Terremoto nel Centro Italia. Stampa tedesca: «Tragedia da non gestire come L’Aquila»

Terremoto nel centro Italia. La notizia occupa le home page di tutti i principali quotidiani tedeschi. Per il momento l’attenzione è rivolta alla cronaca: cosa e dove è successo, l’intensità della scossa (magnitudo 6.0), il numero dei morti, dei feriti e le reazioni del governo italiano (Renzi e i suoi tweet), ma si comincia a citare anche il sisma dell’Aquila del 2009, non solo per la vicinanza temporale e geografica, ma anche come esempio di cattiva gestione della ricostruzione. Bettina Gabbe, corrispondete della Welt da Roma, lo accenna in un collegamento visibile a questo indirizzo: «Parte del centro storico di L’Aquila è tuttora distrutto. Anche se il piano di ricostruzione è stato messo a punto rapidamente, ancora oggi molti abitanti vivono da sfollati nelle cosiddette “new towns”, ovvero piccoli centri con abitazioni provvisorie costruiti fuori dalla città, su spiazzi e prati. Queste case provvisorie avrebbero dovuto ospitare gli sfollati per 5 anni, ma il problema non è stato ancora risolto. Quindi per quanto riguarda il terremoto di questa mattina, possiamo già prevedere che nelle cittadine il cui centro è andato completamente distrutto, come nel caso dell’Aquila, non si potrà ricostruire tutto nel giro di pochi anni».

©Welt
©Welt

Anche altri media tedeschi citano il confronto con il sisma dell’Aquila del 2009, rifacendosi alla dichiarazione del capo della protezione civile italiana Fabrizio Curcio, secondo cui il terremoto che questa mattina ha scosso il Centro Italia, in particolare la zona del rietino e i comuni di Accumoli e Amatrice, sarebbe di valore paragonabile. Deutsche Welle riporta l’ingente numero di vittime (300) del terremoto dell’Aquila motivandolo con il fatto che l’epicentro di allora si trovava proprio all’altezza della città di 10.000 abitanti: il terremoto di oggi potrebbe rivelarsi meno fatale di quello del 2009, perché la zona colpita non è così densamente popolata. Nei media tedeschi L’Aquila funziona anche come punto di riferimento per collocare geograficamente la tragedia verificatisi questa mattina: Sueddeutsche Zeitung, Spiegel Online e molte altre testate tedesche citano la vicinanza dell’epicentro all’Aquila, Roma, Assisi, Perugia e alla costa adriatica.

Related Posts

  • Benevento, la mia città, è un piccolo capoluogo della Campania. Una cittadina di provincia e, come tale, uno specchio piuttosto attendibile del Paese. Ieri un suo "cittadino", dopo il terremoto che ha devastato il centro Italia, ha pensato bene di dire la sua con questo post su Facebook: Di status…
  • La Germania contribuisce alla ricostruzione di Amatrice. Il 1 agosto 2017 è stata posta la base contrattuale per la ricostruzione dell'ospedale della città. A quasi un anno dal terremoto che distrusse Amatrice, la Germania firma un accordo per contribuire alla ricostruzione della città. Il contributo ammonta a 6 milioni di…
  • «Gli edifici non sono persone. È una benedizione che il terremoto che ha scosso il centro Italia non abbia fatto vittime. Eppure non posso fare a meno di piangere la basilica di San Benedetto a Norcia. Vedere distrutta una costruzione così bella e antica è un dolore lancinante». Comincia così l'editoriale…
  • Sabato 29 ottobre, a poco più di due mesi dal terremoto che ha distrutto Amatrice, Accumoli e altri centri del reatino e della valle del Tronto, a Berlino arriva un'iniziativa di solidarietà: il ristorante The Winery, a Frankfurter Tor, offre la possibilità di sostenere chi improvvisamente si è ritrovato senza affetti, senza…
  • Abbiamo chiesto a redattori e collaboratori di Berlino Cacio e Pepe Magazine le ragioni per cui si potrebbe pensare di lasciare Berlino (e l’estero in generale) per ritornare in Italia. Tutti vivono o hanno vissuto in Germania o a Londra: sono studenti e giovani lavorati, che alla domanda “per quale…

Gloria Reményi

Italiana per parte di mamma, ungherese per parte di papà, mi piace definirmi 50/50 a tutti gli effetti. Il mio anno di nascita – il 1989 – ha probabilmente deciso il mio destino berlinese. Mi sono trasferita a Berlino nel 2012 per conseguire la laurea magistrale in "Culture dell'Europa centrale e orientale" e ci sono rimasta. Amo la letteratura, da accanita lettrice e aspirante scrittrice.

One Response to “Terremoto nel Centro Italia. Stampa tedesca: «Tragedia da non gestire come L’Aquila»”

  1. Bertelli Claudio

    Purtroppo siamo i migliori al mondo nei primi momenti di disperazione. Poi quando la tragedia inizia a non interessare piu´i media arrivanio gli avvoltoi della ricostruzione. Vedi Belice, Irpinia e l`Aquila.

    Rispondi

Leave a Reply