A Berlino ci si chiede se i nostri connazionali espatriati siano felici anche se precari

cervelli in fuga

L’Italia in movimento: a Berlino un dibattito sui temi della mobilità europea fra opportunità, precarietà e auto-realizzazione.

Il Bel Paese è stato, fin dagli anni Settanta, territorio di emigrazione e immigrazione. Oggi, quei racconti sull’America e l’Australia che i nostri zii e nonni ci raccontavano da piccoli, non sembrano poi così tanto lontani: giovani senza punti di riferimento che vogliono soddisfare i loro sogni oltre i confini italiani.

Qual è quindi il volto dell’Italia migrante? Come si è trasformata la mobilità italiana e degli italiani? Quali sono le opportunità che si aprono a questi nuovi “nomadi” in un contesto europeo e che ruolo ha e può avere in questi movimenti la concezione di una propria “identità europea”?

© Facebook Evento/Isituto Italiano di Cultura

La mobilità è una grande risorsa, ma qual è la sua importanza per la società moderna?

Se questo tema vi sta particolarmente a cuore, o semplicemente se volete prendere parte a un dibattito insieme a tanti ospiti tra cui Delfina Licata, curatrice del rapporto Italiani nel Mondo della Fondazione Migrantes, Luciana Degano Kieser, psichiatra ed esperta di salute pubblica, Presidente della Associazione Salutare e.V. e Edith Pichler, Politologa dell’Università di Potsdam, Istituto di Scienze Sociali e membro del Rat für Migration, Degano e Pichler, membri della Presidenza del Comites Berlino, l’organismo di rappresentanza di tutti i connazionali residenti nella Circoscrizione di Berlino, vi invitiamo giovedì 15 giugno a partecipare a questa conferenza che sarà in lingua italiana e la moderazione a cura di Andrea Dernbach, Der Tagesspiegel. 

L’Italia in movimento – Tavola rotonda

giovedì 15 giugno dalle ore 19:00 alle 21:00.

Istituto Italiano di Cultura a Berlino,

Hildebrandstrasse 2, 10785.

Ingresso gratuito

Evento Facebook

Banner Scuola Schule

SEGUI TUTTE LE NEWS SU BERLINO, SEGUI BERLINO MAGAZINE SU FACEBOOK

Foto di copertina: Miniature businessman on map of Europe, slon_dot_picsCC0.

 

Related Posts

  • Toni Servillo, Dacia Maraini, Claudio Magris: sono solo alcuni dei nomi eccezionali che l'Istituto Italiano di Cultura di Berlino ha presentato come ospiti del programma del 2017, un programma ricchissimo che spazia tra arte, letteratura, filosofia, cinema, fino ad arrivare alla cucina italiana. Giovedì scorso in Istituto il direttore Luigi Reitani ci ha dato la possibilità…
  • di Antonello Masala --- Sogno il mio paese, infine, dignitoso ed un fiume con i pesci vivi a un'ora dalla casa, per non sognare la Nuovissima Zelanda e fuggire via da te Brianza velenosa Una giornata uggiosa - L.Battisti Un incontro in lingua italiana, abilmente moderato e tradotto per il pubblico…
  • «Berlino è una città estremamente attraente per i giovani, soprattutto per la grande sensazione di libertà che trasmette. Il ruolo dell'Istituto italiano di cultura deve essere sicuramente quello di diventare un punto di riferimento per loro, ma non deve essere lo spunto per una ghettizzazione. Non voglio che si trasformi…
  • Per la prima volta nella cornice suggestiva del cortile dell'Ambasciata d´Italia vi aspettano due manifestazioni dell'Istituto Italiano di Cultura: il 28 giugno alle ore 19:00 la performance di Enrico Messina del teatro Armamaxa sull´Orlando furioso, opera epica di Ludovico Ariosto pubblicata per la prima volta 500 anni fa e il 5 luglio alle ore 19:00…
  • Il prossimo 25 maggio si svolgeranno le elezioni europee. Per i residenti all'estero i giorni del voto sono anticipati a venerdì 23 e sabato 24. In questi giorni la Cancelleria consolare di Berlino deve individuare un congruo numero di candidati disponibili a svolgere i ruoli di presidente, segretario o scrutatore…

Leave a Reply