A Berlino c’è una scuola senza voti né orari. E i risultati sono straordinari

«Nessuno ha ancora spiegato perché i bambini, al di fuori della scuola, sono pieni di domande e mostrano invece la più totale assenza di curiosità riguardo alle materie studiate in classe». Lo scriveva nel 1916 John Dewey, uno dei più importanti filosofi e pedagogisti americani, in Democracy and Education. E, nonostante da allora sia passato esattamente un secolo, la risposta a quella domanda resta ancora in gran parte inevasa. Cambia il mondo, cambiano i mezzi di comunicazione e le esigenze del mercato del lavoro, eppure la realtà della scuola resta sostanzialmente immutata: una dimensione in cui gli studenti si annoiano mortalmente, stretti in una morsa fatta di disciplinamento all’obbedienza, formalismo e materie percepite come inutili o scollate dalla realtà. Nessuna meraviglia, dunque, se i bambini arrivano tra i banchi pieni di passione per poi abbandonarli quasi sempre svogliati, incerti sulle loro inclinazioni, privi di senso critico e spirito di iniziativa.

Una scuola senza voti né orari. Per ovviare al drammatico fallimento dell’istruzione tradizionale, una scuola di Berlino sta provando a rivoluzionare i metodi di insegnamento classici: alla Evangelische Schule Berlin Zentrum (ESBZ) non esistono voti fino ai 15 anni e non ci sono lezioni frontali né orari rigidi. Fatta eccezione per alcune materie obbligatorie (matematica, tedesco, inglese e scienze sociali), sono gli studenti a decidere cosa studiare e quando sostenere gli esami. La scuola, recentemente oggetto di un reportage del The Guardian, si definisce «protestante, coraggiosa e cosmopolita»; tra le sue materie compaiono ad esempio “responsabilità” e “sfida”: per il corso di responsabilità, ragazzi tra i 12 e i 14 anni sono invitati a pianificare autonomamente un’avventura con un budget di 150 euro: c’è chi sceglie kayak, chi va a lavorare in una fattoria, chi a fare trekking in Inghilterra.

La filosofia della Evangelische Schule. Il mercato del lavoro richiede nuove intelligenze e professionalità, mentre internet sta trasformando il modo in cui i giovani acquisiscono ed elaborano informazioni. Per queste ragioni, la capacità più importante che una scuola può trasmettere ai suoi studenti è quella di automotivarsi, sviluppando fiducia in sé stessi, senso di responsabilità e desiderio di affrontare le sfide in autonomia. È questo il convincimento profondo di Margret Rasfeld, preside della ESBZ fresca di pensionamento e autentica istituzione della scuola. «Si pensi ai bambini di tre o quattro anni», spiega al Guardian: «Spesso non vedono l’ora di incominciare la scuola. Ma poi molti istituti, in qualche modo, riescono a distruggere la loro sicurezza, ed è frustrante. La missione di una scuola progressista come la ESBZ è di preparare gli studenti ad affrontare il cambiamento. Anzi, meglio: vogliamo renderli impazienti di andare incontro al cambiamento. Nel XXI secolo le scuole dovrebbero individuare il loro compito nella formazione di personalità forti».

Appassionarsi a ciò che si studia. Gli studenti della ESBZ sono stimolati a sviluppare un’intelligenza più flessibile e meno nozionistica, a studiare non tanto per la competizione e la ricompensa (da qui l’assenza di voti fino a 15 anni, un principio da sempre caldeggiato da intellettuali come Noam Chomsky) quanto per abituarsi alla riflessione e alla cooperazione. E soprattutto, sono spinti ad appassionarsi a ciò che studiano, a comprenderne il senso profondo e ad applicare concretamente le nozioni apprese: ad esempio, anziché sostenere un esame di matematica, devono programmare un videogame. Non mancano le analogie con il metodo Montessori e quello Steiner. Ma la ESBZ insiste maggiormente sull’importanza di un sistema di regole piuttosto severo: «Più sei lasciato libero, più hai bisogno di struttura», sintetizza la Rasfeld. Così ad esempio, gli studenti che fanno chiasso o disturbano durante la lezione devono andare a scuola anche il sabato.

Una scuola solidale ed ecologista. Tra le varie altre sfide poste al centro del progetto della ESBZ, ci sono quelle del multiculturalismo e di un approccio ecologista al mondo: «Vogliamo che ogni bambino sia percepito nella sua straordinarietà e irripetibilità», si legge nel manifesto della scuola. «Bambini con talenti di ogni tipo, con handicap e provenienti da culture diverse nella nostra scuola possono sentirsi accolti. Inoltre vogliamo che i nostri ragazzi sviluppino con gioia senso di responsabilità sociale e uno spirito ecologista, cosmopolita, improntato alla collaborazione e alla fiducia reciproca». L’obiettivo, insomma, è di insegnare agli studenti a stare insieme e a costruire una società solidale, ciò che viene descritto come «la più grande sfida del XXI secolo».

