4 Responses to “Julie’s Haircut, il rock progressive italiano sbarca a Berlino”

  1. cesare zomparelli

    Partecipo al concorso

    Rispondi
  2. Teresa

    Partecipo al concorso

    Rispondi
  3. Lorenzo

    partecipo al concorso

    Rispondi
  4. Daniele

    Partecipo al concorso

    Rispondi

Leave a Reply