Le 9 cose che ti mancano di Berlino quando non sei a Berlino

di Monica Manzoni*

Può capitare che, dopo aver vissuto a Berlino per un po’, dobbiate allontanarvene per qualche tempo. Può capitare specialmente se siete freelance e a un certo punto vi ritrovate ad avere più scarpe che piedi. Può capitare se avete una relazione a distanza.

Quando sarete lontani ci saranno alcune cose che vi mancheranno. Ecco la lista delle mie. Personalmente sono sempre stata appassionata di liste, ma da quando vanno di moda sul web sono un po’ indispettita. Così ho voluto sfuggire all’obbligo di stilare i canonici 10 punti. E ne ho scritti 9.

1. L’odore della metro. Difficile da descrivere, ma inconfondibile. Né piacevole, né spiacevole. Le vostre narici lo registrano senza che ve ne rendiate conto. Alla vostra prima assenza nemmeno ci pensate, poi ritornate, lo ritrovate e vi si apre un mondo. L’odore della metro diventa l’odore “che fa Berlino” e se non lo sentite vi manca. Almeno, a me è successo così.

2. I mezzi pubblici che nel week end funzionano 24 ore su 24. C’è bisogno di aggiungere altro?

3. Il gusto del mango. No, non mi riferisco al mercato berlinese della frutta esotica, ma prendo in prestito un’espressione di Adam Fletcher – inglese autore di bestseller come How to be German o Denglish for Better Knowers. All’inizio del suo ultimo successo, Make Me German, Adam spiega alla perfezione perché il primo periodo vissuto all’estero è solitamente così esaltante: in una città straniera non siamo più uno tra tanti. Siamo diversi. Speciali. Interessanti. Esotici. Come un mango fresco.

4. La “modalità aereo” sui mezzi pubblici. Non importa quanto possiate sapere bene il tedesco. Per il vostro cervello sarà sempre relativamente facile “staccare la spina” quando siete sulla S-Bahn o sull’U-Bahn e non avete voglia di sentire le chiacchiere dei vostri vicini, bensì solo di concentrarvi sul vostro libro o i vostri pensieri. Sarete presenti, ma assenti. “Accesi”, ma non “ricettivi”, come un cellulare in modalità aereo, appunto. In patria, ahimè, questo è impossibile. Vi arriveranno sempre frammenti di conversazioni non richieste, purtroppo spesso a volume troppo alto.

5. I prezzi per mangiare fuori o andare a bere qualcosa. Dovunque andiate, in Italia vi sembra tutto più caro (e il portafogli soffre). Dato di fatto o impressione condizionata dai luoghi comuni? Sia come sia, se non ordinate da bere a pranzo sembrerete un marziano, mentre a Berlino accade esattamente il contrario.

6. Il tempo. Sì, proprio nel senso di tempo atmosferico. Se a Berlino c’è un tempo infame, alzate le spalle, del resto ve lo eravate immaginato. Se invece è bel tempo… ottimo! Insomma, in Germania avete un win-win: o il tempo vi riconferma nelle vostre aspettative (e a chi non piace avere ragione?), o vi sorprende piacevolmente. Toll!

7. I WG Party. Sorta di bolle spazio-temporali che vi permettono di sentirvi eternamente ventenni ma mai ridicoli, i WG Party sono un affascinante condensato dell’essenza festaiola ma rilassata e non pretenziosa di Berlino. Una bottiglia di vino come lasciapassare – e il bello è che basta pure quello del Netto da 2 euro, l’importante non è cosa portate, ma l’atteggiamento con cui arrivate – e siete pronti a lanciarvi in nuove appassionanti conoscenze, dai 18 ai 35 anni. Cioè, dai 20 ai 20 anni, dicevamo.

8. La torre della tv di Alexanderplatz. Non vederla più sbucare da ogni angolo e occupare ogni punto cardinale è semplicemente destabilizzante. È come le (rarissime) volte in cui siete a Berlino e non la vedete e vi prende il panico: “Ma dove sono finito? Oddio, non sono più a Berlino?” Eh, già.

9. Il doch. Si può discutere quanto si vuole della lingua italiana e della lingua tedesca, dei rispettivi pregi e difetti, ma una cosa a mio parere è innegabile: l’oggettiva utilità del doch. Ci vuole parecchia pratica perché il doch diventi naturale, ma quando finalmente il miracolo si compie, non si torna più indietro. “Non hai mandato quella mail al cliente?” vi rimprovererà un giorno il vostro capo italiano. Vorrete rispondergli, calmi e sicuri di voi: “Doch!” E invece vi usciranno prima un “sì” e un “no” smozzicati e poi una contorta frase esplicativa che il vostro capo non sentirà mai, perché avrà già smesso di darvi attenzione da almeno 30 secondi, certo della vostra inefficienza. Così, senza il doch non avrete mai una promozione.

Ci saranno anche delle cose di Berlino che non vi mancheranno, quando sarete lontani. Almeno così si dice. Ne riparliamo però quando mi sarà un po’ passata l’Heimweh (nostalgia)

*Monica Manzoni: Autrice, editor e traduttrice, vive a Berlino dall’inizio del 2014 e si divide tra la Germania e l’Italia, per lavoro e per amore. Cerca di fare piani a lungo termine, ma per ora procrastina splendidamente. 

Photo © Konsalik CC BY SA 2.0

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

7 Responses to “Le 9 cose che ti mancano di Berlino quando non sei a Berlino”

  1. Striped Cat

    il punto 9. non è berlin-specific, ma aggiungerei anche “eben” e “mal” (il prezzemolo visto che va dappertutto)

    Rispondi
    • ale

      Esatti sì, ma non proprio calzanti per i giovani diciamo un po’ più “maturi” (magari pure+ piccola prole) …che magari bazzicano più i rilassanti quartieri della parte West. …sicuramente i punti 7~8 li cambierei con…: il traffico!! (Genericamente diciamo ma quando si viene da una grande città caotica come Roma, vedere così poche auto e pure silenziose è. ..commovente), e pure i backerei -cafè mattutini, e le piazze e panchine in cui praticamente tutti leggono o parlano sottovoce o dormono. …ai voglia. ..

      Rispondi
  2. Striped Cat

    e infatti adoro prendere i mezzi pubblici qui in Germania, e non sentire tutte quelle conversazioni gridate del mio autobus romano di un tempo. inoltre, nonostante gli smartphone, ci sono piu’ lettori di libri.

    Rispondi
  3. Striped Cat

    da un punto di vista sonoro mi sento veramente a Berlino quando sento la pronuncia di “Platz der Luftbruecke” e quando percepisco il lieve arrancare della metro in approccio alla stazione spaziale Mir-ISS-Gleisdreieck….

    Rispondi
  4. Giulia

    GRAZIE. Tutti che mi danno della matta, quando dico che AMO l’odore della metro di Berlino. Sono dipendente da quel mix meraviglioso di caffé, Backwerk, Le Crobag e baguette 🙂

    Rispondi
  5. jagilu

    Siete mai stati a Toronto??? Sostituite la CN tower con la torre della tv di Alexanderplatz e otterrete la stessa lista!

    Rispondi
  6. valeria

    A me mancano i tramonti. Quelli che ammiravo da Monbijoupark, con il Duomo sullo sfondo e la Sprea che scorre lenta.

    Rispondi

Leave a Reply