Un modello esportabile? L’impianto federale del sistema di istruzione tedesco, che lascia ampi margini di manovra ai 16 Länder, ha storicamente favorito il fiorire di molteplici modelli educativi sperimentali. Quello della ESBZ, così ambizioso, solleva però tra gli esperti due dubbi fondamentali: è in grado di formare studenti preparati nel senso classico del termine? Può essere esportato in contesti più difficili del centro benestante di Berlino?. Al momento, sembrerebbe di sì: molto dell’entusiasmo suscitato dalla filosofia della Evangelische Schule è dovuto proprio agli straordinari risultati che sta ottenendo. Anno dopo anno, i suoi studenti più grandi si rivelano tra i migliori di Berlino per media voto. E così dal 2007, anno della sua apertura, la scuola è passata da 16 a 500 iscritti, con liste di attesa sempre più lunghe e 40 scuole in Germania che si stanno organizzando per riprodurre il modello ESBZ. La Rasfeld, intanto, respinge al mittente l’idea che la sua sia una scuola per famiglie bene protestanti. Nonostante il crocifisso in classe e la preghiera mattutina, alla Evangelische Schule ci sono studenti con background molto differenti: come riporta The Guardian, solo un terzo degli alunni è battezzato, il 30% proviene da famiglie con un passato di migrazione e il 7% da contesti familiari in cui non si parla tedesco. Certo la ESBZ resta pur sempre una scuola privata con una retta da pagare. I costi, che oscillano tra i 720 e i 6.330 euro all’anno, sono però proporzionali al reddito. E circa il 5% degli studenti è completamente esentato.

Il cambiamento è sicuramente soltanto agli inizi e le sfide da vincere ancora tante: ad esempio, racconta la Rasfeld, trovare insegnanti che sappiano adattarsi ai nuovi metodi di insegnamento è molto più difficile che indurre gli alunni a farlo. Come sempre, di fronte alle novità epocali, gli adulti non possono che imparare dai bambini.

Foto di copertina © hdornak – CC0 Public Domain 

banner3okok (1)

Related Posts

  • «L'educazione deve essere gratis dall'asilo all'università». È questo il pensiero del membro del senato Berlinese del partito social-democratico Raed Saleh espresso durante un'intervista alla Berliner Zeitung. Il progetto prevede di abolire le rette del doposcuola per tutti i genitori degli alunni di scuola elementare a Berlino già dal 2018. «I contributi sono una tassa…
  • Mercato del lavoro flessibile e famiglie monoparentali sono due realtà sempre più frequenti, anche in Germania. Così Berlino ha pensato ad una soluzione per facilitare la vita a genitori single o con turni di lavoro diversi dagli orari di asilo tradizionali: si tratta del nuovo servizio, pensato dalla Senatsjugendverwaltung (l'amministrazione berlinese per la formazione e i…
  • La Germania, così come i Paesi scandinavi, ha sempre dato grande importanza al rapporto tra uomo e natura, alle escursioni all'aria aperta, alle passeggiate nei boschi (le cosiddette Wanderungen). Non c'è da stupirsi, dunque, che tale rapporto debba ricoprire un ruolo attivo anche nell'educazione dei bambini. È per questo motivo che sempre più…
  • For anyone who is not sure about his/her level of German, and for those who wish to check out Berlino Schule’s teaching methods, on the 27th March 2017 there will be a full day of free trial lessons at different times according to your level. The free lessons are thought…
  • Il 27 marzo 2017 si terrà una giornata di lezioni di prova gratuite per TUTTI i livelli in partenza aa aprile. Le lezioni si rivolgono a chiunque stia cercando un buon corso di tedesco a Berlino e voglia testare gli insegnanti e il metodo di insegnamento della Berlino Schule (ad…

Gianpaolo Pepe

Laureato in filosofia politica e giornalista pubblicista, i suoi interessi spaziano da Hegel alle pagelle ignoranti di Calciatori Brutti. Dal 2014 coltiva un'insana passione per la cultura e la lingua tedesche, ancora non del tutto ricambiato.

5 Responses to “A Berlino c’è una scuola senza voti né orari. E i risultati sono straordinari”

  1. cristiano corsini

    Ottimo spunto di riflessione! A dispetto del titolo in questa scuola berlinese gli orari sono flessibili, non assenti. E se non ci sono voti ci saranno valutazioni. Lo stesso Dewey spiegava come per insegnare in scuole simili fossero necessari/e insegnanti molto più competenti rispetto a quelli/e tradizionali. Non è una scuola del tutto innovativa, dunque, fa anzi tesoro di una ricca e robusta storia pedagogica, ma da noi le difese della lezione frontale come unico modello di trasmissione del sapere, dei voti come premi e delle discipline come fini in sé trovano da sempre facili sponde nelle istituzioni, nell’opinione pubblica, in chi insegna e nei sindacati. Perché lamentarsi della scuola non costa nulla, ma per ripensare la pratica educativa e riallinearla alla teoria pedagogica è necessario da un lato mettersi in discussione, dall’altro investire in istruzione. Molto meglio lagnarsi vagheggiando di improbabili età dell’oro e di presunti migliori licei del mondo.

    Rispondi
  2. paolo pi

    Nelle scuole i bambini mostrano totale assenza di curiosità?
    Al tempo di Dewey forse. Per descrivere un assunto si presenta una realtà fittizia e inconsistente dandola per assodata tanto per far emergere un opposto tutto da valutare.
    Sì, vero Cristiano Corsini, si richiedono insegnanti competenti e spesso anche i “tradizionali” lo sono. Occorre anche precisare che nella scuola sperimentale di Dewey c’era un rapporto di 4 o 5 studenti per insegnante.

    Rispondi
  3. Luigi

    Diciamo che siamo molto bravi a demotivare gli alunni attuali. Il tradizionale, sacrosanto, immarcescibile metodo di studio delle tabelline, solo per fare un esempio, garantisce, indifferente a Montessori, Dewey, Wigotskji, Lodi e tutti gli altri, 6 mesi di afflizione di bambini e genitori. C’è chi, nel 2016, fa i campionati delle tabelline con tanto di coppe per i più bravi..

    Rispondi
  4. Anth

    Vorrei solo dire che leggendo le informazioni sul sito della scuola, queste non combaciano molto con quanto sta scritto nell’articolo

    Rispondi

Leave a Reply